Orvietana riacciuffata al fotofinish. Alla fine è comunque festa

Questo articolo è stato letto 328 volte

ORVIETANA – ASSISI SUBASIO 1-1

ORVIETANA: Sganappa (46’st Massetti), Annibaldi, Bianco, Bricchetti, Dida (44’st Frellicca), Liurni (16’st Mosconi), Cotigni, Bernardini (49’st Lanzi), Polidori, Locchi, Perquoti (39’st Lispi). A disp.: Terracina, Dottarelli, Sulimani, Ciccone. All. Silvano Fiorucci

ASSISI SUBASIO: Catarinelli, Fabiano, Francioni (6’st Pauselli), Cirilli, Filosa, Pantaleoni, Stirati, Marchetti, Castelletti, Montanucci, Pastorelli. A disp.: Lillacci, Lucentini, Ortolani, Mizzau, Ricciolini, Lupetti. All. Antonio Alessandria

ARBITRO: Francesco Zago di Conegliano 6 (Polidori-Cardinali)

MARCATORI: 29’st rig. Polidori (O), 6’st Fabiano (A)

NOTE: angoli 4-3, ammoniti Bernardini (O), Francioni, Montanucci, Pauselli (A), espulso all’8’st Annibaldi (O) per somma di ammonizioni, recupero +1’pt/+5’st

Cala il sipario e si spengono le luci sul campionato di Eccellenza Umbra 2018/2019.

L’Orvietana, già salva lo scorso turno – giacché, anche in caso di odierna sconfitta, non esisteva alcuna combinazione di classifica avulsa che potesse condannare i biancorossi ai playout – porta a casa il pareggio n. 11  del girone di ritorno, contro l’Assisi Subasio che, in virtù di questo risultato, conquista per contro la salvezza diretta.

La gara è stata abbastanza avara di emozioni; considerato la posta in palio, gli ospiti sono subito apparsi più propositivi, anche se Sganappa si è fatto trovare sempre pronto. Provvidenziale la smanacciata dopo pochi minuti sull’insidioso tiro di Montanari, altrettanto salvifico l’intervento sul colpo di testa di Francioni. Catarinelli non è da meno un minuto dopo, quando si allunga e blocca in tuffo una gran bordata dalla distanza di Locchi.

Orfano di Missaglia, squalificato, il reparto avanzato biancorosso si affida alle incursioni di Polidori, protagonista di pregevoli ripartenze. L’attaccante rupestre, tuttavia, non riuscirà mai a depositare la palla in rete: in un paio di occasioni, non inquadra lo specchio della porta, nelle altre è bravo Catarinelli a sventare il pericolo.

Non tocca miglior sorte a Stirati che batte un calcio piazzato dal limite, ma anche in questo caso il tiro è alle stelle. La punizione, che scaturisce da un fallo di Annibaldi su Castelletti, è collegata alla prima ammonizione del difensore orvietano che, all’inizio del secondo tempo, rimedia un altro giallo ed è costretto ad abbandonare anzitempo il match.

Ospiti, quindi, in superiorità numerica, per quasi tutta la ripresa; non ne approfitteranno e, anzi, è l’Orvietana che sblocca per prima il risultato, grazie a un rigore assegnato per fallo di mano di Pastorelli in area. Dal dischetto, Polidori batte Catarinelli.

Fasi convulse nel finale, dove si registrano proteste per rigori non assegnati, azioni interrotte per fuorigioco e azioni in fuorigioco non interrotte.

L’arbitro assegna cinque minuti di recupero ed è all’ultimo di questi che gli ospiti trovano il pareggio: punizione di Montanucci all’altezza del lato corto dell’area presidiata da Massetti, che tre minuti prima aveva rilevato Sganappa; palla in mezzo con Fabiano che vola più in alto di tutti e, di testa, insacca il preziosissimo goal che vale la salvezza diretta.

I numeri della stagione 2018/2019

38 punti totalizzati in 30 partite (21 nelle 15 gare del girone di andata e 17 nelle 15 gare del girone di ritorno), frutto di 8 vittorie, 14 pareggi e 8 sconfitte. 6 vittorie sono state realizzate nel girone di andata e 2 nel girone di ritorno; i pareggi del girone di andata sono 3, mentre 11 sono stati totalizzati nel girone di ritorno; infine delle 8 sconfitte, sono 6 quelle subite nel girone di andata e 2 nel girone di ritorno. Perfetta parità fra reti fatte e subite: 37 vs 37.

fotogallery in allestimento

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *