Marcia, triplete da record mondiali per Romolo Pelliccia

Questo articolo è stato letto 613 volte

Dopo quelli nei 5 e 10 km al trofeo “Fulvio Villa” di Viterbo l’atleta 82enne della Libertas Orvieto centra il primato iridato nei 3 chilometri che resisteva dal ‘96

Triplete mondiale per l’ormai leggendario Romolo Pelliccia. Il marciatore di 82 anni dell’Atletica Libertas Orvieto ha centrato oggi il primato mondiale outdoor della categoria M80 nella 3 chilometri al trofeo “Fulvio Villa” di Viterbo correndo in 17:30.2 e frantumando così il precedente record che apparteneva all’altrettanto mitico atleta britannico James Grimwade che nell’ottobre del 1996 fece fermare il cronometro a 18:52.85.

Per Pelliccia è il terzo record mondiale in altrettante distanze nel giro di due anni, primati strappati sempre allo stesso Grimwade che negli anni ’90 aveva fatto il vuoto dietro di sé. Lo scorso 21 luglio a Orvieto quello nella 5 chilometri di marcia (28:03.04) e nel 2016 ai Campionati di società di Grottammare quello nei 10 chilometri di marcia (1:01.07). Ora l’ultimo obiettivo iridato resta quello sulla distanza dei 20 chilometri di cui Pelliccia detiene il record italiano indoor centrato a gennaio scorso. La nuova sfida è già lanciata per i Campionati italiani che si terranno all’inizio del prossimo anno.

“Ce l’ho nelle gambe e se riuscirò ad arrivare allenato all’appuntamento ci proverò” dice Romolo Pelliccia a fine gara visibilmente soddisfatto dell’ennesima prestazione “monstre”. Da notare infatti che anche ieri il suo è stato il quarto tempo assoluto tra gli atleti in gara molti dei quali parecchio più giovani di lui e il vincitore, un 39enne, lo ha staccato di appena 3 minuti. “Sono molto contento perché i record appartenevano a un’atleta che era stato ribattezzato “Il fenomeno”. Come dovete chiamare me allora? Semplicemente Romolo il marciatore”.

Per tutti i risultati nel dettaglio è possibile consultare il link http://www.fidal.it/risultati/2018/REG17021/Gara743.htm

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *