lunedì, maggio 23contatti +39 3534242011




Alla Vetrya Orvieto Basket la gara uno della semifinale in C Silver. Mercoledì 25 la gara due

Questo articolo è stato letto 884 volte

GARA 1 CON IL BOTTO PER LA VETRYA ORVIETO BASKET: I RAGAZZI DI COACH BRANDONI HANNO ESPUGNATO PER 78-81 IL PALAFOCCIÀ DOPO UN SUPPLEMENTARE E SI SONO AGGIUDICATI IL PRIMO ATTO DELLA SERIE.

I biancorossi hanno giocato una partita di grande attenzione sui due lati del campo e con grande maturità si sono guadagnati l’opportunità di sfruttare il primo match point della serie in casa, dove mercoledì 25 aprile si terrà gara 2.

In avvio di gara Perugia ha provato subito la fuga con sei punti consecutivi di Guido Provvidenza, che ha trovato la difesa orvietana sbilanciata e in ritardo su due rotazioni ben sfruttate dall’esterno perugino. Il canestro di Vanja Knezevic ha dato la scossa a Orvieto, che da quel momento ha iniziato la sua partita. I biancorossi sono stati bravi a mettere in ritmo Alunderis, che ha fatto la voce grossa sotto le plance e che ha messo la firma sul primo vantaggio orvietano con due punti e un assist per Casanova. In questo momento non poteva mancare la risposta dell’altro peso massimo della partita, l’ex Marsili, che con quattro punti consecutivi ha riportato avanti Perugia. Le due squadre si sono risposte colpo su colpo per tutto il primo quarto, con nessuna delle due capace di superare il singolo possesso di vantaggio e con le difese sembrate più efficienti degli attacchi, anche per qualche imprecisione su entrambi i lati. In questo modo i primi dieci minuti si sono chiusi con Perugia avanti di una sola lunghezza, ma con un equilibrio che è sembrato poter essere la costante di tutta la gara.

Il secondo quarto è iniziato sulla stessa linea del primo, con un corpo a corpo che è continuato per lunghi minuti. Orvieto è stata brava ad attaccare con continuità il ferro e a far presto raggiungere il bonus ai padroni di casa, con conseguenti viaggi in lunetta che hanno permesso ai rupestri di prendere in mano le redini della partita. Perugia ha provato a ribaltare la situazione con le soluzioni di Domenis e Faina, ma i rupestri non hanno ceduto di un millimetro e hanno sempre tenuto un piccolo margine sui grifoni. Nella seconda metà del quarto Orvieto ha subito un calo di cui Perugia ha approfittato per riportarsi avanti nel punteggio, prima che arrivasse la reazione dei biancorossi, guidati da un Alunderis apparso molto in palla. Il canestro di capitan Abet ha permesso a Orvieto di tornare negli spogliatoi sul 34-37.

Al rientro in campo Perugia ha provato a cambiare ritmo in difesa e ha allungato la pressione su tutto il campo per far perdere le coordinate ai rupestri. Orvieto ha impiegato qualche minuto prima di riprendere il filo del discorso con i canestri di Pigozzi e di Alunderis, che le hanno ridato il vantaggio. È seguita poi una fase di stallo, interrotta solo dal canestro di Radicchi che ha abbozzato una mini fuga dei rupestri. È però prontamente arrivata la risposta di Perugia, che con Nana ha ritrovato la parità. Le squadre hanno poi continuato a rispondersi colpo su colpo fino alla terza sirena di gara, quando il lay up in contropiede di Bonifazi ha dato di nuovo tre punti di vantaggio a Orvieto.

Il quarto decisivo è stato una girandola di emozioni, con le squadre che hanno dato tutto sul parquet e hanno fatto il possibile per portare a casa il risultato. Dopo oltre cinque minuti di equilibrio una tripla allo scadere dei 24 secondi di capitan Abet ha dato per la prima volta due possessi pieni di vantaggio a Orvieto e ha indirizzato la partita verso i biancorossi, con coach Piselli costretto a chiamare timeout. I rupestri sono riusciti a mantenere questo margine fino all’ultimo minuto e mezzo di gioco, quando poi è salito in cattedra ancora Marsili. L’ex di turno ha messo a segno cinque punti consecutivi con cui ha riportato i suoi sotto di una sola lunghezza a 45 secondi dal termine. La partita è entrata nella sua fase più calda: Perugia ha optato per il fallo sistematico e ha mandato in lunetta Alunderis, che ha messo a segno entrambi i tiri liberi del più tre Orvieto a trenta secondi dalla fine. Nella difesa più importante della gara, i rupestri hanno contenuto con grande attenzione Marsili, prima che l’esterno dei grifoni trovasse la linea giusta per il ferro e mettesse a segno il gioco da tre punti del pareggio, conquistato in seguito al fallo terminale speso proprio da Alunderis. Con undici secondi ancora da giocare Orvieto non è riuscita a costruire un tiro pulito e si è vista costretta a giocarsi tutto nel supplementare.

L’overtime è iniziato con due viaggi in lunetta di Pigozzi, che ha messo a segno due dei quattro tiri liberi tentati. È stata però Perugia la prima a prendere l’iniziativa: sei punti dell’unsung hero Antonielli, inframezzati da un gran piazzato di Frosinini, hanno dato  di nuovo la testa della gara ai grifoni, che hanno avuto l’opportunità di indirizzare decisamente dalla loro parte la gara. Orvieto ha risposto subito con Alunderis ed è rimasta a contatto, per entrare così nell’ultimo minuto di gioco con ancora tutto da decidere. I rupestri sono saliti di colpi in difesa, dove hanno costretto Perugia a perdere secondi preziosi, e sono poi andati a giocarsi un possesso decisivo a poco meno di un minuto dalla fine. In un’azione cardine Pigozzi ha trovato la giocata che ha dato tre punti pieni di vantaggio a Orvieto e che ha segnato il turning point della gara. Dopo un’altra grande difesa che ha impedito a Perugia di segnare e dopo un timeout a sedici secondi dalla fine i rupestri sono andati in lunetta con Abet, che ha dato  cinque punti di vantaggio e ha consegnato gara 1 a Orvieto. La tripla da distanza siderale di Faina a pochi secondi dalla fine ha cambiato il punteggio finale ma non la sostanza, con i rupestri che sono andati a conquistare una meritatissima e soffertissima vittoria.

Questo successo, che è corrisposto anche con la prima sconfitta stagionale in casa di Perugia, assume un grande significato sia per il destino di questa serie, che ora sembra pendere nelle mani di Orvieto, sia per il modo con cui è stato ottenuto, con una grande prestazione in cui i senior hanno dato il loro fondamentale apporto e i giovani si sono dimostrati per l’ennesima volta all’altezza del loro compito, capaci di fare la differenza anche in una gara e in un momento della stagione così importanti.

Ora c’è poco tempo per festeggiare: bisogna tornare subito in palestra per preparare al meglio gara 2, in programma mercoledì 25 aprile, quando il PalaPorano si vestirà di bianco e di rosso per spingere i nostri ragazzi verso un nuovo traguardo.

PLAYOFFS SEMIFINALI GARA 1 – SERIE C SILVER
LIOMATIC PERUGIA BASKET – VETRYA ORVIETO BASKET 78 – 81 D.T.S.
(15-14 ; 19-23 ; 17-17 ; 17-13 ; 11-14)

A.S.D. ORVIETO BASKET
BONIFAZI 4, RADICCHI 3, DUBINI, POLEGRI, KNEZEVIC V. 4, FROSININI 9, ABET 11, PIGOZZI 12, ALUNDERIS 32, RUSSO, CASANOVA 6, KNEZEVIC F..
Allenatore: A. Brandoni
Assistente All.: M. Staccini

PERUGIA BASKET S.D.R.L.
CIOFETTA 4, ANTONIELLI 8, FAINA 6, PROVVIDENZA A. 2, NANA 7, DOMENIS 4, PROVVIDENZA G. 10, RIGHETTI 13, MARSILI 22, RAGNI, SPAGNOLLI, GOMEZ 2.
Allenatore: Piselli
Assistente All.: Boccioli

ARBITRI: V. Antonelli, S. Bianchini

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *