Alla Zambelli Orvieto non riesce il colpo a San Giovanni in Marignano

Questo articolo è stato letto 172 volte

SAN GIOVANNI IN MARIGNANO (RN) – È ufficialmente entrata la primavera ma la Zambelli Orvieto si presenta con una scollatura troppo audace e non appena si alza una fresca brezza ne risente nella salute.

Le tigri gialloverdi non riescono ad affermarsi, e rimediano un tre a uno sin troppo pesante nella pool promozione della serie A2 femminile che continua a dimostrare tutta la sua complessità, soprattutto in trasferta.

Non era una gara facile quella che attendeva le rupestri che hanno provato a tenere alta la concentrazione ma sono state costrette alla resa da una Omag San Giovanni in Marignano che si è mostrata più forte delle avversità.

Il collettivo umbro parte male ma rompe gli indugi con D’Odorico (4-5). Le padrone di casa pungono con Manfredini che rovescia, ma le quattro lunghezze di ritardo sono recuperate sul turno di battuta di Ciarrocchi che fa malissimo (12-15). L’inerzia gira dalla parte orvietana con Cecchetto che difende tutto e propizia l’allungo (15-19). Provano l’inserimento di Pinali le romagnole ma ormai non c’è nulla da fare, con il quarto ace di squadra D’Odorico firma il vantaggio.

Invertiti i campi le ospiti provano a partire con Decortes subito a segno (3-5). Soffrono in ricezione le locali ma sul turno di servizio di Fairs, che va anche a segno direttamente, il punteggio torna in asse (8-8). A scavare il solco ci prova un’ispirata Ciarrocchi che va a segno in ogni maniera, sia da fondo campo che da rete (13-17). D’Odorico è efficace ma Saguatti risponde per le rime e ristabilisce la parità (20-20). Le romagnole mettono il naso avanti sul 23-22 ed è Manfredini a trovare il guizzo della parità.

Il terzo periodo comincia alla pari ma sul 3-3 c’è l’infortunio di Fairs che ricade male da una pipe e si fa male al ginocchio sinistro. La sostituisce Pinali ma l’evento non demoralizza le marignanesi che guidate da Battistoni vanno a guidare (13-9). È Saguatti a fare la differenza scavando un solco enorme (17-11). Mucciola e Kantor vengono gettate nella mischia ma è sempre la ricezione a fare acqua e le locali vanno agevolmente sul due a uno.

Nella quarta frazione Prandi smista con precisione e D’Odorico torna a fare male (7-9). Il gran lavoro di Gibertini in difesa non consente ulteriori allunghi, ma anzi permette di ricostruire e di agganciare (14-14). Il sorpasso si concretizza sul 18-17 ma si continua a combattere sino alla fine con un errore che sancisce la resa sotto lo striscione.

OMAG SAN GIOVANNI IN MARIGNANO – ZAMBELLI ORVIETO = 3-1

(17-25, 25-23, 25-16, 25-23)

SAN GIOVANNI IN MARIGNANO: Manfredini 22, Saguatti 18, Lualdi 11, Gray 6, Fairs 5, Battistoni 3, Gibertini (L1), Pinali, Casprini, Mazzotti, Caneva. N.E. – Guasti, Mandrelli (L2). All. Stefano Saja ed Alessandro Zanchi.

ORVIETO: D’Odorico 17, Decortes 13, Ciarrocchi 11, Bussoli 6, Montani 5, Prandi 3, Cecchetto (L1), Mucciola, Kantor, Stavnetchei, Quiligotti (L2). N.E. – Venturini, Angelini. All. Matteo Solforati e Luca Martinelli.

Arbitri: Massimiliano Giardini (VR) e Simone Cavicchi (SP).

OMAG (b.s. 16, v. 10, muri 7, errori 16).

ZAMBELLI (b.s. 8, v. 7, muri 5, errori 19).

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *