Orvietana senza più scuse al “Muzi” contro l’Angelana

Questo articolo è stato letto 394 volte

Con alle spalle tre sconfitte consecutive (Fontanelle Branca, San Sisto e Massa Martana) l’Orvietana scende in campo oggi al “Muzi” di Orvieto contro l’Angelana. La squadra di Santa Maria degli Angeli fa parte del gruppone che in alta classifica al momento si trova a quota 34, alle spalle della Subasio (35) e della capolista Bastia che conduce il campionato di Eccellenza con 39 punti quando siamo giunti alla quinta giornata di ritorno.

Per i biancorossi di Riccardo Fatone non sarà certamente una partita facile: sorvolando, ma non troppo, sulle assenze e sugli acciacchi vari che ormai da più di un mese condizionano le scelte dell’allenatore e le prestazioni di tutto il team, a questo punto è ora di darsi una scossa e tornare a aggredire il campionato come fatto prima della sosta natalizia. Se il capitolo assenze non può e non deve essere più un alibi, è però innegabile che la non perfetta condizione di vari giocatori tra cui La Cava, Saleppico e Polidori, la prolungata lontananza dal campo e dal gruppo di Mouah e il fermo per infortunio di Zagarella sono aspetti che non possono essere sottovalutati. Fatone ha in mano una rosa più che valida ma non al meglio della forma e questo, pur se non può essere la chiave di volta del momentaccio biancorosso è sicuramente la cartina al tornasole di un disagio che la squadra manifesta. E vincere il disagio a volte può essere complicato.

La classifica ha bisogno di punti per muoversi e il morale ha bisogno di punti per tornare in sella. Una sferzata di velato ottimismo arriva dal direttore sportivo Matteo Porcari che ammette “siamo malconci, ma ci siamo”. E il suo “ci siamo” suona come un caparbio “riprendiamoci il nostro posto, forza ragazzi”. I tre punti in palio saranno messi sul piatto oggi pomeriggio alle 14:30 sotto la direzione della terna formata dall’arbitro Luca Pinti di Perugia e dagli assistenti folignati Francesco Baroni e Lorenzo Papapietro.

 

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *