Sabato le prove della 47a Cronoscalata della Castellana

Questo articolo è stato letto 312 volte

Verifiche in corso a Orvieto nel venerdì del round umbro del Trofeo Italiano Velocità Montagna, che il 7 settembre accende telecamere e motori per due ricognizioni in vista della gara di domenica con l’attesa sfida Fattorini-Zardo e al via tanti protagonisti nazionali e locali e il “pieno” di giovani e “lady” da corsa

Si scalda l’atmosfera a Orvieto nel venerdì delle verifiche sportive e tecniche della 47^ Cronoscalata della Castellana. Sono 170 i piloti iscritti alla prova umbra del Trofeo Italiano Velocità Montagna chiamati con le rispettive auto da corsa alle operazioni preliminari, vero e proprio antipasto che ha inaugurato l’emozionante evento motoristico organizzato e rinnovato dall’asd La Castellana, supportata dall’Automobile Club Terni e sempre pronta ad accogliere i protagonisti nazionali e locali della serie promossa da ACI Sport e offrire i massimi standard richiesti da una manifestazione del genere. In corso nell’area parcheggio dello stadio “Muzi” a Orvieto Scalo, le verifiche si concluderanno in serata e in seguito sarà disponibile l’elenco di partenza per le due prove ufficiali di sabato a partire dalle 9.00 sul tracciato di 6190 metri dalle porte della città a salire verso Colonnetta di Prodo. Poi domenica 8 settembre il clou, con gara 1 sempre dalle 9.00 e gara 2 a seguire. La somma dei tempi decreterà il vincitore assoluto e quelli delle varie categorie in gara alla Castellana 2019, mentre in entrambe le giornate la strada del percorso di gara lungo la SS79 sarà chiusa a partire dalle 8.00.

Sale dunque l’attesa per ammirare in azione sulle tribune naturali del tracciato o via schermo i protagonisti nazionali e locali, tra i quali spiccano tanti piloti umbri, ben 15 under 25, 9 donne, campioni italiani, alcune presenze particolari come quella del driver e noto attore Ettore Bassi su Osella-Suzuki e 37 auto storiche. Naturalmente c’è grande attenzione per quelli che sono annunciati come i pretendenti di vertice alla corona della Castellana 2019, anche se in tutte le categorie nessuno alzerà il piede dell’acceleratore nelle tante sfide ravvicinate previste. Quella all’interno delle categorie prototipi e formula dovrebbero decidere il vincitore assoluto, ruolo al quale sono in primis candidati l’idolo locale Michele Fattorini, iscritto con l’Osella Fa30 Zytek e a caccia del poker nella gara di casa dopo i successi 2015-17-18 e il veneto già campione italiano Denny Zardo, atteso protagonista del Tricolore al volante della Norma M20 Fc Zytek e da par suo vincitore con record (2’48”5) all’esordio a Orvieto nel 2016 (quella volta con la Lola Evo Zytek di F.3000 ora utilizzata dal campano Angelo Marino, in gara pure lui a Orvieto).

Fattorini si è così espresso alla vigilia: “Il desiderio di tornare in auto è forte, visto che dalla mia ultima corsa è ormai passato un mese e mezzo. La gara di casa è sempre complessa, cercheremo di fare il meglio possibile e in prova con il team testeremo alcune soluzioni nuove. Non vedo l’ora di iniziare, sono consapevole che si può migliorare rispetto all’anno scorso e dobbiamo riuscirci, poi, è chiaro, contro Zardo e gli altri niente sarà semplice. Di certo posso dire che quest’anno il tracciato di gara è uno spettacolo: a livello di preparazione, allestimento, sicurezza e bellezza c’è solo da fare i complimenti al presidente Luciano Carboni e a tutta l’asd La Castellana per il lavoro svolto”. Nel paddock orvietano di Ciconia è nel pomeriggio arrivato anche Zardo, che dal suo canto ha commentato: “Sono qui per i punti del TIVM e per fare chilometri sulla Norma. Il tracciato di Orvieto è davvero molto bello e tecnico. Ho dei bei ricordi di quando ho vinto con la F.3000 e con un buon crono. Bello trovare diversi sfidanti qui, confrontarsi con tutti è sempre molto stimolante sia come pilota sia come team e quindi speriamo sia una gara senza inconvenienti”.

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *