Orvietana, si apre la crisi. Zampagna si dimette dopo la sconfitta con il Sansepolcro

Questo articolo è stato letto 896 volte

Ancora una sconfitta per l’Orvietana. Stavolta a travolgere la compagine biancorossa guidata da Riccardo Zampagna è la Vivi Altotevere Sansepolcro, sette giorni fa era stata la Pontevecchio. Due sconfitte che bruciano ma che rispecchiano in pieno la situazione della squadra che lavora molto ma porta a casa poco, o purtroppo, niente. E nella serata di ieri, sabato 6 ottobre, la crisi, se di crisi si può parlare, è sfociata nella remissione del mandato da parte dell’allenatore Riccardo Zampagna nelle mani del presidente Roberto Biagioli. E’ presumibile che i due domani, domenica 7 ottobre, perverranno ad un incontro per trovare un nuovo accordo o per dividere definitivamente le proprie strade. Il tutto alla vigilia dell’importantissima gara di ritorno in semifinale di Coppa in programma a Foligno mercoledì 10.

Ma veniamo a quanto successo al “Muzi” di Orvieto sabato 6 ottobre.

Nell’anticipo di sabato valido per la quinta giornata di andata in Eccellenza umbra, ad avere la meglio è stato dunque il Sansepolcro, su un campo allentato dalla pioggia e spesso al limite della giocabilità, con il risultato rotondo di tre reti a una, ma soprattutto con un gioco che si è visto, un gioco attento e presente, forse non troppo aggressivo ma sicuramente proficuo. Da parte Orvietana, invece, si è vista una squadra ancora con grossi problemi a centrocampo, con un attacco piuttosto deludente al centro, molto meno all’esterno, dove però palloni sembrano non arrivare mai. Una Orvietana che pare non trovare il proprio assetto, una Orvietana, in definitiva, che non sembra né carne, né pesce.

Ad aprire le marcature è il Sansepolcro al 16’pt con un bella triangolazione Valori-Fondi-Valori che confeziona un gran tiro e gonfia la rete orvietana. La risposta dei locali arriva quasi subito: al 18’pt Missaglia non sbaglia su cross di Polidori. Ma il primo tempo si chiude con i bianconeri in avanti grazie alla rete di Fondi al 37’pt con un tiro preciso figlio di una ribattuta del portiere locale su tiro precedente di D’Urso. Nella ripresa si registra una timida ripresa da parte Orvietana, Zampagna comincia a cambiare qualcosa ma non basta, la squadra è ancora scollata, qualche azione si vede ma la conclusione manca del tutto. Non manca al Sansepolcro che al 43’st chiude baracca e burattini e si prende i tre punti in palio con la terza rete ad opera di Cano autore di un diagonale preciso su ribattuta di Massetti. Orvietana in panne e poco convincente: “la squadra non mi ha convinto per niente, come del resto domenica scorsa – afferma a fine gara il presidente Roberto Biagioli, unico a parlare per tutti – secondo tempo migliore ma non ho visto giocare, è mancato il gioco, è mancato il centrocampo. C’è da fare una riflessione e pure veloce.”

E la riflessione, evidentemente, qualcuno l’ha fatta e pure di corsa.

ORVIETANA – VIVI ALTOTEVERE SANSEPOLCRO 1-3

ORVIETANA: (4-3-3) Massetti, Dottarelli (14’st Perquoti), Mosconi, Dida, Annibaldi, Lispi, Idromela (26’pt Cotigni, 39’st Caciolla), Bernardini, Castelletti (21’st Liurni), Missaglia, Polidori (14’st Frellicca). A disp.: Sganappa, Bianco, Terracina, Ricci. All. R. Zampagna

V.A. SANSEPOLCRO: (4-2-3-1) Manzi, Selvaggi, Iavarone, Bernardini (18’st Massai), Giorni M., Beers, Braccini, Arcaleni, D’Urso (38’st Cano), Valori, Fondi (38’st Bianchini, 46’st Lomarini). A disp.: Giorni G., Farinelli, Bacciarini, Scarselli, Gorini. All. A. Bricca

ARBITRO: Andrea Castrica di Terni (Giovanardi – Capicci)

MARCATORI: 16’pt Valori (S), 18’pt Missaglia (O), 37’pt Fondi (S), 43’st Cano (S)

NOTE: angoli 4-5, recupero +1′ pt/+5′ st, ammoniti Mosconi, Dida (O), Iavarone, Bernardini (S)

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

3 Comments

  • Vanadium Doc

    Ennesima pessima scelta del DS Porcari, che si ostina colpevolmente a non ritenere Enrico Zenga Broccatelli (unico vincitore del rispettivo campionato di tutte le rappresentative dell’Orvietana nella scorsa stagione), adatto alla guida della prima squadra, come se invece chiunque provenga da fuori Orvieto sia automaticamente un fenomeno… E i risultati negativi degli ultimi anni (eccezion fatta per Fatone) sono lì a parlar chiaro… Tra l’altro, un Orvietano Doc come lui alla guida dell’Orvietana, riavvicinerebbe un sacco di gente alla squadra, allo stadio, all’attacamento ad una maglia da anni scomparso… Difficile da capire???

  • De Profundis

    D’accordo. Se fossi il Presidente farei una riflessioncina anche sul direttore sportivo

  • Andrea

    Purtroppo la partita di ieri ha evidenziato una squadra che non ha un gioco, non corre ed è scollata tatticamente, che contro una squadra rodata come il San Sepolcro ha subito un’inevitabile sconfitta che poteva anche essere più rotonda… Ovviamente ci sono dei problemi , però dopo solo 5 giornate lasciare alle prime difficoltà mi sembra eccessivo, e poi sinceramente non credo che tutte le responsabilità di questo momento siano unicamente del mister…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *