Uisp Scherma Orvieto, Campionato italiano Riccione. Della Ciana terza

Questo articolo è stato letto 317 volte

Ancora un ottimo risultato per la UISP SCHERMA ORVIETO questa settimana ai campionati Italiani giovanili di Riccione. Questa volta a distinguersi è stata DELLA CIANA Caterina, che nella categoria Giovanissime Spada Femminile è arrivata terza conquistando una bellissima medaglia di bronzo su 162 partecipanti.

“Caterina è stata eccezionale” ha detto il Maestro Davide Lo Conte “Nonostante non era partita bene ai gironi eliminatori, al tabellone della eliminazione diretta ha tirato fuori tutta la sua tecnica e coordinazione e senza perdersi d’animo ha battuto una dopo l’altra tutte le più quotate (sulla carta) avversarie, fino a giungere alla semifinale dove si è arresa perdendo solamente 10-8, pur essendo in vantaggio per gran parte dell’assalto. Brava Caterina e bravo il Maestro Andrea Malandruccolo da cui Caterina prende la gran parte delle lezioni di scherma”. Caterina, infatti, è di Monteleone d’Orvieto e due volte a settimana si allena a Città della Pieve dove la Uisp Scherma Orvieto ha aperto una sua sezione con il Maestro Malandruccolo, mentre un giorno a settimana viene ad Orvieto presso la palestra della Sala Agorà di Ciconia.

“Bellissima soddisfazione per tutta la nostra associazione, che ci ripaga di tutti i sacrifici che facciamo per promuovere la scherma anche nel comprensorio di Orvieto” questo il commento di Luca Ortu, vice Presidente della Uisp Scherma Orvieto.

Sono stati 10 i giovani schermidori Orvietani che hanno partecipato ai campionati Italiani. Bene anche Rocchigiani Lorenzo (12^ su 220) e Lo Conte Edoardo (17^ su 198), anche se per loro le condizioni si erano messe bene e, con un po’ di fortuna in più, potevano entrambi entrare nei primi 8. A seguire poi si sono distinti Pontremoli Luca (49^ su 198), Montesanti Flavio (139^ su 198), Foresi Ludovica (62^ su 120), Urbani Fiorinda (51^ su 164), Tognarini Sofia (52^ su 164), Ortu Riccardo (114^ su 217), Olimpieri Alice (105^ su 157).

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *