martedì, Aprile 16contatti +39 3534242011
Shadow

Basket C1 girone F . Situazione al giro di boa

Una prima di ritorno che ha scosso a sorpresa le gerarchie createsi in vetta al giro di boa, consegnando una classifica ancora più corta nelle prime posizioni, merito dei colpi esterni di Orvieto e Fondi, rispettivamente a Roma contro la Luiss e nel derby a Gaeta. Più sorprendente a mio parere la vittoria degli umbri, in condizioni fisiche non proprio ottimali ma in grado di tenere testa agli universitari, tra l’altro al completo e per nulla rilassati come si poteva pensare dopo la splendida vittoria su Sassari. La truppa di Polesello gioca infatti la sua partita, condita anche da ottime percentuali da oltre l’arco, ma cede nella parte finale ai terribili giovani di Brandoni che con la loro freschezza e sfrontatezza risultano decisivi, emblematica la penetrazione di Giulio Negrotti in faccia a Polselli (207 cm) che ha praticamente chiuso i giochi. Sicuramente ha pesato anche la differenza dell’impegno precedente, i romani appunto erano reduci dalla gara contro Sassari che per forza di cose aveva tolto parecchie energie dal punto di vista psico-fisico mentre Orvieto era stata impegnata il giorno prima in una sorta di allenamento conto il fanalino di coda Smit, ma una vittoria così può far aumentare ancora di più la consapevolezza nei propri mezzi ad una squadra che resta pienamente in corsa nella lotta per un posto tra le prime 4. A rientrare prepotentemente in questa corsa è tornata anche la Virtus Fondi che ferma al PalaMarina la cavalcata trionfale del Serapo Gaeta grazie ad una splendida rimonta nella ripresa, difficilmente pronosticabile nell’intervallo lungo dopo un primo tempo giocato con grande autorità dalla squadra campione d’inverno. Decisiva la zona 2-3 di Conte che ha messo in crisi la truppa di Nardone, troppo lenta nella circolazione e imprecisa da oltre l’arco ma anche piuttosto sfortunata nell’ultima tripla del capitano avversario Romano, emerso alla grande nel momento topico del match.

Di questa doppia inaspettata sconfitta sono in molte ad approfittare, in primis l’Edera Basket Sassari che torna sola in vetta espugnando Valmontone con la reazione tipica da grande squadra dopo una sconfitta importante, anche se la truppa casilina, priva di Matteo Rischia, ha retto l’urto finchè ha potuto. Risalgono anche le squadre nel gruppone play-off, oltre a Orvieto e Fondi infatti la classifica si accorcia anche e soprattutto per l’Olimpia Cagliari, potenzialmente al secondo posto se dovesse vincere il recupero non facile in quel di Frascati. I sardi non si sforzano nemmeno in questo turno visto il grave errore con i biglietti aerei della Giochi Enrico Ciampino che ora con ogni probabilità perderà partita, biglietti (si proverà a spostarli per la trasferta di Sassari) e anche un punto in classifica come da regolamento. Probabilmente la squadra migliore e sicuramente la più continua tra le quarte si è rivelata proprio l’Olimpia Cagliari, che ha messo in mostra una certa solidità e l’unità del gruppo, cementato ancora di più dall’improvvisa partenza di Moscianese, l’unico volto nuovo a disposizione di Corsi rispetto alla passata stagione. Risale anche Contigliano che torna alla vittoria facilmente nel palazzetto della Smit ma soprattutto ritrova De Ambrosi, subito in grado di fare la differenza e confermatosi uno dei pochi (se non l’unico) elementi indispensabili per Bordoni. A completare il lotto play-off resta Aprilia che non è agganciata al treno solo perché è ancora ferma da prima di Natale visto il rinvio della gara contro la Lazio Riano e il turno di riposo. Al rientro la truppa di Sardo troverà sicuramente un nuovo parquet al PalaRespighi e probabilmente anche un nuovo arrivo dal mercato, visti gli infortuni di Iacoangeli e Coppa che hanno ovviamente scombinato i piani della società pontina.

Finalmente si smuove anche la situazione in coda dove si è allargata pericolosamente la forbice tra le ultime due e il resto della classifica. Se per la Smit il destino sembra ormai segnato da diverse settimane, Frascati invece perde una delle ultime occasioni per dare una scossa al suo campionato, cedendo al supplementare nello scontro diretto in casa con la Lazio Riano. Troppo deficitaria la condizione fisica della truppa di Pasquinelli che si presenta senza Mai e Chianese, oltre ad un Simeone febbricitante e a mezzo servizio. La squadra di Bocci non stava particolarmente meglio e infatti ne viene fuori una partita tutt’altro che memorabile che Scuotto e compagni vincono anche per la maggior esperienza, emersa in un overtime quasi dominato malgrado i 5 punti di vantaggio buttati negli ultimi 20” dei tempi regolamentari. A complicare le cose per Frascati ci si è messa anche la vittoria al cardiopalma della Sam al PalaRinaldi (4 successi su 8) contro la Minerva, in una partita condotta nel primo tempo ma messa in discussione dal carattere degli ospiti e decisa in un finale tirato, nel quale risulta fondamentale una tripla di un altro giovane interessante della scuderia di Castellano che risponde al nome di Yuri Piccolo (classe ’95). Per la truppa di Santini invece un’altra sconfitta che evidenzia le condizioni fisiche precarie del gruppo, ora però quasi pienamente recuperato e che potrà dire la sua nel resto del campionato, la Minerva infatti, come Valmontone e Ciampino, non deve perdere le speranze di agganciare il gruppo play-off visto che il campionato è ancora troppo lungo, ma per lo stesso tempo deve anche guardarsi alle spalle.

Roberto De Simone.This is a feature that basically lets you bug notice the target phone

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com