Orvietana – Lama, è tempo di riscossa

Questo articolo è stato letto 303 volte

Dopo la sosta prevista in tutti i campionati per eventuali recuperi e riallineamento quindi delle classifiche in vista dell’ultima parte della stagione, domani si torna in campo in tutta l’Umbria, con inizio gare fissato alle ore 15. In Eccellenza si gioca la ventiduesima giornata e l’Orvietana ospita al “Muzi” di Orvieto, il Lama Calcio. La squadra di San Giustino si trova in settima posizione, a 30 punti, un gradino più su degli orvietani che la seguono a 26. All’andata era stato un Orvietana-show con quattro reti segnate e con l’avvio di una fase molto positiva per la squadra della rupe. L’Orvietana che il Lama troverà al ritorno è però,e purtroppo, assai diversa di quella che allora la fece da padrona. In mezzo ci sono molte gare perse, molti infortuni, molte assenze e una emergenza generale che può dirsi terminata solo da poco. Sicuramente il Lama si troverà di fronte una squadra che cerca riscatto, un gruppo affiatato e voglioso di riscossa che occupa una posizione di classifica che le sta stretta e per questo vuole riaccendere i motori.

Riccardo Fatone ha la possibilità di cogliere un importante vittoria, importante sia per la classifica che vuole i biancorossi sempre in corsa per un posto in play-off, sia per il morale. La rosa è quasi al completo: continua ad essere assente Zagarella ormai rimasto l’unico occupante della infermeria e non ci sarà Avola fermato per qualifica dal giudice sportivo. Per il resto tutti abili e presenti. La sfida è assolutamente alla portata dell’Orvietana e la settimana che si è conclusa, con tutta la squadra ad allenarsi con grande impegno dimostra quanto tutti, dal presidente, ai dirigenti e ai giocatori voglia quanto prima risollevarsi e trovare quella serenità che nelle ultime partite sembrava messa in un cassetto.

A dirigere l’incontro è stata chiamata la terna diretta dall’arbitro Marco di Loreto di Terni, con lui gli assistenti Alessandro Liti di Perugia e Paolo Brodoni di Terni.

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *