lunedì, agosto 8contatti +39 3534242011




Vittoria per Oasi e Federico Mosconi

Questo articolo è stato letto 1297 volte

Nella decima giornata di campionato per la Libertas Oasi di Seghetta arriva la prima vittoria stagionale contro La Valletta. Ok anche la Mosconi di Belluz.

Finalmente arrivano in casa i primi tre punti per l’Oasi calcio  a 5 nel campionato regionale di serie C1, 5-3 il risultato finale, a segno Nobu, doppietta di Fringuello, sigla la rete che chiude il match il giovane juniores Simoncini.

Gioia e tre punti anche per il Federico Mosconi di mister Belluz che al Comunale di Sferracavallo nell’ ottava giornata di del Campionato di Terza Categoria conquista la vittoria con un netto quattro a uno. Tripletta di Delli Poggi, quarta rete di Ermini Simone, ritorno in campo dopo infortunio di Melone. Malgrado l’ infortunio di Polegri nei primi minuti di gioco, tanta gioia ed emozione in campo e sugli spalti per il ritorno e l’esordio in prima squadra tra i pali di Nicola Basili.

 

Così sarebbero iniziati i miei articoletti che solitamente scrivo il lunedì, dopo aver trascorso in trasferta o in casa il mio week end sportivo, come pseudo addetta stampa dell’ Oasi e come tifosa del Federico Mosconi. La gioia provata venerdì sera al PalaPapini con i miei amici dell’ Oasi per questa prima vittoria che da inizio campionato cercavamo, rincorsa a Norcia, Deruta, Perugia e che finalmente è arrivata proprio in casa e l’ emozione nel rivedere domenica pomeriggio mio fratello tra i pali in un attimo si è trasformata in tristezza.  Tristezza e impotenza nei confronti della natura, nei confronti di quell’ onda di fango che in un attimo è riuscita a distruggere i sacrifici di una vita di molte famiglie.

 Non servono altre parole, in questo piccolo spazio, rappresentando Oasi e prima squadra del Federico Mosconi, voglio esprimere tutta la NOSTRA solidarietà ai nostri amici.

In particolar modo a Maurizio, dirigente Oasi e a Riccardo, giocatore del Federico Mosconi.

Noi ci siamo, la famiglia Oasi c’è, soprattutto adesso.

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *