Sentenza finale sul “caso canotta e short” Casalicchio. Un mese di sospensione all’arbitro e multa all’Orvietana

Questo articolo è stato letto 597 volte
(foto apparsa su Gazzetta.it)

Tutto è nato da un articolo apparso prima su Eccellenza Calcio e poi su Gazzetta.it. Nei due articoli, redatti a margine della cronaca della amichevole di domenica 20 agosto 2017, amichevole che vedeva al “Muzi” l’Orvietana contro la Pontevecchio e terminata 5-2 per i biancorossi, i due giornalisti, hanno preso spunto dall’abbigliamento dell’arbitro in campo, Virginia Casalicchio, della sezione AIA di Orvieto, per “colorare” fin troppo laddove non c’era nulla da colorare. Gli shorts e la canotta nera dell’arbitro Casalicchio hanno così fatto il giro del web, finendo per procurare una specie di “incidente diplomatico” nell’ambiente.

Questo scrivevamo su OrvietoSport il giorno dopo, allegando le scuse del presidente dell’Orvietana Calcio, Roberto Biagioli, all’arbitro Casalicchio.

Da allora il fischietto Casalicchio è stata sospesa per un mese, in attesa della sentenza definitiva che si è pronunciata sul “caso” qualche giorno fa e che alleghiamo in calce. In pratica all’arbitro, ritenuta in buona fede, è stata confermata la sospensione di un mese comminata in prima istanza (sospensione dunque già effettuata) e all’Orvietana è stata inflitta una multa di 400 euro.

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *