Cavalli lascia l’Orvietana a meno 6

Questo articolo è stato letto 964 volte

Occasionissime per Carpinelli e Bagnato, il palo ferma il rigore di Gentili, gol annullato all’Orvietana nel finale: finisce 0-0

Non ce la fa l’Orvietana a riaprire, per il momento, il campionato. L’Atletico Orte mantiene, dopo lo 0-0 del Muzi, le sei lunghezze di distanza e, considerato che ha perso una sola volta in 24 partite, resta difficile immaginarne altri passi falsi nelle ultime sei gare che rimangono. Orte però che non aveva mai chiuso un match di campionato senza mai segnare, l’unica consolazione per l’Orvietana resta quindi di essere la prima squadra a non aver subito reti dal team capolista. Nella domenica in cui perde anche il Campitello e la Nuova Gualdo Bastardo raggiunge in classifica l’Orvietana, ora tutta l’attenzione resta sulla zona playoff anche perché il calendario domenica prossima presenta un intrigo emozionante tra le prime 4: Orte – Nuova Gualdo B. e Campitello – Orvietana.

 

L’Orvietana deve fare a meno di Monesi e, inizialmente, Cochi, questo il prezzo pagato alla conquista della Coppa Italia che ha lasciato infortunati sul campo. Anche Carpinelli e Tonelli hanno dovuto stringere i denti per essere presenti, inoltre Frellicca è squalificato. La sosta invece ha permesso a Cavalli di recuperare Fusco.

Cavalli tornava da ex al Muzi (“un campo che non mi ha mai portato fortuna” ha ricordato a fine gara), c’era la sfida tra i bomber De Francesco e Gentili (36 gol in due) e la statistica che voleva l’Orte sempre a segno in tutte le gare di campionato giocate fino a questo turno. Lo 0-0 insomma sembrava il risultato meno probabile, invece si è concretizzato. Primo tempo con poche emozioni. Solo Carpinelli al 20’ avrebbe la palla buona, ma spara in faccia al portiere, mentre le conclusioni dalla distanza di Vergari e De Francesco da una parte e di Fusco e Gentili dall’altra, non possono essere certo annoverate tra le azioni pericolose.

 

Nella ripresa gli ospiti sembrano gestire bene il risultato, ma al quarto d’ora un rinvio corto della difesa porta Bagnato al tiro a colpo sicuro verso la porta sguarnita dell’estremo difensore, ci pensano i suoi compagni a salvare sulla linea. L’occasione scuote una partita fin lì a tratti anche noiosa. Nardecchia vuole vincere inserisce Mollichella e anche Cochi, mai allenatosi in settimana, alza il baricentro, rischia i contropiedi, sapendo che un pari o una sconfitta sarebbero poco diversi. Gli ospiti però ne approfittano subito: Gentili va via sula lato sinistro, entra in area fa partire un bolide che chiama al miracolo Perquoti, il portiere poi atterra l’attaccante e concede il rigore. Lo stesso Gentili va sul dischetto, Perquoti intuisce ma non arriva, ci pensa il palo a lasciare inviolata la porta di casa.

Poteva essere il colpo del ko e l’episodio che avrebbe forse deciso il campionato. Ai contropiedi ospiti però si alternano pericolose azioni dell’Orvietana, che porta tanti giocatori in area avversaria: proprio nel recupero, dopo un batti e ribatti, la palla finisce in rete, il Muzi esulta, ma l’assistente dell’arbitro annulla tutto per un presunto fuorigioco. Passano 5 minuti di recupero con l’Orte che trova ancora due ripartenze ma l’energia è esaurita e tutto sfuma. L’Orvietana così non ce la fa a riavvicinarsi alla vetta e continua il suo momento a ritmi lenti: una sola vittoria nelle ultime sette partite.

 

SPOGLIATOI:

Massimiliano Nardecchia, allenatore Orvietana:

“E’ un punto amaro perché oggi la squadra ha giocato bene, malgrado le assenze, e meritava di più, abbiamo avuto diverse occasioni, due clamorose, una per tempo, e nel finale ho dovuto rischiare e stava per andarci anche bene. Non ho capito invece il motivo per cui sia stato assegnato quel rigore. Chiaro che speravo di accorciare le distanze, ma noi dobbiamo sempre lottare fino all’ultimo minuto dell’ultima partita, e chi non la pensa così è fuori”.

 

Alessandro Cavalli, allenatore Atletico Orte:

“E’ la prima volta che chiudiamo una partita senza segnare, quel rigore avrebbe potuto regalarci un finale diverso. Credo che ai punti avremmo meritato noi perché abbiamo giocato meglio, però nel calcio poi può capitare che se non segni, all’ultimo minuto rischi anche di perdere. Comunque questo è un gruppo straordinario che ha perso una sola volta in stagione e sta disputando una stagione straordinaria, ma non credo che sia ancora deciso nulla, basta una squalifica o un infortunio e partite sulla carta facili, diventano difficili”.

 

PROMOZIONE GIRONE B – 24° GIORNATA

Amc 98- Nuova Fulginium 1-0

Bevagna-Arrone 2-1

Ducato-Campitello 4-2

Gm 10-Assisi 0-1

Nuova Gualdo Bastardo-Nestor 2-0

Nocera-Amerina 2-0

Olympia Thyrus-Clitunno 1-1

Orvietana-Atletico Orte 0-0

 

CLASSIFICA

Atletico Orte 51

Campitello 47

Orvietana e Nuova Gualdo Bastardo 45

Ducato 42

Assisi 40

Nocera 39

Clitunno 33

Nestor, Amerina e Amc98 29

Olympia Thyrus 24

Bevagna 20

Nuova Fulginium e Arrone 19

Gm10 15

orvOrt

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *