Zambelli Orvieto sotto i riflettori con le centrali Montani e Mio Bertolo

Questo articolo è stato letto 48 volte

C’è ancora tanto entusiasmo attorno alla Zambelli Orvieto che ha colto un successo di grande rilievo domenica scorsa ed ha conquistato un traguardo che all’inizio dell’anno era impensabile.

Al primo anno di partecipazione alla serie A2 femminile le tigri gialloverdi parteciperanno ai play-off, un privilegio che spetta alle squadre classificate dal secondo al nono posto e che mette in palio una promozione nell’aristocrazia della pallavolo italiana.

La progressione registrata dalla squadra rupestre durante la stagione è stata costante, un po’ come la crescita che ha evidenziato in questi anni la società sportiva orvietana, passata dalle categorie regionali ad un passo dal campionato più bello del mondo.

A guardare le statistiche elaborate dalla Lega Pallavolo Serie A si scopre che ci sono delle ulteriori soddisfazioni, su tutte quelle del rendimento al centro della  formazione umbra che ha piazzato due giocatrici sul podio.

Tra le migliori realizzatrici della categoria, infatti, nel reparto delle specialiste di veloci e muri si sono messe in luce Mila Montani che ha chiuso al primo posto con 368 punti personali e Giulia Mio Bertolo che si è posizionata al terzo con 322 colpi vincenti.

E se le analisi di rendimento non mentono, significa che tutta la squadra ha avuto un grande merito perché la buona ricezione ha consentito di potere giocare in maniera diversificata e la regia le ha potute sfruttare a dovere.

La regina della zona-tre è dunque Mila Montani che vuole condividere il risultato con la squadra: «Sono molto contenta del mio rendimento, soprattutto perché negli ultimi anni sono rimasta in serie B, rinunciando ad offerte di categoria superiore. Prima ero giovane ed inesperta, nel’ultimo anno di serie A che ho disputato ero la terza centrale e, malgrado la promozione, avevo avuto poco spazio. Una stagione come questa rimane però nel cuore, ho saltato tre partite e potevo fare anche meglio, ma è stata fantastica. Il merito è anche della palleggiatrice con cui ho un intesa che forse non ho mai avuto con nessun’altra, la fiducia reciproca è stata fondamentale per raggiungere questo risultato, a rimarcare ancora più il merito di Beatrice Valpiani è il fatto che nella classifica al terzo posto c’è Giulia Mio Bertolo, con cui Orvieto forma una coppia di centrali veramente top. Significa che come gioco ci siamo trovate bene con l’alzatrice che è riuscita a tirare fuori il meglio da noi, a tutto vantaggio della squadra. Ora andiamo avanti e cerchiamo di migliorare se possibile le statistiche ai play-off. Mi tengo stretto questo risultato con grande soddisfazione, non dico che a trent’anni un’atleta sia arrivata ma di certo è al culmine della parabola sia a livello fisico che di maturità, anche se sono dell’idea che si può sempre migliorare. Sono contenta per me, per la squadra e per coach Matteo Solforati che ha fatto uno splendido lavoro ed è riuscito a risollevare un’annata che era partita non proprio bene. Gli sforzi fatti sono andati a buon fine».

Adesso non resta che gustarsi la coda del campionato, una seconda fase che si preannuncia elettrizzante visto che la Zambelli sarà protagonista negli scontri promozione.

La tifoseria è già in fermento per la gara che si disputerà al Pala-Papini mercoledì 18 aprile, che prolunga di fatto un sogno fantastico e che farà vivere agli amanti delle schiacciate grandi emozioni.

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *