giovedì, settembre 29contatti +39 3534242011




Orvietana: serve uno scatto d’orgoglio, senza pensare al mercato

Questo articolo è stato letto 2803 volte

Le voci di mercato in entrata e in uscita potrebbero distogliere l’attenzione di qualche protagonista, ma dopo la sconfitta di Deruta, contro la Pontevecchio c’è l’obbligo dei tre punti. Caccavale e Sedu squalificati, Volpi ha poche varianti. 

 

E’ l’ultima gara prima che riapra il mercato (poi ce ne saranno tre in una settimana…) e l’Orvietana, priva di Sedu e Caccavale squalificati, deve affrontare la Pontevecchio che sta avanti tre lunghezze. Proprio quei tre punti che i perugini hanno guadagnato la scorsa settimana grazie alla vittoria contro lo Zagarolo, mentre i biancorossi perdevano a pochi chilometri di distanza sul campo del Deruta. Curioso come il presidente della Pontevecchio Gianni Monsignori domenica scorsa abbia abbandonato il Comunale degli Ornari di Ponte San Giovanni a fine primo tempo, per recarsi proprio a Deruta ad osservare i prossimi avversari dell’Orvietana. Pontevecchio che viene da tre vittorie nelle ultime 4 gare, questo il biglietto da visita del tecnico Pedetta da quando dirige i rossoverdi dopo l’esonero di Fratini. Destino vuole che proprio Fabrizio Fratini non riesca a tornare al Muzi da avversario, anche lo scorso anno venne esonerato ad Arezzo prima di poter sfidare la sua ex squadra.

 

La formazione che affronterà la Pontevecchio, a meno di sorprese dell’ultima ora, non dovrebbe discostarsi molto da quella di domenica scorsa: Ciccone sostituirà Caccavale in difesa, mentre per il resto poco dovrebbe cambiare. Malagnino probabilmente sarà di nuovo schierato in difesa, con il trio di centrocampo formato da Nami, Chiasso e Francesconi. Davanti confermato Felici accanto alla coppia gol Alterio – Caligiuri. A parte un’autorete e un gol di Venerelli e di Caccavale, tutte le altre reti dell’Orvietana portano infatti la firma di questi due giocatori. E’ il momento di accantonare le tante voci di mercato, sia in entrata che in uscita, visto che domenica in campo andranno ancora questi protagonisti. Poi dalla settimana successiva vedremo come cambieranno i volti di tutte le squadre del girone, tra chi è pronto a rafforzarsi e chi invece per esigenze di bilancio a ridimensionarsi. E’ notizia di ieri che a Todi hanno deciso un taglio del 35% di tutti i rimborsi, con conseguenti partenze di quei giocatori che non accetteranno tale decisione.

 

Orvietana – Pontevecchio si disputa domenica 27 novembre alle ore 14.30 allo stadio L. Muzi.

Arbitrerà l’incontro il signor Simone Serrani di Monza coadiuvato dagli assistenti G. Ventre di Cassino e S. Corrado di Formia.

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

3 Comments

  • volpi tommaso

    grazie per la fiducia, tu da come parli sei un’altro allenatore mancato, speriamo nel coniglio, la prossima volta firmati sentenza, io caro mister o calciatore mancato, da quando sono nato che sono in discussione, posso anche perdere ma ho la coscienza apposto, cmq spero che questa soddisfazione non l’avrai. buonaserata. mister volpi.

  • marco.m

    Certo siamo veramente in difficolta’,fuori Caccavale sicuramente il migliore nello scandalo Deruta,presentiamo in difesa un Di Gioacchino veramente inguardabile sugli esterni un Malagnino che si vede un chilometro non puo’ ricoprire quel ruolo,un Felici che non si capisce come viene inserito in questo scacchiere.Trovo molta difficolta’ pensare che con questa squadra possiamo essere competitivi.
    L’orvietana ha sicuramente due partite difficilissime Pontevecchio e Viterbese che segneranno la partenza di diversi elementi(almeno cosi si lgge),ma come dice Lubrano la domanda sorge spontanea,metteranno in discussione anche il duo Volpi Cianciulli eventuali risultati negativi o i due non si toccano?Inoltre da come si legge dalle varie interviste dove si asserisce che la squadra la fa l’allenatore,ma se l’allenatore e’ nel caos come adesso chi lo consiglia il ds? Io credo che cosi’ non e’ che si va molto lontano,spero in una prova di orgoglio domenica e che esca il coniglio dal cilindro,ma non mi sembra che siamo sulla strada giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *