lunedì, Maggio 20contatti +39 3534242011

Shadow

Niente da fare per la matricola Ceprini contro le campionesse d’Italia. Trasferta out a Taranto

La lunga, lunghissima trasferta in quel di Taranto, porta in casa Ceprini la prima sconfitta in serie A1. Sconfitta incassata dalla squadra orvietana ad opera di una compagine contro cui Bondi e compagne poco hanno potuto fare, complice anche una giornata non proprio felice di qualche elemento.

Nella terza giornata di campionato dunque l’Azzurra Ceprini Costruzioni Orvieto incappa nella prima sconfitta stagionale contro le campionesse d’Italia in carica della GoldBet Cras Taranto guidate da coach Roberto Ricchini, tecnico della nazionale italiana. Una sconfitta che tutto sommato può starci, seppur con il pesante punteggio di 74-47. Una sconfitta non recriminabile, in un match nel quale Taranto ha imposto la propria forza ed Azzurra non è riuscita a dimostrare tutto il proprio valore.

Le ragazze di coach Angelo Bondi, scese in campo con il quintetto base formato da Mariani, Fassina, Infantes, Sutherlnd ed Hampton, hanno provato a rimanere il più possibile agganciate alle avversarie mantenendo distacchi accettabili nei primi due quarti di gara. Dal terzo periodo, però, non c’è stata più partita, le pugliesi sono riuscite ad allungare con due pesanti break inflitti alle orvietane fino al definitivo +27.

Cronaca del match da Blunote.it – portale di informazione sportiva

PRIMO PARZIALE: 

Un avvio di gara senza eccessiva pressione nè spinte sul pedale dell’acceleratore. Dopo scarsi 2′ di gioco Petronyte fora la retina per Taranto, piazzando anche un libero: 3-0. Orvieto affida la reazione all’esprerienza grintosa di Hampton che sfrutta la lunetta con freddezza (2/2). Prosegue il rimpallo di punti fra la pivot lettone e la pivot Usa, dominatrici del pitturato. Il primo sorpasso ospite è firmato da Sutherland (5-6) a 6’40”. La partita assume un andamento più aggressivo e veloce. Antibe riporta in vantaggio di 1 la Goldbet, mentre Ricchini punta su Zanoni. L’ala si rivela preziosa: sigla una doppietta che vale il massimo vantaggio ionico: +5, 13-8, a 3′ dalla fine del primo quarto. Le difese si stringono, e il punteggio resta basso. Hampton accorcia a -1, ma Wonder Meg punisce in area e ai liberi e allunga il vantaggio rossoblu a +3 (15-12) quando il cronometro lascia 1 minuto da giocare. Ultimi 60” secondi senza palpiti, e risultato fermo sul 15-12 per la Goldbet.

SECONDO PARZIALE:

Ripresa spigolosa e fisica. Antibe infila di tecnica e traina l’avanzata di Taranto: nuovo massimo vantaggio +5, 17-12, dopo 40”. Imprecisa e confusionaria Orvieto, le padrone di casa ne approfittano: Wabara porta a +7 la Goldbet a 7’12”. La gara scorre a regimi bassi. Gulak erode il passivo con un centro da sotto, ma le ioniche hanno ingranato la marcia e, a metà periodo, con Zanoni (in ripresa effervescente) e Mahoney si portano sul +9 (23-14), massimo vantaggio del match. L’ala del Sud Dakota prova a innalzare il livello di emozione in una gara noiosa sparando una tripla che non entra di poco. Il tabellone continua a restare fermo sul punteggio di 23-16, a 2’40” dall’intervallo lungo. A 4′ dal fischio, Cohen riscatta una prestazione altalenante in cabina di regia con il 2/2 dalla lunetta seguito da una bomba dalla linea dei 6.75 mt che fa sobbalzare il pubblico sugli spalti e vale il +11 (28-17). Fassina prova a restringere il gap, ma la play israeliana sembra aver bevuto un infuso potenziante: ancora a segno, firma 7 punti consecutivi e il massimo vantaggio ionico di +13 con cui le squadre vanno negli spogliatoi: 30-19.

TERZO PARZIALE: 

Formazioni in campo con aggressività palpabile. Si lotta sotto le plance e la prima a penetrare e bucare è Giauro, con l’abituale tiro da sotto: 32-22 dopo 2′. Risponde l’affilata Hampton da 3 che accorcia a -7 il passivo di Orvieto. La lunetta aiuta la Goldbet che ritrova il vantaggio in doppia cifra con Petronyte: 34-24 a 7’50”. Ping pong di canestri con Fassina e Cohen, ancora dai 6.75 mt. La regista di Israele fa salire la temperatura del Palamazzola. Le ospiti non cedono il passo e nuovamente affidandosi a Fassina infilano il canestro. L’intensità si fa elevata rispetto al primo tempo. Petronyte raggiunge quota 9 punti personali, mentre Sutherland contiene l’allungo ionico: 39-29 a 5’55”. Coach Ricchini mette a riposo Cohen sostituendola con Gatti. La giovane Petronyte continua a macinare punti (11) confermandosi terminale offensivo prezioso. Orvieto regge con Sutherland e Fassina, ma il Cras ha in Megan Mahoney la sua arma in più: l’ala Usa piazza 6 punti in 2′ (un centro e bis di 2/2 liberi). 47-34 recita il tabellone a 3′ dal fischio. Gatti si rende protagonista di un’azione ad alto livello di spettacolarità, piazzando una tripla che vale il +16, massimo vantaggio della gara. La partita si fa più nervosa: Hampton in lunetta trova l’1/2, mentre Cohen chiude il parziale sul punteggio di 52-37 con un tiro a filo di sirena.

QUARTO PARZIALE:

Si riparte con grinta: la Goldbet, ricaricata dalla propria prestazione di forza, cerca l’affondo finale mentre Orvieto mira a rialzare la testa. Primo centro per Wabara, seguita dalla solita Hampton per le ospiti, e da Zanoni fra le file ioniche. Dopo 2′ Taranto raggiunge il nuovo massimo vantaggio di +18, 57-39. Wabara continua ad accumulare punti nel forziere rossoblu, archiviando un utile 2/2 dalla lunetta: 58-39. Petronyte brilla: buca la retina avversaria toccando quota +19 Goldbet (60-41) e 13 punti personali, ma l’entusiasmo è bilanciato da una tripla d’orgoglio di Mariani. Cohen si conferma chirurgica nei liberi (2/2) ma è tutta la formazione di casa a girare alla grande: Petronyte allunga ancora (+20) e, poco più di un minuto dopo, firma anche il 2/2 dalla lunetta. L’entusiasmo dei tifosi tarantini esplode. La diga di Orvieto cede del tutto: la Goldbet dilaga: 68-45, +23, a 2’30” dalla fine del match. Ricchini fa ruotare le sue giocatrici per dar loro respiro e, ad ogni staffetta, il tifo tributa onori e applausi alle beniamine rossoblu. Ultimi minuti umilianti per le ospiti che non trovano più la retina ma continuano a subire colpi su colpi. Wabara e Petronyte, con una doppietta crudele, chiudono i giochi sul punteggio di 74-45. Taranto agguanta con merito il secondo successo stagionale, grazie ad una prova che fa ben sperare per il futuro.

In giornata negativa il play Infantes che aveva trascinato Azzurra nelle prime due gare di regoular season e che invece non è riuscita ad interpretare la gara come doveva. E in fase realizzativa solo Hampton in doppia cifra (15) mentre tra le fila di Taranto sono stati determinanti i 21 punti di Petronyte, i 16 di Cohen e i 10 di Mahoney. Senza soffermarsi troppo sui singoli, tutto il gruppo umbro è sembrato non in giornata di grazia pagando, forse, l’esperienza e la compattezza della GoldBet, ormai da diverse stagioni saldamente ancorata al vertice della classifica, vincendo tre scudetti nelle ultime quattro stagioni, cedendo solamente a Schio in finale (3-2) nella stagione 2010-2011.

Una sconfitta, quindi, che farà sicuramente bene alle ragazze di Bondi che avranno modo durante questa settimana di lavorare e concentrarsi sugli errori commessi per rimettersi in carreggiata e prepare al meglio il difficile impegno di domenica prossima, quando al Palasport di Porano si giocherà il derby umbro con Acqua&Sapone Umbertide, uscita vittoriosa dalla gara casalinga contro il Club Atletico Romagna 68-51. Nelle altre gare giocate ieri grande vittoria della Lavezzini Parma contro Famila Wuber Schio (66-64), e 2 punti anche per Pozzuoli, che batte Priolo 74-71, e Lucca vincente per 69-62 contro Cagliari. Umbertide resta quindi in testa alla classifica con 6 punti seguita da un gruppetto composto da Taranto, Orvieto, Parma e Lucca a 4 punti.

Sala Stampa da Blunote.it – portale di informazione sportiva

Angelo Bondi – coach Orvieto / E’ cortese e disponibile, Angelo Bondi, coach della formazione umbra neo promossa in A1, ma la sconfitta gli pesa non poco: “Non mi aspettavo una prestazione così poco convincente. D’accordo, siamo esordienti, matricole e abbiamo giocato contro le campionesse d’Italia in carica, ma non abbiamo dato il meglio, anzi. Prendere solo il 50% dei rimbalzi (36 contro 18) non è da noi, non siamo messi così male fisicamente. Alcune delle mie hanno pagato un eccesso di riverenza nei confronti di Taranto“.

Il tecnico di Orvieto ravvisa proprio nell’approccio psicologico la chiave di lettura della sconfitta, in un atteggiamento mentale sbagliato che ha finito col condizionare l’andamento dell’intero match: “Sono un po’ deluso, abbiamo disputato un brutto secondo quarto, avrei voluto che la mia squadra proponesse il meglio di ciò che ha fatto finora, invece abbiamo commesso errori che non facciamo solitamente, abbiamo peccato di attenzione. Non dovevamo pensare di giocare alla pari ma con grinta e concentrazione. Anche il pubblico tarantino ha inciso, perchè non siamo assolutamente abituati a un tifo così“.

Orvieto, vincente nelle prime due partite di campionato, è una squadra giovane che ha mostrato subito di avere delle buone carte da giocare: “Il mio team mi piace, ecco perché sono dispiaciuto per questa brutta sconfitta. E’una formazione abbastanza equilibrata e può puntare all’ottavo posto che ci garantirebbe una tranquilla seconda fase. Siamo neo promossi e non possiamo mirare troppo in alto, ma dobbiamo continuare a lavorare con lucidità e buona volontà“.

Roberto Ricchini – coach Taranto / Ricchini respira, sorride, resta sereno ma soprattutto inizia a vedere i frutti del lavoro. Il successo con Orvieto rilancia le ambizione di un Goldbet Cras che riesce a rialzare la testa dopo il ko contro Umbertide. “Le partite non sono mai facili. Noi siamo alla ricerca dell’identità e vogliamo diventare competitivi. Per farlo puntiamo a vincere contro tutti. Siamo in fase di costruzione, stiamo amalgamando giocatrici differenti per raggiungere buoni risultati. La continuità sui 40 minuti è un handicap a cui abbiamo rimediato in questa gara ma che dobbiamo confermare in futuro. La gara contro Orvieto è probante: hanno un buon assetto fra i pivot ed è equilibrata. Abbiamo dominato dall’inizio e questo rende merito al nostro lavoro. Petronyte? HA delle caratteristiche precise, un centro puro come pochi ce ne sono. Cohen è in crescita e sta migliorando nella direzione giusta. Stiamo trovando un linguaggio comune per raggiungere la piena crescita. Un inciso su Wabara: sarà anche una giocatrice poco appariscente ma in difesa sta sicuramente facendo un lavoro oscuro che continuerà anche in futuro. Diamo tempo a questa team di crescere perché ha dei margini di miglioramento che ora come ora non possiamo definire”

GOLDBET TARANTO – CEPRINI ORVIETO 74-47
15-12; 30-19; 52-37; 74-45.

GOLDBET TARANTO: Cohen 16, Siccardi, Mahoney 10, Antibe 4, Petronyte 21; Gatti 5, Panella, Zanoni 9, Giauro 2, Wabara 7. All. Ricchini.

CEPRINI COSTRUZIONI ORVIETO: Infantes 5, Maiorano, Mariani 5, Sutherland 5, Hampton 15; Puliti n.e., Baldelli, Fassina 9, Tava n.e., Gulak 8. All. Bondi.

ARBITRI: Borrelli di Napoli e Ascione di Caserta.

NOTE: T2 GoldBet 22/42, Orvieto 13/34; T3 GoldBet 4/15, Orvieto 3/7; TL GoldBet 18/19, Orvieto 12/20.
Spettatori 1750.

ULTIMO TURNO: 3° Giornata Andata
Lavezzini Parma Famila Wüber Schio 66-64    
G.M.A. Pall. Pozzuoli Trogylos Priolo 74-71    
Gesam Gas Lucca C.U.S. Cagliari 69-62    
Goldbet Taranto Ceprini Costruzioni Orvieto 74-47    
Acqua&Sapone Umbertide Club Atl. Romagna 68-51    
Riposa: C.U.S. Chieti

 

A1 – regular season
Classifica Pun PG V P
1. Acqua&Sapone Umbertide 6 3 3 0
2. Goldbet Taranto 4 3 2 1
3. Ceprini Costruzioni Orvieto 4 3 2 1
4. Lavezzini Parma 4 3 2 1
5. Gesam Gas Lucca 4 3 2 1
6. C.U.S. Cagliari 2 2 1 1
7. C.U.S. Chieti 2 2 1 1
8. Famila Wüber Schio 2 2 1 1
9. G.M.A. Pall. Pozzuoli 2 3 1 2
10. Trogylos Priolo 0 3 0 3
11. Club Atl. Romagna 0 3 0 3

 

PROSSIMO TURNO: 4° Giornata Andata
Famila Wüber Schio C.U.S. Chieti   4/11/12 Ore 18:00
Trogylos Priolo Goldbet Taranto   4/11/12 Ore 18:00
Ceprini Costruzioni Orvieto Acqua&Sapone Umbertide   4/11/12 Ore 18:00
Club Atl. Romagna G.M.A. Pall. Pozzuoli   4/11/12 Ore 18:00
C.U.S. Cagliari Lavezzini Parma   4/11/12 Ore 18:00
Riposa: Gesam Gas Lucca

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

Popups Powered By : XYZScripts.com