Primo “Gippì del Fossatello”. Tornano su strada carretti e piloti

Questo articolo è stato letto 690 volte

E’ una discesa spericolata su carretti costruiti dagli stessi partecipanti, è il 1° “Gippì del Fossatello” e si corre domenica 28 aprile nella omonima frazione del comune di Orvieto. L’idea di far ritornare in vita i vecchi carretti delle mitiche corse su strada è venuta a Andrea Oreto, orvietano, esperto norcino ma anche appassionato di corse e motori.

Stavolta i motori non c’entrano nulla però; il “Gippì del Fossatello” si corre su carretti di legno, recita il regolamento “possibilmente da ardere”, e secondo rigide indicazioni. Il carretto deve avere lunghezza massima 150 cm., larghezza massima 110 e pesare fino a 50 kg, deve poggiarsi su ruote in cuscinetti d’acciaio del diametro massimo 110mm e larghezza massima 250mm, ma cosa ben più importante deve essere dotato di freno meccanico perché, spiega il regolamento “la scesa scenne”. Il percorso, lungo 500 metri, è dunque in discesa sulla strada che da Colonnetta di Prodo porta al Fossatello dove è previsto l’arrivo. Obbligatori abbigliamento e dispositivi di protezione, casco integrale, “paradente, paragomite, paraginocchie e stinche”, così è scritto sul regolamento appositamente redatto dal comitato organizzatore. E, non poteva essere altrimenti, perché “mentre se scenne so ammesse tutte le scorrettezze”.

La corsa è di fatto una crono, con partenze cadenzate, vince quindi il miglior tempo, ma soprattutto chi arriva fino in fondo sano e salvo perché è ammesso l’arrivo anche del solo pilota, non del solo carretto. Varie le categorie: maschile singolo e doppio, femminile doppio (al via ci saranno sei piloti rosa), bambini a partire dai 5 anni in su, e i carretti storici, ovvero proprio gli originali che fino a venti anni fa si davano battaglia sulle discese orvietane. Premi anche per il carretto e per il team più originali. La crono del Fossatello vede una prova su strada con partenza alle 14:30 e alle 15:30 via con la gara. “Al momento i carretti iscritti sono 22 – spiega Oreto – ma contiamo di arrivare a 30 poiché riceviamo richieste di partecipazione e le iscrizioni si chiuderanno direttamente domenica mattina alla partenza”.

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *