Il Federico Mosconi inizia l’anno con una vittoria

Questo articolo è stato letto 1600 volte

Sempre più in zona playoff i rossoblu che passano a Lugnano grazie al gol di Sciulli (nella foto).

LUGNANO IN TEVERINA – FEDERICO MOSCONI 0-1

LUGNANO IN TEVERINA: Trippanera, Sensini, Pernazza, Piciucchi An., Santacroce, Piciucchi M., Giontella, Farina, Chiapparicci, Ruco E., Pacioni. A DISP. Finistrauri, Sensi, Felloni, Proietti, Patrizi, Paciucchi Al., Ruco R. ALL. Santori.

FEDERICO MOSCONI: Mariani, Picchialepri, Cavalloro, Stella, Cioccolo, Sciulli A., Passeri, Chioccia, Serranti, Delli Poggi, Ragno. A DISP. Provenzani, Sciulli L., Nevi, Spallaccia, Paradiso, Mari, Montefiore. ALL. Pelucchi

MARCATORE: 10’st Sciulli L. (FM).

Il Federico Mosconi, orfano di Baffo e Frunza, inizia il 2015 con una bella vittoria contro il Lugnano in Teverina e si gode la classifica in attesa delle gare di domenica. Primo tempo non molto bello, con due sole azioni degni di nota, un tiro di Serranti che davanti al portiere non riesce a siglare il vantaggio e un destro dalla distanza di Edoardo Ruco parato da Mariani. Il secondo tempo ha un inizio scoppiettante, dopo pochi minuti, bolide di Serranti da 30 metri colpisce la traversa, poco dopo si fa male Delli Poggi (da valutare le sue condizioni) ed entra Giacomo Nevi, cambio che poi porterà alla svolta della partita, è infatti, grazie ad un suo bellissimo movimento che Luigi Sciulli riesce a stoppare un pallone di petto lanciatogli dal fratello Alessandro e con un grandissimo tiro trafigge il portiere. 10° gol per il Bomber orvietano. Il Lugnano che fino a quel momento aveva giocato un ottimo match non si dà per vinto, anche se al minuto 30 ° si ritrova a giocare in 10 contro 11. Chiappacci mette i brividi a Mariani che però salva con una parata plastica. Nel finale Nevi spreca un uno contro uno con il portiere e il risultato non cambia. Tre punti importantissimi per i rosso-blu che ora distaccano nettamente il Lugnano e aspettano nel prossimo incontro interno l’Atletico Massa.

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *