Orvieto accoglie la Torcia Olimpica dei 33° Giochi Nazionali Estivi Special Olympics

Questo articolo è stato letto 957 volte

“L’Umbria è orgogliosa di ospitare l’inizio di questa straordinaria manifestazione, promossa, animata e vissuta da persone straordinarie. Le città di Terni e Narni sono pronte ad accogliere calorosamente i mille atleti che si misureranno con le proprie discipline in una avventura sportiva ed umana che rimarrà comunque indelebile in tutti noi”: lo ha detto il vice presidente della Giunta regionale dell’Umbria con delega allo sport, Fabio Paparelli, nel corso della conferenza stampa di presentazione, nella sede del Coni, a Roma, della XXXIII edizione dei Giochi Nazionali Estivi Special Olympics che quest’anno approdano, dal 10 al 14 maggio, per la prima volta, a Terni e a Narni, accanto a La Spezia e Biella. Alla conferenza stampa hanno partecipato il Presidente del Coni, Giovanni Malagò e il Ministro dello Sport, Luca Lotti. Presenti anche il sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, la vicesindaco Francesca Malafoglia e l’assessore allo sport della città Emilio Giacchetti.
“Gli Special Olympics – ha proseguito Paparelli – rappresentano anche una boccata di ossigeno per la ripresa del turismo in Umbria, con una previsione di circa 7 mila presenze nel corso dell’evento. Ne abbiamo bisogno perché purtroppo, rispetto alla calamità che ha colpito alcune città e luoghi emblematici della regione, l’immagine trasmessa dai mezzi di comunicazione è stata notevolmente amplificata, mentre il 90 per cento del nostro territorio non è stato assolutamente sfiorato dal sisma. Bebe Vio – ha sottolineato il vice presidente – dice spesso che essere speciali significa riuscire a far capire che il tuo punto debole diventa quello di cui vai più fiero. E per fare questo però è necessario che tutti noi, ed in particolare le istituzioni, diano un aiuto concreto per promuovere e sostenere i diritti e combattere i pregiudizi, da un lato, e dall’altro cerchino di stimolare e promuovere le occasioni di integrazione e di superamento dei propri limiti verso una condizione di vita migliore. In questo contesto gli Special Olimpics hanno per l’Umbria un significato importante da un punto di vista sociale, sportivo, turistico ed economico. Terni – ha poi ricordato – è la seconda città, dopo Roma, per attrazione di eventi sportivi. C’è dunque bisogno di sport, da qui l’appello alle Federazioni perché in Umbria venga organizzato il maggior numero possibile di eventi, sia per movimentare lo sport, che il turismo. Cominciare dagli Special Olimpics – ha concluso Paparelli – è motivo per noi di soddisfazione e di speranza”.

“Essere in Umbria e sostenere gli Special Olympics nelle città di questa regione ha detto il presidente del Coni Giovanni Malagò – testimonia il contributo che come Coni abbiamo voluto dare a sostegno di una regione di grande tradizione sportiva. In particolare alla città di Norcia, dove passerà la Torcia olimpica, che in questo ambito rappresenta un vero e proprio enclave dello sport e che nel tempo ha ospitato importanti manifestazioni. Gli Special Olympics – ha concluso – vogliono testimoniare la vicinanza di tutto il mondo dello sport all’Umbria e alla sua gente per una pronta ripresa”.
“Oggi si è fatto un gioco di squadra importante con Special Olympics, il Coni e le Regioni – ha detto il ministro Luca Lotti – perché attraverso lo sport si può migliorare l’esperienza in tutti i settori. Come Ministro – ha aggiunto – mi sono reso conto che attraverso lo Sport, che non ha colore politico, si può superare qualsiasi barriera”. Relativamente alla collocazione degli Special Olympics tra le Associazioni Benemerite stigmatizzata dal presidente Malagò, il ministro Lotti si è preso l’impegno, al termine dell’evento, “di inquadrare normativamente una situazione atipica e di risolvere il problema”.
Special Olympics coinvolgerà 3300 atleti provenienti da tutta Italia e si articolerà in 20 discipline sportive, per gli sport di squadra sono in programma gare di sport unificato che prevedono la partecipazione, all’interno della stessa squadra, di atleti con e senza disabilità intellettiva. Terni e Narni ospiteranno le discipline dell’atletica, canottaggio, dragon boat, golf, indoor rowing, nuoto, nuoto in acque aperte, tennis e tennis tavolo; a La Spezia, dall’11 al 15 giugno, sarà la volta del basket, calcio, badminton, ginnastica artistica e ritmica e, a Biella, dal 3 all’8 luglio, la competizione riguarderà le bocce, il bowling, l’equitazione, il nuoto, il nuoto in acque aperte, la pallavolo, il rugby e la vela. La manifestazione avrà anche una matrice internazionale grazie alla partecipazione di Delegazioni Special Olympics provenienti da 17 paesi stranieri: Paesi Bassi, Regno Unito, Ungheria e Lettonia a Terni; Romania, Malta, Spagna, Andorra, Svizzera e Gibilterra, a La Spezia, e Germania, Austria, Finlandia, Cipro, Canada, Portogallo e Repubblica di San Marino, a Biella. Accanto alle competizioni sportive, sono previste diverse iniziative e occasioni di approfondimento alle tematiche di inclusione sociale e volontariato.

Parallelamente alle gare, in tutti e tre gli appuntamenti, si svolgeranno i programmi sportivi non competitivi dello YAP (Young Athletes Program), programma innovativo di gioco e attività motoria per bambini fino agli 8 anni d’età, e MATP (Motor Activity Training Program), programma di allenamento studiato per bambini ed adulti con disabilità intellettive gravi e gravissime e disabilità fisiche e sensoriali con associata una disabilità intellettiva. Durante i Giochi gli atleti avranno inoltre la possibilità di sottoporsi ad esami medici gratuiti nell’ambito del Programma Salute che vede l’attuazione di specifici protocolli di accoglienza, prevenzione e diagnosi per persone con disabilità intellettiva ed il coinvolgimento di centinaia di volontari clinici.
Al termine della conferenza stampa, Massimiliano Burelli, AD di Acciai Speciali Terni, Main Sponsor dei Giochi di Terni e Narni, ha consegnato la Torcia Olimpica, donata per l’occasione da AST, nelle mani del Presidente Malagò e del Ministro Lotti. La Torcia attraverserà le principali località dell’Umbria annunciando i giochi e sensibilizzando il territorio al fine di accogliere gli atleti. Il Torch Run inizierà il 2 maggio dalla Biblioteca di AST, quando la Ternana Marathon Club prenderà in consegna la Torcia che verrà portata fino all’accensione del Tripode in Piazza della Repubblica. Le tappe successive riguarderanno Perugia-Assisi il 3 maggio, Todi-Orvieto il 4 maggio, Foligno-Spello e Trevi-Spoleto il 5 maggio, Giove-Amelia il 6 maggio, Preci-Norcia il 7 maggio, Nocera-Gualdo l’8 maggio e Otricoli-Narni il 10 maggio.

La Cerimonia di Apertura si terrà giovedì 11 maggio, alle ore 21, in Piazza della Repubblica a Terni, con l’accensione del tripode, la sfilata di tutti i partecipanti, la lettura del giuramento e la proclamazione dell’apertura ufficiale dei Giochi. Sempre a Piazza della Repubblica è prevista la Cerimonia di Chiusura sabato 13 maggio, alle ore 21. La sera del 10 maggio si terrà la festa di benvenuto presso il Comune di Narni che, in occasione della concomitante Corsa all’Anello accoglierà le delegazioni straniere Special Olympics in Piazza dei Priori, dove è previsto l’arrivo dell’ultima tappa del Torch Run.

Special Olympics è l’organizzazione per persone con disabilità intellettiva più diffusa al mondo, riconosciuta dal Comitato Olimpico Internazionale e presente in 169 Paesi. Special Olympics Italia è Associazione Benemerita del Coni e del Comitato Italiano Paralimpico.

 (ON/AF) – ORVIETO – Sono stati presentati questa mattina nella sede del CONI a Roma i 33° Giochi Nazionali Estivi Special Olympics, evento sportivo che si terrà in Umbria dall’11 al 13 maggio con il patrocinio di: Ministero della Difesa, Ministero Affari Esteri, Ministero della Salute, Federazione Italiana Nuoto, Federazione Italiana Atletica leggera, Federazione Italiana Canottaggio, Federazione Italiana Golf, Federazione Italiana Tennis Tavolo.
Special Olympics, come è noto, è l’organizzazione per persone con disabilità intellettiva più diffusa al mondo, fondata nel 1968 da Eunice Kennedy Shriver, riconosciuta dal Comitato Olimpico Internazionale, presente in 169 paesi con oltre 4.400.000 atleti. Nel nostro Paese, Special Olympics Italia è Associazione Benemerita del Coni e del Comitato Italiano Paralimpico.
Alla conferenza stampa sono intervenuti il Presidente di Special Olympics Italia, Maurizio Romiti, il Presidente del Coni, Giovanni Malagò e il Ministro dello Sport, Luca Lotti che hanno ricevuto la Torcia Olimpica dall’ing. Massimiliano Burelli, AD di Acciai Speciali Terni, Main Sponsor dei Giochi di Terni e Narni, presente, inoltre, il Vice Presidente della Giunta Regionale dell’Umbria ed Assessore con delega allo Sport, Fabio Paparelli.
Tre gli atleti che hanno rappresentato le tre le città partecipanti all’evento: Terni, La Spezia e Biella. Poi la pronuncia del giuramento dell’Atleta Special Olympics: “Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze” e la presentazione del programma delle nove discipline sportive: nuoto, nuoto in acque libere, canottaggio, indoor rowing e dragon boat, tennis, golf e tennistavolo, atletica leggera.
A misurarsi con queste discipline, dall’11 al 13 maggio al Villaggio Olimpico allestito presso l’impianto delle Piscine dello Stadio di Terni – sede umbra insieme a Narni dei Giochi Special Olympics – saranno mille atleti di 83 Team Special Olympics. Quattro le delegazioni straniere provenienti da: Paesi Bassi, Regno Unito, Ungheria e Lettonia (presenti, inoltre, 600 volontari, 191 tecnici, 194 delegati accompagnatori e 473 familiari).
I 33° Giochi Nazionali Estivi Special Olympics avranno un prologo nel Torch Run, il principale evento che precede i Giochi. 
Il passaggio della Torcia Olimpica, donata da AST, attraverserà le principali località dell’Umbria annunciando i giochi e sensibilizzando il territorio al fine di accogliere gli atleti. Il Torch Run inizierà il suo percorso il 2 maggio presso la Biblioteca di AST quando la Ternana Marathon Club prenderà in consegna la Torcia che verrà portata fino all’accensione del Tripode in Piazza della Repubblica.
Il passaggio della Torcia, accompagnato da una rappresentanza di Special Olympics Italia, sarà celebrato in ogni tappa, di particolare rilievo quella prevista a Norcia.
Le tappe previste saranno: Perugia-Assisi (3 maggio), Todi-Orvieto 4 maggio, Foligno-Spello e Trevi-Spoleto (5 maggio), Giove-Amelia (6 maggio), Preci-Norcia (7 maggio), Nocera-Gualdo (8 maggio), Otricoli-Narni (10 maggio).
Anche la Città di Orvieto – Comune Europeo dello Sport 2017 – saluterà i 33° Giochi Nazionali Special Olympics e la tappa Todi-Orvieto del Torch Run.
Per il Giovedì 4 maggio, infatti, in concomitanza con il Torch Run e nell’ambito di “Orvieto Comune Europeo dello Sport 2017”, l’Assessorato allo Sport del Comune ha organizzato l’iniziativa denominata “Ragazzi in gamba”.
L’appuntamento è alle ore 17,30 presso la Sala Consiliare con la premiazione, mediante premi personalizzati e creati a mano dai ragazzi della Comunità Airone, dei giovani atleti delle società sportive orvietane, che si sono distinti per le prestazioni nelle loro discipline.
Alle 18,30 la Fiaccola Olimpica dei Giochi Special Olympics arriverà in Piazza Duomo dove verrà acceso il Tripode. Qui verrà presa in consegna da un atleta in rappresentanza dell’Associazione Andromeda che, nell’ambito dell’evento “Orvieto in corsa”, l’accompagnerà attraverso un percorso non competitivo per le vie del centro storico, sino al ritorno in Piazza Duomo (l’intero percorso sarà seguito da un drone, che con le riprese aeree garantirà la documentazione dell’evento). Al termine della manifestazione sarà offerto un aperitivo conviviale ai partecipanti.
“L’Amministrazione Comunale – dichiara la Vice Sindaco e Assessore allo Sport, Cristina Croce che oggi ha partecipato a Roma alla presentazione degli Special Olympics – è profondamente onorata di festeggiare l’evento che si tiene nella nostra regione e nella nostra provincia e che, proprio con l’arrivo ad Orvieto della seconda tappa del Torch Run, ci dà l’opportunità di far conoscere le esperienze di inclusione sociale attraverso lo sport e il volontariato che la nostra città, riconosciuta dalla Commissione ACES Europa come ‘Comune Europeo dello Sport 2017’, da molti anni sta attuando concretamente, con grande arricchimento sul piano sociale e culturale”.

coni-roma-1 foto-coni-roma-2 foto-coni-roma-3 foto-coni-roma-4 foto-coni-roma-5 foto-coni-roma-6 foto-coni-roma-7

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *