giovedì, settembre 29contatti +39 3534242011




Ia divisione: Libertas, chiuso il campionato a secco di punti e vittorie

Questo articolo è stato letto 1512 volte

E’ piuttosto tragico il bilancio pre-pasquale dei punti della Libertas Under18. Il campionato è giunto alla sesta e ultima giornata e gli Orvietani chiudono all’ultimo posto della classifica con sei sconfitte su sei, molto spesso frutto delle disattenzioni e delle infinite insicurezze. Dopo le vacanze, però, si spera di riprendere la strada giusta e lavorare sodo fino alle amichevoli di Giugno, dove chissà, i giovani gialloneri cercheranno di regalare al loro pubblico qualche soddisfazione in più.

L’ultimo impegno si gioca sul durissimo campo del PalaITIS di Terni, contro una CLT Thyssenkrupp più che motivata dalla conquista del titolo di Ia divisione con una giornata d’anticipo.

Tuttavia il clima non è dei più distesi, visto che il palasport è stato adibito come centro di smistamento degli aiuti per i terremotati d’Abruzzo.

La sfida comincia infatti con un simbolico servizio che non viene ricevuto, per osservare un breve minuto di silenzio in ossequio delle vittime del sisma, seguito da un forte applauso da parte di entrambe le compagini in campo.

Il sestetto d’inizio della Libertas vede schierati Fausto e Fontanieri al palleggio, Spagnoli e Fonseka alle bande e la coppia Calabrese-Bandini in ricezione. Il numero 8 Palmucci si gode il primo set dalla panchina.

La partita appare subito molto equilibrata, visto che le due squadre giocano punto a punto fino al 5-4, dove avviene il primo dei troppi blackout della partita: alcune indecisioni in ricezione e a muro e praticamente il nulla in attacco, lasciano scappare via i padroni di casa, che si portano, senza tanti complimenti, sull’11-4. Purtroppo non c’è la riscossa degli ospiti e la grinta di Fonseka non basta a risollevare gli animi; addirittura, verso metà set, a un punto orvietano ne corrispondono quattro ternani. Questa scomoda situazione proietta il sestetto della rupe già al secondo set, facendo sì che la CLT se ne fugga via e chiuda il parziale su un patetico 25-12, del tutto meritato.

I coach orvietani sono ancora ottimisti, poiché in fondo il danno è limitato solamente al primo set e tutto appare ancora recuperabile: Carotta e Pasquini, infatti, cercano subito di trovare la soluzione al disastro dalla frazione appena conclusa. Fonseka cede il posto a Palmucci, che va a coprire posto 2.

Subito Libertas avanti 2-0, grazie soprattutto alla convinzione acquisita da Spagnoli e Calabrese, praticamente “innocui” nel primo parziale. La situazione si fa ancor più rosea, quando la CLT, in evidente difficoltà, si affida al capitano Torsani, che però spesso è facile preda dei tocchi del muro orvietano. In poche parole, sembra il primo set a parti invertite: i ragazzi gialloneri diventano cecchini e la retroguardia ternana è fin troppo spesso vittima di ottimi attacchi o dei suoi stessi errori. Sta di fatto che Orvieto si porta sul 19-11, che significa massimo vantaggio e set praticamente in tasca. Ma attenti a parlare, perché una banale invasione di Fontanieri, quando Spagnoli avrebbe potuto chiudere definitivamente i discorsi, provoca timore e insicurezza nella squadra e nel capitano stesso: Terni rimonta, riportandosi a un solo punto di distacco, grazie agli attacchi di Torsani e Gilè, facendo del vantaggio della Libertas soltanto un bel ricordo. Per fortuna arriva la reazione degli ospiti che piazzano punti importanti con Palmucci e Fausto, riportando il match in carreggiata e guadagnando 4 set point sul 24-20. Purtroppo però arriva il secondo, e forse più grave blackout della gara: i nostri ragazzi non chiudono il set e la CLT acquista fiducia e riesce a portarlo ai vantaggi. Forse la demoralizzazione per non averlo chiuso prima, forse la testa già altrove, portano gli Orvietani a cercare punti impossibili, che regalano ad un incredulo Terni il secondo set che credevano ormai perso.

Nel terzo parziale non c’è storia: Fontanieri, evidentemente provato dall’enorme occasione persa, esce e lascia il posto a Fonseka, ma ormai ai padroni di casa non sfugge più un pallone e i pochi punti che la Libertas guadagna, sono per la maggior parte frutto di errori ternani. La CLT se ne va in scioltezza, facendo di questo terzo set un “allenamento”, provando anche attacchi da seconda linea con il solito Torsani e palle veloci senza muro che sono autentici bocconcini per il centrale Matteucci. Alla fine, la compagine ospite non vede l’ora di uscire dal campo, avendo subito ogni sorta di punto dai padroni di casa. La frazione si chiude 25-14, ma si è visto chiaramente che la squadra in campo era una sola.

Speriamo che queste vacanze portino consiglio alle giovani promesse della Libertas Orvieto, che hanno solo bisogno di maggior fiducia e certezze materiali. Intanto, a nome di tutta la società giovanile e lo staff tecnico, si porgono i migliori auguri di Buona Pasqua.

CLT THYSSENKRUPP TERNI – LIBERTAS CAS ORVIETO 3-0
(25-12; 28-26; 25-14)

CLT THYSSENKRUPP TERNI: Troiani, Barzagli, Carpinelli, Tanfani, Torsani [C], Matteucci, Gilè, Marroni.

LIBERTAS CAS ORVIETO: Bandini 4, Calabrese 3, Fontanieri [C] 2, Spagnoli 2, Palmucci 4, Fausto 5, Fonseka 1.

 Arbitro: Tiziana Ottaviani di TERNI

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *