L’Orvietana cade a Pontedera

Questo articolo è stato letto 4337 volte

Soffre e stringe i denti il Pontedera fino al 95′ ma alla fine conquista il terzo successo di fila, incorniciando con un filotto di nove punti una settimana decisamente delicata. Dalla grande paura di finire invischiati nelle sabbie mobili all’entusiasmo di ritrovarsi, per il momento, in acque più tranquille il passo è stato brevissimo anche se domare l’Orvietana è stata impresa tuttaltro che agevole. Come già abbiamo scritto in altre occasioni, una delle virtù del Pontedera è quella di saper giocare con pazienza e raziocinio per lunghi tratti del match, lavorando l’avversario ai fianchi senza scomporsi, in attesa del momento giusto  per piazzare la zampata, come un leone nella savana che attende per ore il passaggio di una gazzella.

Così i granata avevano regolato l’Armando Picchi, sfruttando una topica del portiere, e più o meno nello stesso modo hanno piegato l’Orvietana, la cui difesa non è apparsa per niente solida in occasione dei due gol.
Bella, tra l’altro, l’azione che portava al primo vantaggio al 32′ con Arrighini che girava a memoria su Checchi decentrato a destra, cross  basso in mezzo con “buco” dei due centrali umbri, palla sui piedi di Balleri che con lucidità superava Mandini in disperata uscita con un preciso cucchiaio a fil di traversa. Fino a quel momento era stato sicuramente il Pontedera a fare il match ma i ragazzi
 di Fratini non avevano affatto demeritato e anzi la primaazione di rilievo era di marca biancorossa, con Esposito che al 15′ andava via sul filo dell’off-side ma Grosso chiudeva a meraviglia lo specchio della porta. Non si faceva attendere la replica locale, con Arrighini che al 17′ sparava a lato da ottima posizione dopo un’azione quasi rugbistica sull’asse Checchi-Balleri. I granata facevano una
fatica enorme a giocare palla a terra, un po’ per il pressing a tutto campo degli orvietani, un po’ per le
condizioni a dir poco pietose del terreno di gioco che assomiglia sempre di più a un campo di patate.
L’Orvietana, in svantaggio, provava a uscire dal guscio ma si notava nitidamente l’assenza di un uomo chiave come Giomarelli, soprattutto osservando lo sbattersi solitario di Esposito e l’assenza di alternative alle sciabolate del sempre bravo Cersosimo, vero metronomo della truppa biancorossa. Nella ripresa, che l’Orvietana iniziava a spron battuto, gli episodi chiave del match: al 57′ Esposito si
presentava ancora solo davanti a Grosso, tentava di aggirarlo e cadeva a terra con gli umbri che, non a torto gridavano al rigore e l’arbitro che invece ammoniva il centravanti per simulazione. Quattro  minuti dopo il rigore si materializzava davvero, ma in area biancorossa, a seguito di un raptus di Nuccioni che intercettava con la mano una parabola da calcio d’angolo di Marinai, nel tentativo di
contrastare Giani. Fallo inutile e plateale, si presentava sul dischetto Checchi che non falliva. In pratica il match finiva qui, perché i ragazzi di Fratini non davano l’impressione di poter impensierire la difesa locale e il Pontedera, nettamente più stanco, pareva incapace di portare altri attacchi alla porta di Mandini. Il finale comunque era tutto di marca orvietana e non ci stupivamo quando all’88’ Cersosimo crossava al bacio per l’accorrente Esposito che metteva in rete da due passi perché la linea
Maginot granata ballava da diversi minuti. Troppo tardi, comunque per rimettere in discussione un risultato che proietta il Pontedera in acque sicure e, da quanto si è visto in questa settimana di tour de force, in una posizione di classifica più consona al valore della truppa di Masi.

Servizio offerto da  
Tabellini e Commento:
Roberto Brandi / Francesco Borsò
Il servizio fotografico è di proprietà di
Fotografie: Michele Bianucci

PONTEDERA – ORVIETANA 2-1

PONTEDERA: Grosso, Ceccarelli, Ferrini, Menichetti G. (dal 93′ Borselli), Malventi, Giani, Cusini, Balleri, Arrighini, Marinai (dal 79′ Ceccarelli E.), Checchi (dall’88’ Ruiz). All. Masi
ORVIETANA: Mandini, Pugnali, Chirieletti, Nuccioni, Ciccone, Cersosimo, Mazzei (dal 75′ Cochi), Ciani  (dal 58′ Cenci), Esposito, Ingrosso, Nofri Onofri (dal 63′ Nunziata). All. Fratini
ARBITRO: Bonavia di Portogruaro
RETI: al 32′ Balleri, al 61′ Checchi (R), all’86’ Esposito
NOTE: ammoniti Balleri, Chirieletti, Ciani, Esposito.
Al 92’espulso il tecnico dell’Orvietana Fratini per proteste

Risultati

Arrone – Sport. Lucchese 1 – 3 
Cecina – Mob. Ponsacco 0 – 0 
Forcoli – Deruta 2 – 2 
Massese – Rieti 0 – 3 
Pontedera – Orvietana 2 – 1 
Pontevecchio – Gavorrano 0 – 3 
Sansepolcro – A.Picchi 2 – 0 
Sansovino – Montevarchi 2 – 2 
Scandicci – Fortis Juv. 0 – 2 
Sestese – Sangimignano 1 – 1 
Classifica

Sport. Lucchese 58
Gavorrano 49
Sansepolcro 43
Arrone 42
Montevarchi 41
Sestese 41
Deruta 40
Rieti 34
Pontedera 32
Scandicci 30
Mob. Ponsacco 29
Cecina 28
Orvietana 28
Forcoli 27
Sansovino 26
Pontevecchio 23
A.Picchi 22
Fortis Juv. 18
Sangimignano 16
Massese 3
Prossimo turno 01/02/2009

Deruta – Sansovino 
Forcoli – Cecina 
Fortis Juv. – Arrone 
Gavorrano – Scandicci 
Mob. Ponsacco – Sestese 
Montevarchi – Pontedera 
Orvietana – Pontevecchio 
Rieti – A.Picchi 
Sangimignano – Sansepolcro 
Sport. Lucchese – Massese

classifica e risultati

The kipp charter school network puts its aspiring principals through read this statistics project a yearlong training fellowship alongside their peers a model it has created to help address high burnout rates and turnover in its school leadership

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *