Pallavolo AZ Zambelli al via. “Orvieto dirà la sua”

Questo articolo è stato letto 186 volte

Insomma, ci siamo.
Agli ordini di Coach Matteo Bibo Solforati, sotto la supervisione del direttore sportivo Pino Iannuzzi, il team del Presidente Flavio Zambelli ha cominciato la preparazione pre-campionato.
Ivan Guzzo e la new entry orvietana Alessandro Cupello – i preparatori fisici – alternano ore di allenamento in palestra e in piscina; Bibo ha subito cominciato gli allenamenti con la palla.
In questo agosto caldo, dove la temperatura all’interno di un Palapapini – che registra i lavori in corso per ottenere il via libera affinché là dentro possa essere disputato il campionato di serie A – è rovente, le ragazze, in un silenzio quasi religioso, danno fondo a tutte le proprie energie.
Poche le facce conosciute. Delle tigri che hanno vinto il campionato di serie B1 e traghettato Orvieto in serie A, sono rimaste solo la “veterana” Giulia Rocchi – alla sua terza stagione in gialloverde – Mila Montani, Beatrice Valpiani e Daniela Ginanneschi.
Gruppo nuovo quindi, con anche lo staff parzialmente rinnovato: al fianco di Bibo, c’è Fabio Tisci, almeno un decennio di esperienza alle spalle e da lui fortemente voluto, del cui coordinamento tecnico si avvarrà anche il settore giovanile.
Abbiamo raccolto le primissime impressioni di due delle protagoniste del prossimo campionato, una, ormai, vecchia conoscenza, Beatrice Valpiani, e un neo acquisto, la cui fama l’ha senz’altro preceduta, Alice Santini.

Ciao Beatrice, ben tornata. Come è stato questo rientro a Orvieto, con la prospettiva del campionato di A2?
Siamo un gruppo nuovo, quindi dobbiamo ricostruire un po’ tutto. Abbiamo cominciato a lavorare; noi ragazze ci troviamo già bene. Dobbiamo affrontare un campionato lungo e faticoso, ma siamo assolutamente pronte, abbiamo voglia di lavorare e di fare bene. Anche nello staff ci sono elementi nuovi, ma, anche se siamo qui solo da pochi giorni, gli ingranaggi stanno cominciando a girare per il verso giusto.”

Considerate le tue esperienze pregresse in questo campionato che vi accingete ad iniziare, come ti aspetti che sia per la Pallavolo AZ Zambelli?
Sarà un campionato molto difficile, per il numero di squadre (che sono 17 ndr), per le trasferte, per la composizione delle giornate. Quindi sarà veramente molto impegnativo. Ci sono squadre forti, con roster veramente importanti. Sarà dura. Vedremo pian piano con l’andare del tempo dove possiamo arrivare. L’impegno a fare bene è massimo: cercheremo di dar fastidio alle squadre più accreditate e di farci il nostro bel campionato. Fra poche settimane, inizieremo con il vernissage delle amichevoli e lì potremo testare le nostre potenzialità e vedere a che punto siamo e cosa ci sarà da migliorare.”

Alice Santini, accento marcatamente toscano, schiacciatrice in arrivo dal Volley Pesaro, racconta le primissime impressioni a caldo.
“L’arrivo a Orvieto è stato superpositivo. Mi sono trovata subito bene con tutti quanti. Già lo avevo notato dai primi approcci che avevo avuto quando ho saputo di venire qua. Vedo persone molto semplici, che hanno voglia di lavorare e sono già entrata in clima pre-campionato.”

Anche tu hai già precedenti esperienze in serie A. Come ti aspetti il prossimo campionato?
“Mi aspetto un campionato molto equilibrato. Ci sono tantissime squadre forti e, soprattutto, è veramente un tour de force, perché è lungo, con tante partite e quindi dobbiamo prepararci al meglio e organizzarci per avere una stagione di tutto rispetto. Sono sicura che Orvieto quest’anno potrà dire la sua.”

E allora via… Si parte il prossimo 8 ottobre in casa contro il San Giovanni in Marignano, un derby per Bibo Solforati e Mila Montani, i quali, dopo aver regalato alle romagnole la serie A, se le ritroveranno avversarie nel medesimo torneo; poi la prima trasferta a Cuneo. Dopodiché, le tigri saranno impegnate in due gare casalinghe consecutive, contro Caserta e Montecchio. Spetterà poi loro la prevista giornata di riposo. Ma, prima, le vedremo ruggire nell’attesissimo Trofeo Zambelli.

Nella foto di Filiberto Mariani, Alice Santini

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *