venerdì, Luglio 19contatti +39 3534242011
Shadow

Massimo Lucà, capocannoniere della Grifo Attigliano

Malgrado l’infortunio rimani sempre capocannoniere con una media alta di gol partita, pensi di tenere questo trend?
Mi dispiace che proprio domenica sono stato sorpassato nella classifica cannonieri da Antonimi con 16 gol, ma visto che sono stato fermo due mesi e mezzo e sono lì, cercherò di giocarmela fino alla fine, anche se non sono al top della forma e la concorrenza è composta da buoni attaccanti. Cercherò di mantenere la media gol (15 gol in 12 presenze) anche se sarà difficile.

Sei considerato un centravanti di razza,di quelli che fanno gol, come mai c’è carenza in questo ruolo?
Bhe si, di gol ne ho fatti sempre molti, anche se io non mi considero un attaccante, sono una seconda punta, un trequartista, un numero “10” per capirci.
Non so se ci sia carenza di buoni attaccanti, ma nel mio girone qualche buon attaccante c’è, posso dirti Antonimi, Angelantoni, Barut, Baffo, e poi anche se non segna molti gol il mio compagno di reparto Proietti, è fortissimo una forza della natura.

Quali sono le caratteristiche che deve avere una punta?
Per me una punta deve avere scatto breve, sapersi muovere e vedere la porta è fondamentale. Certo se poi in più c’è un bel tiro… per farti capire il mio giocatore preferito è Totti, anche lui non è una vera punta, ma è dotato di un tiro formidabile.

Un consiglio che daresti ad un giovane che si appresta a praticare campi dilettantistici come i “fuori quota”.
Ai fuori quota il consiglio che darei è di ascoltare lo spogliatoio e i giocatori più esperti,cosa che ormai la maggior parte non fa più, e di cercare di impegnarsi e di rispettare i compagni e gli avversari perché il comportamento che tengono in campo lo terranno nella vita.

L’obiettivo della Grifo Attigliano in questo campionato?
Sinceramente l’obiettivo della mia squadra ad inizio anno era quello della salvezza tranquilla. Anche perché avendo acquistato un po’ di giocatori dal Lazio, non ne conoscevamo il vero valore, che poi si è riuvelato di spessore, per cui gli obiettivi attuali sono cambiati, vogliamo rimanere in zona play off per poi giocarsi il passaggio in Eccellenza. Inoltre, essendo arrivati in finale, vogliamo vincere la Coppa Italia di Promozione umbra.

Come vedi questo girone di promozione?
Il girone lo vedo molto equilibrato, anche se il Clitunno per me ha già vinto. Sinceramente ho un po’ di rammarico per questo, perché secondo me, noi della Grifo Attigliano, senza le numerose assenze per infortuni e squalifiche, ce la saremo giocata, almeno alla pari con loro. Come abbiamo dimostrato nei quarti di Coppa Italia, eliminandoli, nonostante abbiano schierato in entrambe le gare la migliore formazione. Comunque nel girone tutte le partite non sono mai scontate e ho notato che ci sono molte vittorie esterne, perciò il fattore campo non conta più di tanto.

Se il Clitunno è dato per vincente, quale è secondo te la squadra che rischia la retrocessione in questo girone?
Per la retrocessione più che la Federico Mosconi, fanalino di coda, vedo molto male l’Ortana. E questo mi dispiace molto, perché ho molti amici che fanno parte della squadra, inoltre esco molto spesso ad Orte e so quello che stanno passando. Erano partiti molto bene, ma un po’ di scelte azzardate stanno influendo sull’andamento della squadra, con il taglio di giocatori esperti.

Sei considerato da molti di categoria superiore, quali sono le tue ambizioni?
Il fatto di sentirmi dire che sono di categoria superiori mi fa molto piacere, ma per quanto riguarda le mie ambizioni, non so, ho quasi 28 anni (22 febbraio 1981) e credo che ancora posso giocare a buoni livelli, non sta a me dire in che categoria potrei giocare, anche se mi piacerebbe vedere fino a dove posso arrivare. A dicembre qualcuno mi ha cercato per la serie D, ma ho preferito rimanere alla Grifo Attigliano, qui sto bene, mi vogliono bene e mi sento rispettato. Sono molto riconoscente al Presidente Mioni e al DS Gianluca Gambini, ormai un mio caro amico. Prima di prendere una qualsiasi strada futura mi sentirò e consiglierò con loro.

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

Popups Powered By : XYZScripts.com