martedì, ottobre 19contatti +39 3534242011




Stefano Proietti-Stefano Di Lello la coppia d’oro del Judo umbro

Questo articolo è stato letto 6736 volte

ALGHERO – Doveva essere oro, ed oro è stato la coppia di judocas umbri Stefano Proietti-Stefano Di Lello se ne torna da Alghero con l’ennesimo titolo italiano di judo nella specialità dei Kata (forme del judo, ndr), più precisamente del Katameno Kata (kata della lotta a terra). Una esecuzione magistrale ha permesso alla coppia di poter mettersi al collo la medaglia più prestigiosa, senza dubbio una prova eccellente in vista del campionato mondiale di specialità che si terrà a giugno in Egitto, i due umbri si sono imposti davanti a quattordici agguerritissime coppie. L’ennesimo successo per i due che già in passato hanno conquistato il massimo titolo italiano, ma nel loro carnet possono vantare anche titoli europei, così come quello conquistato sul finire del 2010 a Pordenone.

Entusiasta del successo anche il vice presidente della Fijlkam Umbria e responsabile del settore judo Lamberto Parmegiano Palmieri: “Questa è una vittoria che permette ai due di splendere nel panorama italiano ancora di più. – ammette Parmegiano – Loro sono un chiaro e preciso punto di riferimento del movimento judoistico umbro e questa è l’ennesima conferma di quanto nella nostra regione, in particolare grazie a loro due, si stia lavorando bene, dobbiamo infatti ricordare che nel Kimeno Kata vi era l’altra coppia umbra composta da SergioRicci (J.Kano Foligno) e Danilo Mascioli (Gymnasium Foligno) che hanno fatto la loro prima esperienza in un campionato italiano di Kata giungendo 15esimi”. Tanta soddisfazione per l’intero movimento quindi :” Senza dubbio, io come responsabile del settore judo faccio loro i complimenti, la nostra squadra regionale dei kata condotta proprio dal maestro Proietti, insieme al centro tecnico regionale del quale si occupa il maestro Giulio Famà, è uno dei nostri punti di forza. La vittoria era quasi scontata, mi sento di dire senza remore alcuna che loro sono la coppia migliore, i risultati lo confermano”.

 

 

 

 

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *