L’Orvietana deve sfidare il passato per rimanere in testa

Questo articolo è stato letto 987 volte

Arriva l’ex Nicolai che, da quando siede sulla panchina dell’Amerina, ha dato la svolta: 4 punti in due partite. Dopo questa gara il calendario metterà di fronte ai biancorossi, una dietro l’altra, la seconda e la terza della classifica.

C’è rimasta ancora una gara prima delle supersfide contro Atletico Orte e Campitello che, insieme all’Orvietana, hanno fatto il vuoto in classifica. Ma contro l’Amerina domenica al Muzi non sarà semplice, dopo il cambio di panchina infatti, i prossimi avversari dei biancorossi sono imbattuti. E l’artefice di questo cambio di rotta è una vecchia conoscenza di Orvieto: Danilo Nicolai, che in passato, da calciatore, è stato tra i protagonisti, a inizio anni 90, di una delle più belle pagine della storia dell’Uso.

Nardecchia proverà a recuperare gli ultimi infortunati e in caso potrebbe rischierare un undici iniziale simile a quelli di inizio stagione. La gara contro l’Amerina sarà fondamentale per potersi poi presentare agli scontri diretti almeno con il vantaggio immutato. Saranno impegnate tutte in trasferta le inseguitrici: l’Atletico Orte, che dista due lunghezze dall’Orvietana, a Terni sul campo dell’O. Thyrus, mentre il Campitello, a meno 3, a Guardea contro il GM10.

spalti muzi

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *