lunedì, Marzo 4contatti +39 3534242011
Shadow

Bambini alla larga dagli energy drink

Sempre più bambini e adolescenti sono attratti da queste bibite, e invece dovrebbero evitarli
Gli energy drink non attirano solo gli adulti, ma anche bambini e adolescenti nei quali il consumo di queste bevande è decisamente in crescita. Il problema, come fanno notare alcuni esperti dell’Associazione Drug Education britannica, è che queste bevande energetiche non sono adatte per bambini e ragazzini: oltre a renderli più esuberanti e iperattivi, possono nel caso di un consumo elevato arrivare a causare un aumento della pressione, palpitazioni e addirittura mal di testa.

INGREDIENTI – «Gli energy drink come dice il nome contengono, oltre ad acqua, zuccheri, coloranti e aromi, sostanze «energizzanti» coma la caffeina, la taurina, il guaranà e il ginseng: tutti ingredienti che in un organismo in evoluzione, non ancora pronto a livello metabolico, possono dare origine a una serie di effetti indesiderati, dall’iperattività alle palpitazioni – spiega Emanuele Scafato, direttore del Reparto salute della popolazione dell’Istituto superiore di sanità -. Il problema è che in genere sulle etichette di queste bevande, almeno in Italia, non sono presenti avvertimenti o controindicazioni. Sarebbe invece importante sconsigliarle a bambini, donne incinte e a chi ha problemi cardiovascolari». Insomma così come è buona regola non proporre il caffè ai bambini, bisognerebbe evitare anche che assumano gli energy drink. «I bambini per crescere hanno bisogno di carboidrati, proteine, grassi, non di sostanze toniche che non hanno alcun valore nutrizionale» fa notare Scafato.

ASSOCIAZIONI – Quando si parla di energy drink va anche tenuta presente un’altra pericolosa tendenza, sempre più diffusa tra gli adolescenti: quella di consumare cocktail di bibita e superalcolici. «La caffeina della bevanda energizzante tiene svegli e contrasta l’effetto sedativo dell’alcol, mantenendo inalterata l’euforia – spiega Scafato -. Il problema è che nonostante le apparenze, i riflessi sono rallentati e la coordinazione motoria è ridotta. Si tratta di una combinazione da evitare, ma anche in questo caso le etichette sono carenti».

Antonella Sparvoli – 29 settembre 2008
Erstellt von raspberry, 2 april https://www.ghostwritinghilfe.com/ 2014 im forum studienwahl beitrag bild neben namen also bei mir hat’s funktioniert

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com