lunedì, Maggio 20contatti +39 3534242011

Shadow

Il Cheecoting (Biglie da spiaggia)

Antropologi ed archeologi ci assicurano che qualcosa di simile all’odierno gioco delle biglie era praticato già nell’antico Egitto e in altre antiche civiltà. Se non ci è dato conoscere quando sia stata fabbricata la prima biglia propriamente detta, appare evidente l’antico utilizzo di sassolini, noccioli di pesche o albicocche, fave secche, noci od altro per scopi inerenti a vicende che possono essere in qualche modo riunite sotto il comune denominatore del termine “gioco”.

Gli aspetti etnologici della storia delle biglie sono molto ampi ed interessanti, ma noi dell’accademia della sabbia, in questa pagina tratteremo specificatamente delle cosiddette: Biglie da spiaggia.
Un po’ di storia
La storia del gioco delle biglie da spiaggia è relativamente recente ed è strettamente collegata alla storia del turismo balneare.

Essa nasce infatti agli inizi del secolo scorso ed ha avuto il suo specifico boom negli anni ’60 con l’esplosione del turismo balneare di massa. In questo periodo ha fatto la sua comparsa ciò che in questo settore ha rappresentato un’autentica innovazione tecnologica: la biglia di plastica. Le caratteristiche di peso e resistenza e bassissimo costo della biglia di plastica hanno fatto si che si adattasse benissimo al gioco in spiaggia. Tuttora la biglia di plastica è di gran lunga la più usata sulle piste di sabbia e non sembra per ora esserci un materiale concorrente. Se c’è una disputa invece è su quali siano le dimensioni ed il peso ottimali che la biglia dovrebbe avere.

Gli anni ’80 e ’90 hanno visto una vera e propria crisi di questo gioco e vedere qualcuno intento a costruire una pista o chinato in qualche strana posizione per colpire la biglia è diventato un’autentica rarità.  Questo fenomeno va probabilmente inquadrato nella complessa trasformazione che la nostra società ha subito negli ultimi decenni, il modo di giocare delle nuove generazioni di bagnanti costituisce solo un piccolo aspetto di questi cambiamenti.

Sociologia a parte, il risultato è che oggi sono rimasti davvero in pochi a praticare questo gioco che nel suo piccolo ha scritto una delle pagine più simpatiche della storia del turismo balneare.

Le biglie da spiaggia oggi
Pare proprio che siano finiti i tempi in cui la battigia delle nostre spiagge brulicava di ragazzini e non solo intenti a costruire una parabolica o a disputarsi un arrivo. Lo spostamento verso l’alto della fascia di età dei praticanti non ha trasformato il gioco nella sua essenza, ma ne ha sicuramente affinato lo sviluppo tecnico , sulla qualità delle biglie usate, sulla perizia di costruzione della pista, sulle tecniche di tiro fino alla redazione di un regolamento preciso. I gruppi che si riuniscono a giocare non sono più vicini di ombrellone che hanno fatto amicizia durante le ferie, ma persone che si conoscono e riuniscono da tempo per coltivare la comune passione.
Qualche considerazione
È un peccato che questo gioco non incontri più il favore delle ultime generazioni: a ben pensarci infatti oltre ad essere una pratica molto economica e popolare ha sicuramente un grande valore pedagogico. Tanto per cominciare è praticamente un gioco a costo zero, infatti un sacchetto con 10 biglie si può acquistare per poco più di 1 euro. Il gruppo dei partecipanti può essere molto eterogeneo, ed il valore socializzante ed educativo non è certo inferiore a quello di altri sport. Importante è il momento della costruzione della pista che si svolge di solito in gruppo e che unisce al momento di socializzazione un interessante componente di fisicità, manualità e creatività.  Nell’insieme, costruzione e giuoco, non sono privi da una certa complessità e per i bimbi in età pediatrica consigliamo l’assistenza di un adulto.
Il Cheecoting
Il termine cheecoting ha un etimo alquanto incerto e discusso e ad alcuni non piace. Comunque sia il termine ormai è passato nel circuito mediatico tanto che è stato utilizzato per intitolare la prima edizione di quella che oggi è la più importante manifestazione sulle biglie da spiaggia in Italia. L’assessorato allo sport di Rimini ha finanziato l’evento ed ha affidato all’accademia della sabbia la costruzione della grande pista da gara per i giocatori esperti, le due piste per i dilettanti e alcune sculture di sabbia sul tema biglie.L’evento si è svolto tra il 29/30 Aprile ed il 1 maggio ai bagni 26 e 27. Il tempo meteorologico è stato fortunatamente bellissimo e agli appassionati di cheecoting intervenuti si sono sommati molti riminesi al loro primo weekend in spiaggia ed i primi turisti.Il risultato è stato un afflusso di pubblico e curiosi ben superiore alle più rosee aspettative e già si parla di seconda edizione.

Le piste
Le piste per le biglie da spiaggia hanno subito negli anni una notevolissima evoluzione.

Le prime, come noto, venivano realizzate trascinando per le gambe un prescelto in modo che il suo sedere scavasse nella sabbia un solco di sezione più o meno rotondeggiante. Questo sistema è ancor oggi utilizzato dai praticanti più tradizionalisti: in effetti bisogna riconoscere che, per questo metodo, al fascino della tradizione si associ una notevole rapidità di esecuzione ed una certa componente goliardica che certo non guasta.

C’è poi chi al puro solco lasciato dalle natiche associa la costruzione di curve paraboliche dalle sponde alte, dei piccoli dislivelli o addirittura dei trabocchetti. Noi dell’Accademia della Sabbia, in ordine ai nostri propositi associativi, non potevamo non proporci come specialisti nella costruzione di piste di sabbia.  Alcuni nostri associati, oltre ad essere giocatori storici vantano una esperienza trentennale nel campo della costruzione delle piste.  Il nuovo approccio al gioco delle biglie da spiaggia, oltre a tenere conto dei crescenti tecnicismi ed esigenze dei giocatori, deve tenere conto delle esigenze del pubblico che costituisce l’autentica novità di questi ultimi anni.

Se una volta il numero dei giocatori superava solitamente quello degli spettatori oggi è vero l’esatto contrario. L’Accademia della Sabbia si è adoperata per aggiungere al gioco delle biglie da spiaggia una certa componente di spettacolarità che ne ha fatto qualcosa capace di catturare anche l’attenzione dei non praticanti. La grande pista fatta a regola d’arte con rettilinei e curve accuratamente levigati, tunnel, dislivelli e particolari passaggi tecnici, si è rivelato il primo strumento capace di attirare il pubblico già durante le fasi di costruzione. Piste di questa fattura utilizzate da giocatori esperti consentono tiri di lunghezza superiore ai 20 metri la cui spettacolarità viene sottolineata dalle ovazioni del pubblico. In un certo senso le nostre piste si possono considerare delle vere e proprie scenografie interattive attorno alle quali viene spontaneamente a formarsi una sorta di arena umana.
I media
Sorprendentemente le biglie da spiaggia si sono rivelate valide anche a livello mediatico come ha testimoniato l’attenzione riservata dai mezzi di comunicazione agli ultimi eventi organizzati. Gli operatori delle telecamere hanno avuto un gran da fare con i loro obiettivi per seguire le biglie in pista ed a cogliere le espressioni dei giocatori in un susseguirsi di primissimi piani e campi lunghi dalle difficili messe a fuoco.
Conclusioni
Le biglie da spiaggia non sono più un gioco di massa come qualche decennio fa; è un fatto però che il salto qualitativo delle ultime manifestazioni sul tema biglie, una maggiore mediaticità degli eventi ed anche il piacere della riscoperta di alcune tradizioni abbiano riacceso l’interesse intorno a questo gioco.

 

F.I.C.A.
Federazione Italiana Cheecoting Amatoriale
Regole di gioco del cheecoting

I concorrenti
I concorrenti partecipano alla corsa con biglie di uguale fattura e diametro.
L’organizzazione provvederà, dopo le operazioni di punzonatura, a formare eventuali eliminatorie.
I concorrenti durante lo svolgimento della corsa non possono essere sostituiti.

I giri
Il numero dei giri da effettuare viene stabilito prima dell’inizio della corsa.

La manutenzione della pista
E’ consentito regolare con una mano immediatamente prima del tiro piccole imperfezioni della pista dovute al passaggio di altri corridori o a piccoli franamenti.
Ogni giocatore è tenuto a controllare le condizioni della pista prima del tiro; dopo il tiro non sono ammessi reclami relativi alle condizioni della pista.
In caso di franamento di modesta entità si ripara immediatamente la pista in modo da ripristinare una configurazione il più possibile simile a quella originaria.

Il tiro
Il tiro della biglia deve essere effettuato colpendo seccamente la biglia con un dito qualsiasi della mano. Il dito deve urtare la pallina ferma sulla pista, mettendola in movimento per reazione all’urto. Non è consentito accompagnare la biglia.
Non è consentito muovere la biglia prima o dopo il tiro. Il tiro si considera effettuato se la biglia viene messa in movimento anche involontariamente.

La foratura
Il tiro si considera dentro se la biglia durante il suo movimento non passa al di sopra di zone situate fuori dalla pista, ovvero se la proiezione verticale della biglia sul suolo risulta sempre interna alla pista. In caso contrario il tiro è fuori: foratura.
In caso di foratura il giocatore raccoglie la propria biglia e la riporta al punto di partenza del tiro disponendola sulla sponda.
Successivamente ad una foratura, al giocatore che si appresta al tiro, è consentito posizionare la biglia a suo piacimento lungo l’asse della carreggiata.

 

Il tiro non valido
Il tiro non è valido se il giocatore:

tira fuori;
tira quando non è il suo turno;
tira una biglia non sua;
tocca la biglia in movimento;
sposta la biglia dalla posizione originaria;
effettua il tiro con modalità non ammesse.
In caso di tiro non valido il giocatore riporta la biglia al punto di partenza del tiro
disponendola all’esterno della pista e passa il turno.
L’ordine di partenza
L’ordine di partenza viene stabilito ogni volta con modalità da concordare, libero accodo tra i concorrenti, sorteggio ecc. Nelle gare più importanti è previsto il tiro di qualifica. Qualora si siano disputate delle batterie eliminatorie l’ordine di partenza sarà una derivazione dell’ordine di arrivo delle batterie.

Inizio della corsa
Al proprio turno il giocatore dispone la sua biglia sulla linea di partenza e procede al tiro.

La sequenza di tiro
Ogni sequenza di tiro si effettua secondo l’ordine di posizione sulla pista al termine della sequenza precedente, e non più quindi secondo l’ordine di partenza.

Lo spostamento delle biglie avversarie
Le biglie avversarie che sono d’ostacolo al tiro, e solo se ferme dietro quella di turno, possono essere spostate all’esterno della carreggiata presso la sponda, disponendole nello stesso ordine in cui si trovano prima dello spostamento.
Subito dopo il tiro le biglie spostate si rimettono in posizione.
Le biglie che si trovano davanti alla biglia di turno non possono essere spostate.

L’urto tra le biglie
La biglia urtata che esce o transita per un tratto all’esterno della pista viene riportata al punto in cui si trovava prima dell’urto;
se la biglia urtata avanza rimanendo in pista si lascia nel punto in cui si ferma;
se la biglia urtata retrocede si riporta al punto in cui si trovava prima dell’urto;
se l’urto avviene durante un tiro non valido, la biglia urtata viene riportata al punto
in cui si trovava prima dell’urto.
L’urto con altre biglie non influenza il giudizio di validità sul tiro della biglia urtante.
Il tiro di questa è giudicato valido o non valido indipendentemente da eventuali urti
con altre biglie.

Il doppiaggio
Il concorrente che viene doppiato è eliminato. L’eventuale doppiaggio si rileva solo al termine della sequenza in corso.

L’arrivo
Qualora due o più concorrenti taglino il traguardo nel corso della stessa sequenza di tiro, vince colui che scaglia la propria biglia più lontano e solo se mantenuta in pista.

Gare ufficiali
Per le gare più importanti in cui sono previsti dei premi e per le batterie di qualificazione alle stesse è prevista la presenza di un arbitro o di una commissione arbitrale designata dagli organizzatori. L’arbitro ha il compito di far rispettare il presente regolamento al meglio delle sue possibilità. Le decisioni dell’arbitro, la cui buona fede è fuori discussione, sono incontestabili.
I giocatori hanno diritto ad effettuare delle prove libere della pista prima delle gare.
Le prove libere avranno modalità e tempi decisi di volta in volta dagli organizzatori.
Non esistono penalità oltre all’annullamento del tiro in caso di irregolarità, ma è a discrezione dell’arbitro espellere dal gioco un giocatore che a causa di reiterate scorrettezze renda impossibile il regolare svolgimento della partita.

Il cheecoting all’americana
Il cheecoting all’americana è del tutto simile al cheecoting tradizionale.
Si svolge normalmente su circuiti molto brevi e solitamente ellittici sul modello dei velodromi.
A partire dal secondo giro di pista in poi viene eliminata l’ultima biglia classificata.
Al termine del turno di tiri, se almeno una delle biglie ha superato il traguardo si procede all’eliminazione dell’ultima del gruppo.
Ad ogni giro si procederà all’eliminazione dell’ultima biglia finché le ultime tre superstiti andranno a giocarsi i gradini del podio nell’ultimo giro.

Condizioni particolari
E’ considerata buona pratica la volontà a disputare e concludere la corsa anche in caso di maltempo.
In caso di forte vento i partecipanti potranno valutare insieme se adottare accorgimenti eccezionali quali l’affossamento delle biglie a spinta terminata ed altri ritenuti opportuni a salvaguardia della corsa.
Ogni decisione riguardante l’interruzione o l’annullamento della corsa per cause di forza maggiore deve essere presa dai concorrenti con la maggioranza dei voti a favore. In ogni caso la gara è valida se sono stati compiuti dalla biglia in testa almeno due terzi dei giri previsti. In caso di gara valida interrotta prima del termine si considera come ordine di arrivo l’ordine delle biglie al momento dell’interruzione.
Dopo la decisione di interrompere la corsa ciascun giocatore effettua rapidamente il tiro che gli spetta secondo la successione di norma.

Nelle gare ufficiali l’eventuale sospensione della gara è ad esclusiva discrezione dell’arbitro e dell’organizzazione.

 

Cosn’s survey of 531 district officials was conducted writemypaper4me.org/ in partnership with aasa, the school superintendents association, and mdr, an educational research group

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

Popups Powered By : XYZScripts.com