lunedì, dicembre 5contatti +39 3534242011




Coppa del Mondo di Calcio dei “senzatetto”. A Milano al via la 7a edizione

Questo articolo è stato letto 5216 volte

Si svolgerà a Milano dal 6 al 13 settembre (Arena Civica) la settima edizione della Homeless World Cup, con il patrocinio del comune di Milano, di Inter e Milan e della lega Calcio.
La Homeless Cup è un torneo di livello mondiale che usa il calcio come un catalizzatore per incoraggiare le persone senza dimora a cambiare la loro vita. La prima edizione, tenuta a Graz, in Austria, vide la partecipazione di 18 nazioni. Da allora l’evento ha avuto una grande crescita: Goteborg, Svezia (2004), Edinburgh, Scozia (2005), Città del Capo, Sud Africa (2006) e Copenhagen, Danimarca (2007).

Gli atleti che parteciperanno sono circa 500, provengono da 48 Paesi e per loro il calcio è un’occasione di riscatto: chi ha partecipato finora alla Homeless World Cup ne è uscito trasformato. A distanza di sei mesi dall’edizione di Copenaghen del 2007, il 93% dei 318 atleti senza dimora ha affermato di avere una nuova motivazione per vivere, l’83% di aver migliorato le proprie relazioni sociali e il 71% di aver cambiato vita. In particolare il 29% ha trovato un lavoro, il 38% ha migliorato la sua condizione abitativa, il 32% si è iscritto a un corso di formazione e il 30% non fa più uso di alcol o droga. Infine, è rimasta la passione per il calcio, visto che il 71% ha detto che continua a giocarci regolarmente.

La Homless word cup è nata nel 2003 per idea di Mel Young, imprenditore sociale inglese, con l’obiettivo di coinvolgere gli homeless di Paesi diversi in una competizione sportiva che li stimoli a cambiare vita.
A Milano è organizzata da Myland, associazione sportiva nata per realizzare il torneo e l’Italia gioca con la squadra “La nuova multietnica”, che ha già vinto la coppa due volte, nel 2004 a Goteborg (Svezia) e a Edimburgo (Scozia) nel 2005. È allenata da Bogdan Kwappik, immigrato nel 1991 dalla Polonia, stranieri sono la maggior parte dei giocatori della squadra che si sta allenando in queste settimane all’Idroscalo di Milano.

Alla Homeless world cup si gioca una forma particolare di calcio, lo street soccer. In campo ogni squadra schiera 4 giocatori (di cui uno in porta). Altri 4 sono in panchina e i cambi sono volanti. In un campo di appena 16 metri per 22, i giocatori si sfidano con brevi e veloci passaggi. Non esiste la rimessa laterale, perché il campo è circondato da una barriera contro la quale il pallone rimbalza, rendendo il gioco ancora più veloce. “Invito i milanesi a venire all’Arena -ha detto Mel Young -, perché è un calcio molto spettacolare. Inoltre potranno conoscere la realtà dei senza dimora che nel mondo sono circa 1 miliardo”.

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *