Colabrodo Orvietana: la Nuova Gualdo ne segna 6

Questo articolo è stato letto 1468 volte

Primo ko al Muzi, fortuna che Orte e Campitello non scappano, ma sono suonati campanelli d’allarme.

Arriva la prima sconfitta stagionale interna dell’anno su 9 partite casalinghe (12 se si conta anche la coppa). Per fortuna Orte e Campitello, sempre giocando in casa, non vanno oltre il pareggio e la classifica, a 11 giornate dal termine, vede ora l’Orvietana con un solo punto di ritardo dalla vetta. Vista così ci sarebbe poco da rammaricarsi, giornata storta, partita nata male, ma pochi danni in classifica. Però una capolista che prende 6 gol in casa è un evento che inevitabilmente fa troppo fragore e non può essere annoverato come semplice incidente di percorso. La squadra di Nardecchia ha subito infatti, in una sola partita, lo stesso numero di gol che aveva incassato in tutte le precedenti 8 gare disputate al Muzi.

Il problema è che l’Orvietana sta giocando sempre allo stesso modo, indipendentemente dall’avversario che ha davanti. Soprattutto in casa, quando deve fare la partita, fatica a creare gioco, si affida solo ai lanci lunghi, ben sapendo che spesso questo basta e avanza ai giocatori fuori categoria che possiede per risolvere le partite. Ma appena si presenta al Muzi una squadra che ha un atteggiamento propositivo, tornano a galla i problemi e stavolta Tomassoni e compagni hanno calcato la mano. Stavolta la prodezza di De Francesco (un gol di rara bellezza che mi rende difficile ricordarne uno più bello visto da me in questo stadio) non bastano a mascherare o far sottovalutare problemi in realtà già visti. Se a questo si aggiunge la giornata no della difesa, le poche idee a centrocampo e, prima di tutto, la perfetta interpretazione della gara da parte degli avversari, con un Tomassoni pronto a trasformare in gol ogni palla che toccava, ecco spiegato il clamoroso punteggio. Poi si può anche ricordare che a pochi secondi dalla fine del primo tempo Monesi ha colpito un palo a portiere battuto che sarebbe valso il momentaneo 3-3, ma i problemi restano.

Nardecchia manda in campo l’undici consueto delle ultime settimane, mancano sia Frellicca che Curri in difesa, per cui gioca Vergari, davanti confermato esterno Bartoli, per il resto nessuna novità. Buccoli invece ripropone la stessa formazione dell’andata, al netto degli allora assenti Biagioni e Gramaccioni. Neanche tre minuti e Tomassoni riceve sulla sinistra un pallone da Hysenaj, entra in area, trova strada libera e da posizione defilata sblocca il risultato. Tomassoni lascerà spesso a guardare i difensori di casa, gli ospiti creano gioco e avanzano palla al piede e con fraseggi, al contrario dell’Orvietana che si affida spesso ai lanci lunghi. Il pari arriva al 10’: pazzesco il tocco di Bagnato a smarcare dalla distanza De Francesco, ancora più pazzesco il tiro al volo in diagonale dal lato corto del capocannoniere del campionato: potenza, velocità e precisione che per poco portano via la porta. Sulle ali del momentaneo entusiasmo, poco dopo Bagnato prova l’incursione in area, ma il suo tiro è debole. Gli ospiti non stanno certo a guardare, sempre sul proprio lato sinistro, sfondano prima con Tomassoni, stavolta para Perquoti, poi con Hysenaj che recupera un pallone sulla linea di fondo, serve dietro il numero 10 che, dopo uno slalom, trova il raddoppio. L’ennesimo lancio lungo dei biancorossi porta poi all’1-3, il centrocampo più folto della Nuova Gualdo intercetta e serve subito colui che è in giornata di grazia e che, stavolta da posizione centrale, trova la traiettoria imparabile. Difesa di casa in tilt anche qualche minuto dopo, sempre Tomassoni ne approfitta ma stavolta non trova la mira. Ma la gara si riapre per l’atterramento in area di Bagnato che porta al rigore realizzato da De Francesco. Finale di tempo favorevole all’Orvietana, finalmente un lancio lungo pesca De Francesco in area, che però sbaglia lo stop e si allunga la palla quando era solo davanti al portiere. Poco dopo Cochi in area non trova lo spazio per il tiro, appoggia dietro a Monesi che si vede negare dal palo la gioia del pareggio.

Si torna in campo dopo l’intervallo con la speranza che gli ultimi minuti del primo tempo siano stati un segnale di cambiamento per la partita. Ma bastano 5 minuti per rivedere il solito Tomassoni andare via tra i difensori di casa che riescono a fermarlo solo con le cattive. Punizione dai 20 metri e gol del 2-4, ovviamente sempre a firma Tomassoni. Il pomeriggio però continua ad essere pirotecnico perché 5 minuti dopo, su uno dei tanti corner battuti dai padroni di casa, Gimelli trova il varco giusto per segnare di testa e riportare l’Orvietana in partita. Nardecchia le proverà tutte, dentro il neo acquisto De Michele (esterno alto) e Carpinelli, più tardi anche Ceccarini. Formazione iper offensiva e pareggio sfiorato solo intorno alla mezz’ora quando su due corner consecutivi, prima i difensori ospiti sono costretti a salvare quasi sulla linea, quindi arriva palla a De Francesco che prova di nuovo il tentativo al volo di potenza, ma la conclusione finisce a lato di poco. La partita la chiude il neo entrato Choukairi al 37’ al termine del più classico dei contropiedi, poi nel recupero il punteggio diventa tennistico con le reti di Hysenaj da una parte e Carpinelli dall’altra.

Nel prossimo turno l’Orvietana sarà impegnata sempre in casa contro l’AMC98, precipitata ai margini della zona playout (all’andata invece le due compagini si affrontarono come capoliste a punteggio pieno), mentre l’Atletico Orte giocherà in trasferta contro il fanalino di coda Bevagna, che però questa domenica ha trovato la vittoria in quel di Amelia, infine il Campitello si recherà sul campo dell’Ol. Thyrus, anche essa oggi vincente in trasferta ad Acquasparta.

ORVIETANA – NUOVA GUALDO BASTARDO 4-6

ORVIETANA: Perquoti, Vergari (27’st Ceccarini), Guida, Gimelli, Pallottino, Monesi, De Francesco, Tonelli, Cochi (17’st Carpinelli), Bagnato, Bartoli (10’st De Michele). A disp.: Tailli, Di Girolamo, Ammendola, Mollichella. All.: Nardecchia.

NUOVA GUALDO BASTARDO: Campana, Biagioni, Migliardi, Brunelli (33’st Raccogli), Boccali, Poggiani, Gramaccioni (31’st Choukairi), Pugnali, Frontetrosciani, Tomassoni (42’st Rinalducci), Hysenaj. A disp.: Marconi, Auricchio, Pieroni, Capaldini. All.: Buccioli.

ARBITRO: Tanchi di Terni (Proietti di Terni – Brodoni di Terni).

MARCATORI: 3’pt, 22’pt, 28’pt e 6’st Tomassoni (N), 10’pt e 36’pt rig. De Francesco (O), 11’st Gimelli (O), 37’st Choukairi (N), 48’st Hysenaj (N), 49’st Carpinelli (O).

NOTE: ammoniti: De Francesco (O), Hysenaj (N) e Frontetrosciani (N). Angoli: 10-2 per l’Orvietana, recupero: pt:0’; st: 4’.

PROMOZIONE B – 19° GIORNATA

Amc-Olympia Thyrus 1-2

Amerina-Bevagna 0-1

Atletico Orte-Assisi 2-2

Campitello-Clitunno 0-0

Ducato-Gm 3-0

Nestor-Nocera Umbra 0-1

Nuova Fulginium-Arrone 0-0

Orvietana-Nuova Gualdo Bastardo 4-6

CLASSIFICA

Campitello  e Atletico Orte 40

Orvietana 39

Nuova Gualdo Bastardo 34

Assisi e Ducato 33

Nocera U. 32

Clitunno 25

Nestor 24

Amerina 21

Amc 20

Nuova Fulginium e Arrone 18

Olympia Thyrus 17

Gm 13

Bevagna 12

nardecchia

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *