Stelle e medaglie brillano per il Memorial “Luca Coscioni”

Questo articolo è stato letto 300 volte

Domenica 23 giugno la decima edizione del meeting internazionale, fari puntati sulle gare di velocità, martello e salto triplo. Ai rugbisti dell’Ares Centurioni Roma il premio dell’associazione Coscioni, sabato ricco antipasto con la Staffetta dei Quartieri 


Stelle della Nazionale, medaglie mondiali e tanto cuore in pista a Orvieto per la decima edizione del meeting internazionale di atletica leggera “Memorial Luca Coscioni” che si terrà domenica 23 giugno allo stadio “Luigi Muzi”. La manifestazione, organizzata dall’Atletica Libertas Orvieto e dedicata al ricercatore e atleta orvietano malato di Sla scomparso nel 2006 a soli 38 anni, è stata presentata questa mattina nella sala delle Quattro virtù del Comune di Orvieto nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente della Libertas Orvieto, Sergio Viola, il fiduciario tecnico della Fidal e ideatore della manifestazione, Alessandro Bracciali, il presidente della Fidal Umbria, Carlo Moscatelli, la  co-presidente dell’associazione “Luca Coscioni”, Mina Welby, il sindaco di Orvieto, Roberta Tardani, i genitori di Luca, Anna e Rodolfo Coscioni, e la sorella Monica.

Settimo nel ranking italiano dei meeting nel 2018, il “Memorial Coscioni” rappresenta il più importante evento di atletica leggera che si svolge Umbria e per il decennale propone un ricco parterre di campioni nazionali e internazionali che si cimenteranno nelle 14 specialità in programma. Ad aprire le danze sarà la gara del martello dove gli occhi sono puntati su Marco Lingua, uno dei migliori specialisti italiani, due Olimpiadi alle spalle (Pechino 2008 e Rio 2016), finalista ai Mondiali di Londra e agli Europei di Amsterdam nel 2017. A dargli filo da torcere Giacomo Prosperpio che si presenta con un 70,52 metri di accredito contro i 73,64 del favorito. Emozioni assicurate dalle gare di velocità. Nei 100 metri femminile scende in pista la “velocista con gli occhiali”, la nazionale azzurra Irene Siragusa che lo scorso anno ha stabilito il record del meeting (11.21) a un soffio dal primato nazionale. Con lei in pista anche Ilenia Draisci, due volte oro ai Giochi del Mediterraneo. Nei 400 metri maschile da seguire è Alessandro Sibilio, oro con la staffetta 4×400 ai Mondiali U20 nel 2018 e agli Europei U20 nel 2017. Nei 400 metri femminile fari accesi su Chiara Bazzoni, staffettista della Nazionale che ha strappato il pass per i Mondiali di Doha a settembre, che se la dovrà vedere, tra le altre, con Rebecca Borga, Alice Mangione e le nazionali greche Irini e Anna Vasillou. Nei 100 ostacoli ci saranno Giada Carmassi, già nel giro della Nazionale, e la brasiliana Oliveira Santos Adelly, che ha rappresentato i verdeoro ai Mondiali di Pechino 2015. Nei 100 metri maschile, infine, i più attesi sono Giovanni Galbieri, staffettista azzurro e campione europeo U23 a Tallin nel 2015, Luca Antonio Cassano, e l’atleta di casa, Giovanni Tomasicchio. Nel triplo maschile il protagonista annunciato è Daniele Greco, secondo miglior triplista italiano di sempre mentre nel salto in alto gareggeranno il cinese Zhang Guowei, medaglia d’argento ai Mondiali di Pechino 2015, e Silvano Chiesani, uno dei migliori specialisti italiani degli ultimi anni che si presenta con un accredito di 2,30 metri. C’è poi curiosità per vedere all’opera nei 3000 metri Idam Ayoub, originario del Marocco, definito lo junior più promettente d’Italia e secondo ai recenti Campionati italiani.

Quest’anno le gare di mezzofondo negli 800 e nei 3000 metri fanno parte del circuito “New Balance Games” e Orvieto è il terzo appuntamento di un grand prix in 5 tappe che porterà alla finale di Cles di sabato 24 agosto.


Nel corso della manifestazione sarà assegnato il “Premio Associazione Luca Coscioni al merito sportivo e sociale” giunto alla seconda edizione. Il presidente dell’associazione Marco Gentili e la segretaria Filomena Gallo premieranno l’Asd Ares Centurioni di Roma, società di “wellchair rugby” o rugby in carrozzina. Saranno presenti la presidente Stefania Tessari e una delegazione degli atleti della squadra. Ospite a Orvieto anche il nuotatore diversamente abile Salvatore Cimmino, premiato lo scorso anno ma assente per motivi familiari.

“E’ veramente un grande traguardo essere arrivati alla decima edizione del Memorial Coscioni – evidenzia il presidente della Fidal Umbria, Carlo Moscatelli – anche alla luce delle difficoltà che stanno incontrando altri meeting in Italia. Contrariamente a questo, infatti, la manifestazione continua a crescere anno dopo anno e pure nell’edizione 2019 è stato costruito un programma di altissimo livello malgrado il fitto calendario di impegni internazionali per gli atleti che stanno cercando condizione e risultati in vista del Mondiale di Doha”. “Organizzare questa manifestazione – afferma il presidente della Libertas Orvieto, Sergio Viola – rappresenta per noi un onore e un vanto non solo per la qualità dell’evento dal punto di vista tecnico ma anche per il messaggio sociale che rinnova ogni anno nel ricordo indelebile di Luca Coscioni”.

“Essere qui oggi a ricordare Luca e la sua battaglia a difesa del diritto umano alla libertà di scienza e all’autodeterminazione – dichiara Mina Welby, co-presidente Associazione Luca Coscioni – è un ottimo modo per richiamare l’attenzione sugli obiettivi che ancora oggi l’associazione che porta il suo nome persegue. Lo sport come veicolo di conoscenza e di abbattimento di ogni barriera sociale e di ogni pregiudizio ci ricorda ancora oggi l’importanza di sviluppare la conoscenza, che richiede che la scienza sia presa debitamente in considerazione in ogni decisione politica. Ci uniamo oggi a tutta Orvieto nel ricordare Luca e i successi ottenuti in campo scientifico e politico ispirati alla sua pionieristica azione, che siano di buon auspicio in vista dei prossimi obiettivi in termini di ricerca, libertà civili e diritti”. “Luca combatteva una battaglia che non era per lui perché sapeva che la malattia lo avrebbe ucciso – dice Anna Coscioni – ma mi diceva: mamma, la ricerca scientifica ha tempi lunghi e io non ne potrò beneficiare ma non voglio che altri soffrano quello che ho sofferto io. Per questo lo ricorderemo sempre grazie ai suoi amici, alle persone che gli hanno voluto bene e ad iniziative come questa”.


La manifestazione, organizzata con la collaborazione della Fidal e del Comitato regionale umbro del Coni, con il patrocinio del Comune di Orvieto e il contributo della Cassa di risparmio di Orvieto e della Fondazione Cro, sarà trasmessa in diretta streaming sul canale della Fidal (www.atletica.tv). Speaker dell’evento sarà Giuseppe Gianfreda.

 

Durante la conferenza stampa è stato presentata anche la 54esima edizione della Staffetta dei Quartieri che quest’anno, sabato 22 giugno in piazza Duomo a partire dalle 21, farà da ricco “antipasto” proprio al “Memorial Coscioni”. Alcuni degli atleti in gara domenica hanno assicurato la loro presenza in piazza che quella sera si tingerà dei colori dei quattro quartieri di Orvieto: Olmo, Corsica, Stella e Serancia. Oltre 200 i piccoli atleti che prenderanno parte alla Micro Staffetta (per i nati dal 2012 al 2015), alla Mini Staffetta (2008-2011) e alla Staffetta delle scuole medie organizzate dall’Atletica Libertas Orvieto. A seguire l’attesa gara degli adulti che vedrà impegnati 10 frazionisti per ogni squadra, di cui una donna e un Master 40, nei 930 metri circa del percorso che si snoda per le vie del centro storico intorno alla Cattedrale, suggestivo punto di partenza e arrivo della gara. Lo scorso anno vinse il Corsica rompendo il monopolio dell’Olmo che durava ininterrottamente dal 2011. E’ la Stella invece in testa all’albo d’oro della manifestazione con 15 successi, poi Corsica (13), Olmo (10) e Serancia (3).

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *