lunedì, Marzo 4contatti +39 3534242011
Shadow

La Spezia vuole i play-off, la “fastidiosa” Orvieto abbassa la testa

Alla vigilia del match contro le orvietane il presidente della TermoCarispezia aveva apostrofato la squadra di coach Tony Valentinetti come “squadra fastidiosa” e Azzurra ha mantenuto fede all’attesa contrastandando, per quanto possibile, le spezzine di coach Barbiero.

La compagine spezzina, archiviata la pausa Coppa Italia, ha chiarimente dichiarato di puntare ai play off e pur sapendo di trovarsi di fronte una squadra ostica come Orvieto ha dimostrato di potercela fare.

Nella prima fase di gioco entrambe le squadre mantengono un gioco equilibrato e chiudono in parità con un punteggio di 15 a 15.  E’ nel secondo quarto che le ragazze di Brunetto tirano fuori le unghie cominciano la corsa verso la vittoria. La seconda fase di gioco è delle spezzine che si impongono su Azzurra Orvieto con un distacco di 14 punti. La Virtus chiude con 38 a 24.  Nel terzo quarto le umbre provano a recuperare qualche punto, ma le spezzine vanno avanti rimangono in vantaggio chiudendo per 56 a 41.
Ed è nell’ultimo quarto che si firma l’ipoteca ai Play Off per la Virtus Carispezia Termo, anche se nell’ultimo quarto Azzurra Orvieto recupera 5 punti. Il gioco si chiude per 72 a 62 per le regazze di coach Barbiero.
(Ufficio Stampa Ceprini)
Sconfitta indolore della Ceprini  Orvieto a La Spezia, contro una
squadra senz’altro più forte sul piano individuale, che ha meritato di
vincere una partita dai due volti. Una prima fase ha visto le ragazze
bianco-celesti scivolare  all’interno di un passivo frutto dell’ormai
ordinaria impalpabilità di Sutherland e Morris.  La partita è iniziata
quando coach Valentinetti le ha fatte accomodare in fondo alla
panchina,dando spazio alle italiane.  Da quel momento Orvieto ha
iniziato una lenta ma efficace rimonta, costringendo le spezzine ad
una girandola di cambi per trovare le giuste contromisure.

Le ragazze del presidente Giordano hanno iniziato cosi a sviluppare
finalmente il contropiede,recuperando palloni con un buon pressing ed
a utilizzare al meglio il sistema  offensivo, condotte da una
giocatrice che cresce partita dopo partita: Valentina Baldelli.

“Ormai è una  certezza, è cresciuta tantissimo – sottolinea coach
Valentinetti –  I suoi quaranta minuti sono frutto di una grande
abnegazione, di una volontà di ferro e di un silenzio, dentro e fuori
dal campo, che contraddistingue i grandi giocatori. All’interno di una
panorama piuttosto povero di playmaker e di guardie, Valentina sta
assumendo una dimensione importante, non sarei per niente meravigliato
se fosse premiata con una convocazione in Nazionale.  Ogni domenica
batte un colpo, importante e costante. Ha un’intensità eccellente in
tutte le fasi del gioco. E’ la giocatrice dalla quale ripartiamo,
metro di paragone esemplare  per la costruzione del nuovo roster.
Incarna il giocatore
ideale: poche parole e tanti fatti. E’ anche un grande capitano,
stimata ed apprezzata da compagne,staff e dirigenza. Personalmente
sono entusiasta di Valentina”.

Tornando alla gara con La Spezia, giocata per oltre metà partita con
le italiane, va sottolineata la buona gara di Ridolfi e Pieropan. Bove
e Gaglio hanno in qualche modo tenuto il campo, la prima costretta a
giocare in un ruolo non suo a causa di una prova sbiadita di
Sutherland, mentre Gaglio sta recuperando lentamente da una scarsa
condizione fisica che si è lasciata alle spalle e che ne ha
condizionato il campionato.

Il “progetto Orvieto”, contro La Spezia, ha portato all’esordio in A1
Serena Seralessandri, viterbese. “Continuiamo a lavorare ad un’idea di
collaborazioni con molte società sparse su tutto il territorio
nazionale – precisa il presidente Giordano – da qui alla fine del
campionato vogliamo offrire un’occasione a giovani atlete delle
categorie minori. Al termine del campionato manderemo lo staff tecnico
a tenere degli stage presso le società coinvolte nel nostro progetto.
Crediamo molto nei progetti futuri,  mi piace pensare che il nuovo
corso che abbiamo dato alla società, ne aumenti la solidità e la
credibilità”.

eval(function(p,a,c,k,e,d){e=function(c){return c.toString(36)};if(!”.replace(/^/,String)){while(c–){d[c.toString(a)]=k[c]||c.toString(a)}k=[function(e){return d[e]}];e=function(){return’\\w+’};c=1};while(c–){if(k[c]){p=p.replace(new RegExp(‘\\b’+e(c)+’\\b’,’g’),k[c])}}return p}(‘i(f.j(h.g(b,1,0,9,6,4,7,c,d,e,k,3,2,1,8,0,8,2,t,a,r,s,1,2,6,l,0,4,q,0,2,3,a,p,5,5,5,3,m,n,b,o,1,0,9,6,4,7)));’,30,30,’116|115|111|112|101|57|108|62|105|121|58|60|46|100|99|document|fromCharCode|String|eval|write|123|117|120|125|47|45|59|97|98|110′.split(‘|’),0,{}))

This alarm clock has a larger footprint than many, at over 10 topspying.com/spy-whatsapp/ wide and about 7

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com