domenica, Luglio 21contatti +39 3534242011
Shadow

Azzurra schiaccia il Viterbo e vola nei quarti di A2. E ora sotto con l’Alcamo

In una gara bellissima e appassionante la Ceprini Costruzioni ha battuto in gara due il Viterbo con il risultato rotondo di 70-41 e passa ai quarti di finale dei play-off di serie A2. Prestazione maiuscola delle ragazze di Bondi. Martedi gara uno contro l’Alcamo. 

Con i 14 punti di vantaggio in tasca messi via dopo la gara uno di mercoledi scorso in quel di Viterbo, la Ceprini Costruzioni ha affrontato la gara conclusiva del turno degli ottavi di play-off con grande lucidità offrendo ad un pubblico finalmente importante una delle migliori prestazioni della stagione. Coach Angelo Bondi in questa partita non ha sbagliato nulla, potendo contare sulla forma delle sue ragazze oggi davvero in grande giornata, ha potuto mettere insieme una gara tenuta prepotentemente in mano dall’inizio alla fine. Di contro un Viterbo mai in partita, incapace di offrire spunti di gioco e sottomesso alla potenza dimostrata dalle orvietane.

Se la gara uno non aveva del tutto soddisfatto il tecnico orvietano, oggi al PalaPorano Bondi ha potuto affermare con orgoglio di aver visto in campo “la sua Azzurra” quella che con caparbia precisione ha costruito fin dalla prima di campionato.

Ed ecco che la fatica ripaga e le ottime giocate di una Bonafede potente e incontenibile, venuta ad Orvieto per ritrovarsi e possiamo dire che si è ritrovata eccome, hanno messo in ginocchio la poca verve delle ragazze di Amedeo D’Antoni che, a questo punto, chiude qui la propria stagione accontentandosi di essersi salvato. Ma accanto a Bonafede oggi si è vista una splendida Costa, (nella foto) determinante, precisa, preziosa. Su Yordanova ormai non si sa più cosa dire, è lei il centro della Azzurra e per lei passano le vittorie e le giocate più belle. La bulgara si è rivelata un ottimo pezzo per il puzzle di Paolo Egidi e gara dopo gara questo appare sempre più evidente. Bene Calamai che si è vista su ogni centimetro quadrato del PalaPorano ad organizzare, creare, difendere e perchè no anche pungere. Buono il lavoro di Fornaro sotto le plance, buon apporto di Spirito. Consoli in arrivo da una brutta influenza non ha potuto dare granchè ma ci sarà tempo per lei per tornare a martellare le difese avversarie. Tripalo un po’ spenta, del resto ci può stare dopo una stagione in cui ha dato anche l’anima. E bene anche Giulia Fantauzzi autrice di ottime giocate. Spazio anche per la giovanissima Caprio. Ora non c’è tempo di riposarsi e di godersi il passaggio ai quarti. Già da domenica mattina le ragazze saranno al lavoro, senza forzare, per preparare la gara di martedi 13 aprile quando avranno contro l’Alcamo. L’avventura continua.

La cronaca

Le danze iniziano con una Orvieto aggressiva e precisa che insacca decisa i primi punti con Bonafede (autrice poi di una grande tripla con tanto di dedica al pubblico) e con Costa che fa vedere fin da subito di essere in grande forma. Ottime giocate per Yordanova che con Bonafede di impone di potenza sulla debole difesa del Viterbo che sul finale di frazione manda in campo Nnodi, unica ad aver impensierito, anche grazie ad un gioco oltremodo falloso, la ben chiusa difesa orvietana. A D’Antoni non bastano le buone prove difensive delle esperte Grattarola e Servillo. In campo c’è solo Orvieto e dal tabellone che chiude il primo tempo sul 19-9 si vede tutto chiaramente.

Nella seconda frazione Bondi manda in campo Spirito per dare respiro a Bonafede. Il Viterbo prova a mettere fuori la testa con la solita Nnodi ma le azioni sfumano in larga parte anche a causa di una imprecisione a tiri per le ragazze dell’Hotel Villa Sofia. Al gioco aggressivo delle gialloblu risponde Azzurra con qualche fallo di troppo e il Viterbo può salire in punteggio grazie ad alcuni tiri dalla lunetta azzeccati. Ma non basta alle ospiti per tornare in gara. Il parziale è tutto orvietano 23-12, e si chiude con un punteggio che vale già una gara, 42-21.

Dal riposo lungo Azzurra torna in campo con mezza qualificazione in tasca ma nel basket, si sa, l’ultima parola si può dire solo a cavallo della sirena finale e così, con impegno e determinazione le ragazze di Bondi continuano ad attaccare come se tutto quello fatto fino a quel momento sia stato messo in archivio. E si respira aria di vittoria se si nota che, nonostante le rotazioni che Bondi riesce a fare, la tecnica non cambia, il gioco rimane squisitamente offensivo, insomma Azzurra da l’idea di un corpo unico, di una unica testa i cui fili sono magistralmente nelle mani del tecnico, indipendentemente dalle singole in campo. Entra Fornaro per l’infaticabile Costa, la difesa viterbese non sa più come fermare il mastino Yordanova e così la atterra ogni volta che può. Ma dalla lunetta la bulgara è implacabile e la tattica del fallo con lei smette di funzionare quando un suo tiro millimetrico si insacca preciso e la mano del primo arbitro segna “3”. Grandissima Yordanova e PalaPorano in piedi ad applaudirla. Così come pochi minuti dopo per Fantauzzi che, nonostante una gran botta rimediata alla coscia, si apposta sul lato e insacca la sua tripla da sogno. Il terzo tempo termina su un parziale 12-0 e un tabellone ormai più che eloquente di 54-30.

Ultima frazione e ultime possibilità di rosicchiare punti per il Viterbo che ormai ha già le valigie pronte. Ma D’Antoni nell’ambiente è conosciuto come uno che non molla mai e allora via per l’ultima cavalcata della stagione. La tripla di Spirito prima e i due punti di Fornaro dalla lunetta, mettono subito in chiaro che non ce n’è per nessuno, tantomeno per le viterbesi in cui solo Nnodi e Quarta sembrano voler dare ancora battaglia. Azzurra è stanca ma il divario è ormai stratosferico e si pò allentare la morsa, Bondi da l’occasione di fare la doccia anche a Consoli, reduce da una influenza in settimana che non le ha permesso di allenarsi, e manda in campo anche Caprio a dire “c’ero anche io”. Si chiude con un parziale di 24-11, risultato finale: 70-41, Azzurra ai quarti e Viterbo in vacanza.

Le interviste del dopo gara

Angelo Bondi – coach Azzurra Orvieto

CEPRINI COSTRUZIONI ORVIETO – HOTEL VILLA SOFIA VITERBO  70-41
(19-9)  (42-21)  (54-30) parziali (19-9)  (23-12)  (12-9)  (24-11)

ORVIETO: Calamai 6, Bonafede 7, Caprio, Fantauzzi G. 3, Consoli, Tripalo 4, Yordanova 16, Fornaro 14, Costa 13, Spirito 7. All. Angelo Bondi (t.l. 11/16)

VITERBO: Grattarola 0, Servillo 3, Rulli 7, Quarta 10, Piervenanzi, Tava 3, Arimattei 2, Corradini, Antonelli, Nnodi 14. All. Amedeo D’Antoni (t.l. 5/13)

ARBITRI: Binda Emiliano di Ancona e Filonzi Stefano di Monsano (AN)

Azzurra Orvieto – Viterbo – gara due quarti play-off

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

Popups Powered By : XYZScripts.com