lunedì, dicembre 5contatti +39 3534242011




Prima vittoria per l’Oasi

Questo articolo è stato letto 2183 volte

La compagine guidata da Seghetta si impone nettamente sul Bastardo.

 

OASI ORVIETO – BASTARDO 5-2

OASI: Pifferi, Prosperini, Dionisi, Caiello, Casantini, Nobu, Biancarini, Valeriani, Giani, Cuini, Corradini. All. Seghetta.

 

BASTARDO: Ciliani, Pugnali, Romagnoli, Santocchi, Antonelli, Mazzocchi E., Landini, Giardini, Curcio, Alunni, Tordi, Mazzocchi. All. Mazzocchi.

 

ARBITRI: Giustelli e Vichi di Terni

 

RETI: 7’pt Antonelli, 19’pt Nobu, 23’pt Casantini, 2’st Biancarini, 11’ st Nobu, 23’st Mazzocchi, 24’ st Nobu.

 

AMMONITI: Biancarini, Dionisi, Caiello, Alunni, Mazzocchi.

 

Buona prestazione per i ragazzi di mister Seghetta, che con un secco 5 a 2 battono in casa il Bastardo. Rispetto alle altre gare l’ Oasi scende in campo più determinata e vuole subito fare bene, i primi minuti sono tutti dell’Oasi che con Biancarini sfiora il vantaggio in un paio di occasioni. Passano sette minuti e il Bastardo passa in vantaggio, tiro da fuori di Antonelli, disattenzione difensiva, la palla probabilmente deviata da Dionisi, entra in rete.

Reazione dell’Oasi, dopo pochi minuti sfiora il pareggio con Valeriani che di testa manda la palla di poco sopra la traversa. Al 19’ Nobu pareggia i conti con un gran tiro da fuori, palla sotto le gambe del portiere, uno a uno.

Passano quattro minuti ed Oasi in vantaggio, questa volta con Casantini. Al 25’ Pifferi salva il risultato deviando la palla in angolo.

Il primo tempo si conclude sul due a uno per la squadra di casa.

 

Nel secondo tempo è l’Oasi a fare la partita, al 3’ Biancarini sigla il tre a uno; ci prova anche Dionisi, palla sulla traversa. L’Oasi allunga ancora le distanze, all’ 11’ Nobu porta l’Oasi sul quattro a uno.

Il Bastardo prova ad accorciare le distanze, su disattenzione della difesa al 23’ Mazzocchi sigla il momentaneo quattro a due.

Il solito Nobu chiude la partita e sigla il cinque a due.

Ultima occasione per il Bastardo al 27’, palla fuori.

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *