sabato, Marzo 2contatti +39 3534242011
Shadow

Il “Gualterio” incorona nel volley il 3B

Giunti alla fine del regolare anno scolastico, iniziamo ad avere i primi verdetti dei tradizionali tornei interni che caratterizzano questo periodo. In modo particolare, aspettando la finale notturna che decreterà il vincitore del torneo di calcio a 5 maschile, in mattinata si disputa la finale del torneo di pallavolo a squadre miste, che vede protagonisti i campioni in carica del 3 B (quinto anno) e i rocciosi outsider del 2 B (quarto anno).

Nel campo all’aperto antistante la scuola, sotto gli occhi del “Ninfeo”, un generoso pubblico assiste al match, generando un record di presenze rispetto alle finali degli anni passati; l’attesissima battaglia a suon di schiacciate c’è stata, ma non il tiebreak che molti avrebbero auspicato. Il risultato finale (3-0), infatti, premia giustamente la compattezza e la precisione dei campioni in carica, qualità che spesso sono mancate ai loro avversari.

La sfida si apre con il classico saluto tra le compagini e gli arbitri (Alberto Fontanieri e prof. Paolo Ercolani), per poi dare inizio alla gara in un clima teso da entrambe le parti e sotto un cielo che non promette nulla di buono.
Il primo set vede una partenza stentata del 3 B che subisce i troppi rischi che capitan Pieretti decide di accollarsi da subito: infatti, tre dei suoi attacchi terminano out e il 2 B vola con la battuta di Fausto. Poi, complici una serie di banali errori di valutazione degli outsider, il 3 B si riporta sotto e la battuta infingarda di Roberto Gaudioso decreta che il set non è più in discussione. Infatti, non c’è alcuna reazione da parte del team di Fausto e compagni, poichè manca attenzione e caparbietà. Gli animi degli sfidanti iniziano a scaldarsi e un incredibile fallo a rete di Bottai sulla battuta di Prosperini proiettano definitivamente le menti del 2 B al secondo set. Pieretti è impietoso con la crisi avversaria, piazzando i tre punti decisivi per chiudere il parziale in suo favore su un irrisorio 25-13.

La desolazione è grande in casa 2 B per i troppi punti regalati e le migliaia di incertezze che hanno permesso agli avversari di andarsene in scioltezza; questo clima di rassegnazione pervade tutti i sei ragazzi in campo, che non riescono a connettere il cervello con i muscoli e permettono al solito duo Gaudioso-Pieretti di portarsi avanti con il punteggio, fino a un break di 9-0!
Quando ormai sembra che tutto sia rimandato al terzo set, sale in cattedra Enrico Melis: questi, coadiuvato da una rotazione favorevole con Orunesu al palleggio e Fausto alla banda destra, inizia a ricordarsi il suo breve passato pallavolistico e mette a punto le proprie potenzialità, condìte da rabbia e determinazione. E’ soprattutto grazie a lui che il risultato torna sul filo dell’equilibrio, fino a un insperato 14 pari, quando Fausto, ormai sulle ali del vento per l’avvenuto aggancio, stacca a un metro da terra e mette a segno un punto che il primo arbitro vede come regolare; qui il professor Ercolani, in veste di secondo arbitro e di pareri opposti a Fontanieri, crea una disputa tra le due squadre che si risolve poi con l’assegnazione del punto al 3 B, tra le polemiche veementi di Bottai e dello stesso Riccardo Fausto. Un singolo punto non è mai stato così decisivo: infatti la squadra in svantaggio, ripensando malinconicamente al punto “scippato”, si lascia sfuggire le redini del gioco, consegnandole al 3 B. Capitan Fausto è talmente provato dalla decisone precedente e dal polso dolorante, che si dimentica di chiudere due attacchi alla sua portata, spedendoli abbondantemente a lato. Si raggiunge così quota 23-16 per i campioni in carica, ma a questo punto gli avversari regalano una grande prova d’orgoglio, cercando in tutti i modi di arginare la situazione, guidati dal capitano e da un sempre attivo Melis. Purtroppo per loro, però, questa prova di forza gli permette di guadagnare solo 3 punti, consegnando il parziale e una seria ipoteca sulla partita al 3 B, con il punteggio di 25-19.

Nel terzo set è autentica battaglia: scambi lunghissimi e schiacciate precise suscitano un’ondata di apprezzamento da parte del pubblico, che mai come prima si sente partecipe dell’incontro. Tra i cori dei tifosi delle due classi e il puro spettacolo, però, si intromette ancora una volta il professor Ercolani, che inconsapevole dei nuovi aggiornamenti alle regole in merito ai falli di invasione, assegna due punti molto contestati al 3 B, che fanno sprofondare nello sconforto Fausto e compagni. Dopo i necessari chiarimenti e il recupero del pallone (è stata fatta una pausa di circa dieci minuti per recuperarlo in un giardino vicino), il gioco riprende all’insegna della voglia di chiudere il match da parte dei campioni in carica e delle imprecisioni dei loro avversari. Tuttavia, non manca lo spettacolo neanche nel finale, dove due splendidi recuperi di Fausto e Melis da una parte e di Gaudioso e Prosperini dall’altra rappresentano gli ultimi sprazzi di divertimento. Con la battuta di Stefanini, infatti, bastano pochi errori in ricezione del 2 B per regalare il 25° punto a Pieretti e compagni, che festeggiano il match vinto treazero e soprattutto il secondo titolo consecutivo nel torneo di pallavolo del Gualterio.

Non resta che aspettare, dunque, il prossimo anno, dove il 3 B sarà costretto a cedere lo scettro di campione a un’altra classe: sarà proprio l’attuale 2 B o qualcun altro a vincere nel 2010? Le risposte, come sappiamo, le dà il campo…e solo i campioni sono in grado di trovarle.

CLASSE II B vs CLASSE III B 0-3 (13-25; 19-25; 18-25)

II B: in campo: Fausto (C) 12, Virgilio 1, Orunesu 3, Bottai 4, Melis 9, Mocetti
III B: in campo: Pieretti (C) 8, Gaudioso 9, Stefanini 2, Chianura 2, Prosperini 1, Bartolucci

Arbitri: 1° Alberto Fontanieri
2° Prof. Paolo Ercolani

punteggi a cura di Giacomo Giulianelli

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com