Al “Muzi” vince l’amicizia, la solidarietà e lo Sport

Questo articolo è stato letto 1039 volte

Nemmeno la pioggia e il cielo cupo e minaccioso hanno potuto fermare la solidarietà sportiva orvietana. Così, venerdì 14 scorso, l’antistadio “Oscar Achilli” di Orvieto è stato teatro di una giornata di grande amicizia e impegno sociale grazie alle partite delle scuole calcio di Orvietana, Federico Mosconi e Ciconia Calcio che sono scese in campo nel pomeriggio, ma soprattutto grazie al triangolare che si è svolto in serata.

“Orvieto per San Pellegrino di Norcia” è il progetto che il comune di Orvieto – assessorato allo Sport sta portando avanti da qualche tempo con l’obiettivo di dare una mano alla ricostruzione del centro sociale del paese umbro fiaccato dal terremoto del 24 agosto, e proprio l’assessore Cristina Croce, in collaborazione con la testata sportiva locale OrvietoSport.it, sono stati i motori dell’iniziativa “Gioco di Squadra”.

L’evento ha visto in campo una rappresentativa orvietana amatoriale guidata dal tecnico dell’Orvietana Riccardo Fatone, la squadra femminile del Federico Mosconi agli ordini di Sergio Tonelli e il team Giornalisti Sportivi della Ussi- Unione Stampa Sportiva Italia, sezione Umbria, sotto le direttive di Luca Pisinicca. Soltanto i calci di rigore hanno privato l’Ussi della vittoria – del tutto platonica – andata invece alla selezione orvietana.

A vincere, in realtà, sono stati gli 886 euro che sono stati raccolti a favore del progetto che a breve metterà in campo altre iniziative.

partita giornalisti 1

Fotogallery

Tutti i marcatori

Amatori-federico mosconi 4-1: zerbi 2 (a), portarena (a), bracciantini (a), materazzi (f)
Ussi umbria-federico mosconi 6-1: Zaccagni (u), cavalieri (u), massoli (u), de matteis (u), checcarelli 2 (u) staccini (f).
Amatori-ussi 1-1 (4-2 dcr): zebi (u) bracciantini (a). Sequenza rigori barontini gol perazzini gol tini parato caiello gol rossi parato zerbi gol checcarelli alto.
Arbitri Marotta Della Rossa Ciuffa

 

 

 

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *