lunedì, novembre 29contatti +39 3534242011




Orvietana sconfitta con onore. E un dubbio aleggia

Questo articolo è stato letto 451 volte

Angelana – Orvietana 2-1

ANGELANA: Rossi (19’pt Tano), Barbini, Trisi, Bernicchi, Taccucci, Ciurnelli, Bartolini (13’st Licastro), De Santis, Polidori Enrico (21’st Catani), Ventanni, Biscaro Parrini (48’st Confessore).  A disp: Galassi, Chinea, Bastianini. All: Cardinali.
ORVIETANA: Sganappa, Mancinelli, Frellicca, Cotigni, Nuccioni, Avola, Locchi (37’st Ammendola), Viviani, Carissimi (25’st Terracina), Moneti, Polidori Gianluca. A disp.: Frola, Marchini, Bonaccorsi, Gulino. All.:Fatone
Arbitro:Dini di Città di Castello
Reti:5’pt Moneti(O), 21’pt Taccucci (A), 47’pt Polidori E. (A)
Note:  Ammoniti Viviani (O), Biscaro Parrini (A), Mancinelli (A), Bartolini (A), G.Polidori (O), Avola (O). Espulso Fatone al 50’ st per proteste.

E’ un’Orvietana ancora una volta orfana di alcuni dei suoi pezzi pregiati, quella che si presenta a Santa Maria degli Angeli per la sfida contro l’Angelana. Out Mouaha e Saleppico per problemi muscolari, squalificato Bernardini. Recuperato, invece, Locchi che viene schierato sin dal primo minuto.

I biancorossi partono subito con il giusto piglio e la necessaria concentrazione di chi sa che sta andando incontro ad una partita difficile e i loro sforzi vengono premiati dal momentaneo vantaggio: scambio tra Polidori e Frellicca, Moneti se ne va lungo la fascia sinistra; Frellicca lo pesca, Ciurnelli prova ad intervenire, ma Moneti lo anticipa con uno splendido sinistro, che supera anche Rossi per lo 0-1 ospite.

L’Angelana risponde al 13’, quando Ventanni si incunea nell’area orvietana, lasciando andare un gran tiro che però trova pronto Sganappa. Al 21’ il pareggio. Calcio piazzato dal limite, Bernicchi e Ventanni sulla palla, alla fine è quest’ultimo che si incarica del tiro in mezzo all’area, dove c’è Taccucci defilato e anche dimenticato dalla difesa avversaria. Il suo colpo di testa non lascia scampo a Sganappa.

Gli uomini di Fatone non ci stanno. Le loro ripartenze fulminee mettono in difficoltà la retroguardia di casa, come quando, cinque minuti dopo, Polidori scatta, riceve palla e batte Tano, ma tutto viene annullato dalla bandierina alzata dell’assistente. Ancora un’azione targata Moneti e Polidori, ma il suo tiro viene salvato da Taccucci a fil di linea.

Allo scadere tocca al Polidori avversario impegnare Sganappa, che è bravo ad alzare la palla sopra la traversa. Dagli sviluppi del corner nasce una mischia in area che culmina con l’atterramento di Biscaro Parrini. Il sig. Dini indica il dischetto dove si presenta Polidori che tira e batte l’estremo ospite. Ed è sempre lui che, dopo sette minuti dall’inizio della ripresa, in un tu per tu con Nuccioni, va giù all’interno dell’area presidiata da Sganappa; reclama un secondo penalty ma l‘arbitro stavolta nega.

E’ il quarto d’ora quando Viviani calcia una punizione direttamente sulla testa di Carissimi, ma Tano vola e tutto sfuma in calcio d’angolo.

Resta solo da registrare l’ennesima ripartenza firmata da Gianluca Polidori, che viene fermato già all’interno dell’area avversaria. Per l’arbitro l’intervento è sulla palla. Ma il dubbio continua ad aleggiare…

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *