Vola il tennis orvietano. Tc Open in B e Tennis 90 in C

Questo articolo è stato letto 295 volte

 

Giornata indimenticabile per la racchetta orvietana. Ai piedi della Rupe si giocava la finalissima nazionale di serie C, ovvero lo spareggio per approdare nel campionato cadetto. Allo Sport Village, torrido e non solo per il caldo, il TC Open ospitava il TC Sardegna Terracina, con i laziali ancora imbattuti nel cammino verso l’appuntamento più importante della stagione. Finisce con un perentorio 5-1 ma molti incontri si rivelano ostici e combattuti fin dall’ inizio.

Nei singolari, soffertissimi al terzo set i successi di Chiurulli e Picchione nei confronti di Bove e Vittorini, tutto facile per il campione svizzero Remi Bertola opposto al numero uno ospite Russo, sconfitta per Saverio Trippetti a beneficio di Sponticcia. Si va così ai doppi decisivi sul risultato di 3 a 1 a favore degli orvietani. Capitan Mazzi spolvera il doppio delle grandi occasioni formato da Bertola e Picchione, che s’impongono agevolmente e regalano il trionfo al team del presidente Stefano Spaccini, in grado di riportare in B il sodalizio dopo appena due anni. “Vorrei dedicare la vittoria a tutti i bambini/e di Orvieto che giocano a tennis ed a quelli che stanno pensando d’iniziare. È un giorno molto importante per il movimento nella nostra città”. Queste le prime parole del patron biancorosso.

Ecco il dettaglio degli incontri.

Bertola b Russo 61/63

Picchione b Vittorini 67/64/61

Chiurulli b Bove 57/63/62

Trippetti b Sponticcia 36/57

Bertola/Picchione b Sponticcia/Bove 63/60

Chiurulli/Trippetti b Vettorini/Russo 36/21 rit

Nel frattempo a Spoleto, nel circolo di Montarello, il Tennis 90 di coach Andrea Pelucchi, con i “suoi ragazzi terribili Simone e Luca Feola, Alessandro Ceccaroni, Luca Picchialepri, Daniele Cenci e Gianluca Graziani, fa sua la finalissima di serie D1 e, dopo più di 15 anni di assenza, torna nel massimo campionato regionale, coronando una giornata che resterà davvero negli annali del tennis orvietano.

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *