Azzurra perde il confronto con Carispezia

Questo articolo è stato letto 450 volte

 

Orvieto perde il difficile confronto con La Spezia e e rimane con 4 punti in classifica sorpassato proprio dalle Liguri. Della difficoltà della partita già si sapeva e il campo ha confermato la forza di una compagine che ha nei suoi ranghi giocatrici importanti come Da Silva, Cadoni e Templari. Proprio Da Silva e Cadoni aprono le danze con un fulmineo 4 a 0  ma Lombardo e Bambini rimettono tutto a posto. Dopo 3’ La Spezia conduce 8 a 4 ma subito dopo le Liguri scappano fino al più 7. Poi è Cadoni show, l’ala -Pivot delle padrone di casa colleziona 1 libero e due canestri consecutivi aumentando il gap a 12 punti. Entra Chrysantidou  e dopo che Tempalari era andata a segno da 3 è Porcu ad tenere vive le speranze di Orvieto centrando un canestro da 2. Dura poco però, la reazione delle Orvietane perché La Spezia è implacabile e si porta sul 23 a 6 a circa 2’ dalla fine. La risposta di Romano è affidata all’ingresso in campo di Grilli e  Petronyte . Per un po’ non si segna e Olajide chiude in bellezza per La Spezia con due centri dalla corta distanza per il 27 a 6 con cui si chiude il quarto. Il risultato parla chiaro e le Liguri sono entrate subito in partita e nel finale hanno piazzato i colpi vincenti. La loro buona difesa e la mira di Cadoni e Da Silva ha fatto il resto. Sono 9 i punti per l’Ala bianco nera e 6 quelli della lunga portoghese. Lombardo, Porcu  e Bambini sono le autrici dei 6 punti orvietani. Si riparte ancora da Cadoni ma Porcu si fa valere e accorcia. La Spezia con Templari e Cadoni arriva fino al 33 a 8 e ci si mette anche Da Silva tanto che si gira con 27 punti di distacco fra le due formazioni. Poi Rupnik fa centro e Manfrè incrementa il punteggio quando mancano tre giri di orologio alla fine del primo tempo.  Il secondo quarto è più equilibrato del primo, Orvieto è più in partita ma due liberi di Templari, Manfrè e Da Silva da 3 chiudono il tempo sul 40 a 17. La seconda frazione  si è chiusa con un parziale di 13 a 11 anche perché Orvieto ha preso le contromisure all’avversario riuscendo ad imbrigliare le sue azioni offensive. Poi si riparte e,  ad 8’ e 43’’,  la solita Pivot Portoghese riapre le marcature, Lombardo da una risposta pronta e Porcu, dalla lunetta, sale in cattedra e riduce il distacco a 21 punti. Da Silva e Cadoni con 16 e 13 punti ciascuna sono le protagoniste della serata e Orvieto tiene accese le poche speranza di vittoria con una ottima Porcu. Ma con la Spezia di questa sera c’è poco da fare e Templari va in lunetta come se si giocasse punto a punto e fa allungare le sue di altre 3 lunghezze e si arriva al 5’ sul 57 a 21.  Cadoni giganteggia ancora e i 40 punti di differenza che si leggono sul tabellone fanno pensare alla gara già chiusa. Nel finale Grilli va a segno da 3  e si arriva al suono della sirena con il punteggio di 68 a 32. Il terzo quarto si è chiuso con un parziale di 28 a 15, meglio del primo  ma con La Spezia che ha incrementato il suo vantaggio e ha, di fatto, chiuso la partita visto che 36 punti sono difficili da recuperare. L’ultimo quarto scivola via sulla scia dei precedenti, al 5’ La Spezia ha portato il suo vantaggio sui 45 punti, Corradino arriva fino a quota 13 punti e Grilli è la migliore delle sue con 7. Poco da segnalare negli ultimi 3’, ad 1’ e 50’’ è 86 a 44 e finisce 89 a 49 in una frazione di gioco, comunque, abbastanza equilibrata e che ha visto un parziale di  21 a 17.

Azzurra Ceprini Orvieto: Porcu 8; Bambini 12; Manfrè 6; Lombardo 4; Rupnik 8; Grilli 9; Petronyte; Kolar; Presta; Coffau 2; Chrysanthidou; All. Romano

Carispezia: Silva 16; Corradino 13, Templari 10; Linguaglossa 13; Cadoni 18; Lucca 4; Mazza 2; Tosi; Giusepponi, Oljiade 6, Stoichkova 7; Innocenzi 8; All. B. Elena.

Arbitri: Bergamarco;  Marzulli

Risultato:  89 – 49  (27 – 6 / 40 – 17 / 68 – 32)

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *