Mirko Grillo in nazionale sbandieratori

Questo articolo è stato letto 315 volte

Grande soddisfazione per il Gruppo Sbandieratori e
Musici dei Quartieri e della Città di Orvieto per l’accesso di Mirko Grillo, Maestro di Bandiera di 1° grado, nella nazionale sbandieratori italiana.

Grillo, presente alle selezioni che si sono tenute domenica 11 marzo scorso a Chianciano (Siena) insieme a Luca Nania che però concorreva per i Musici, ha partecipato alla due giorni toscana iniziata sabato 10 con i provini (Sbandieratori, presso il Palazzetto del Centro Polisportivo a Chianciano Terme, Musici, presso il salone Nervi e la Sala Fellini all’interno del Parco Acqua Santa) per concludersi, in un crescendo di emozioni, domenica 11, prima con l’attesa lettura dei nomi della “rosa”, poi con un allenamento congiunto tra sbandieratori e musici.

“Un grande applauso va a questi due ragazzi,
Mirko Grillo e Luca Nania, per aver dato il meglio di sé in questa importante circostanza.” Così il Presidente del Gruppo, Armando Fratini. “Siamo orgogliosi di entrambi e felici di aver vissuto dal vivo queste emozioni. Lavoreremo da subito per portare, l’anno prossimo, altri ragazzi alle nuove Selezioni LIS, per far crescere sempre più questo nostro Gruppo. Questo risultato inoltre è molto stimolante, perché oltre a confermare la bontà del lavoro svolto e quindi del buon livello raggiunto anche dagli altri nostri atleti, dà a questi due ragazzi, che già con la loro passione sono dei trascinatori, un credito di stima che sarà molto utile sia all’interno del gruppo durante gli allenamenti, sia all’esterno per attirare nuovi componenti”.

Prossimo appuntamento, il 22 aprile prossimo nel borgo di Corinaldo (AN), in occasione della Festa dei Folli, quando la Nazionale Italia Sbandieratori e Musici LIS si esibirà prima in Parata, lungo il corso cittadino, poi a seguire nel Gala della Bandiera”. Per Mirko Grillo sarà la prima uscita ufficiale con la Nazionale LIS e una grande occasione per dare il meglio di sé nella seducente “arte della bandiera”.

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *