Lorena Purini resta alla Libertas Pallavolo. Ramunno: “grande entusiasmo”

Questo articolo è stato letto 1342 volte

Tra le prime decisioni da prendere per il nuovo direttivo della Libertas Pallavolo Orvieto, guidato dal neo presidente Marco Ramunno, c’è sicuramente la definizione dello staff tecnico che dovrà occuparsi delle squadre. In questo senso va la riconferma della coach Lorena Purini che nella scorsa stagione ha seguito molti gruppi che fanno capo alla scuola volley Libertas. Lo stesso Ramunno resterà responsabile del mini volley coadiuvato da Carlotta Fini, mentre Purini si occuperà dei team U13 maschile, U12 femminile, U14 femminile. “Siamo alla ricerca di un secondo allenatore – spiega Ramunno – abbiamo preso contatti con alcuni di loro, stiamo lavorando sullo staff tecnico. I nostri obiettivi sono consolidare i vari gruppi confermando l’entusiasmo della scorsa stagione. E laddove possibile migliorare i risultati raggiunti, tenendo sempre come punto fermo e prioritario l’aspetto sociale di crescita tecnica e fisica dei ragazzi e delle ragazze.” I nuovi ingressi del direttivo sono Francesca Salticchioli (dirigente responsabile del settore maschile), Francesco Ricci (dirigente responsabile del settore femminile), Francesco Gallas e Gianfranco Chiarapini. Le squadre che parteciperanno ai vari campionati giovanili sono le Under 12-13-14-16-18 femminile e 13-16-18 maschile. “I primi di settembre inizieranno tutte le nostre attività – continua Ramunno – confermiamo la scelta fatta a suo tempo di occuparci solo del settore giovanile e in questo senso vanno i nostri investimenti.” Per quanto riguarda Purini sarà per lei il secondo anno alle prese con l’allenamento maschile: “Mi sono trovata molto bene – dice – l’ambiente è sereno, familiare, la mia prima esperienza di coach con il maschile la ritengo entusiasmante, sarà mia cura dare continuità al lavoro impostato nella passata stagione, sono felice di questa conferma e ringrazio la società per la fiducia riposta in me.”

purini

 

 

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *