sabato, Aprile 13contatti +39 3534242011
Shadow

Piscina Comunale. Via libera alla gestione privata del servizio

In un Consiglio Comunale prettamente “tecnico” come quello che si è tenuto ieri, punto focale dei lavori consiliari è stato costituito dagli interventi inerenti la Piscina Comunale. Durante l’assise è stato infatti dato il via libera, all’unanimità, per l’affidamento del servizio di gestione dell’impianto natatorio ad oggi gestito direttamente dal Comune ed è stato approvato lo schema di convenzione tra il Comune stesso e il gestore dei Servizi Energetici Gse Spa di Roma per l’erogazione del servizio di scambio sul posto dell’energia elettrica prodotta dall’impianto fotovoltaico installato presso la Piscina.

“Nell’ambito di un programma di utilizzo delle fonti rinnovabili del comune – ha spiegato l’Assessore all’Ambiente e Sport, Roberta Tardani – lo scorso anno in base alla legge finanziaria 2008, il Comune di Orvieto ha realizzato e completato presso la piscina comunale un impianto fotovoltaico per una potenza di 4,16 kwh che rientra nella categoria per cui è previsto il massimo delle tariffe incentivanti pari, attualmente, a 0,442 euro/Kwh. La convenzione con il Gestore dei Servizi Elettrici GSE S.p.A. di Roma per l’erogazione delle tariffe incentivanti del sistema “Scambio sul posto”, è necessaria al fine del riconoscimento economico degli incentivi”. Sollecitata da alcuni interventi l’assessore ha precisato che “l’Amministrazione comunale sta lavorando sui progetti per l’energia rinnovabile, a tale riguardo è già pronto un progetto per la scuola elementare di Orvieto scalo e per la scuola media di Ciconia per un totale di 250.000 euro”

Per quanto riguarda l’affidamento in gestione dell’impianto natatorio, il Consiglio Comunale che, in base al Decreto Legislativo 267/2000 ha competenza circa la concessione di pubblici servizi, ha approvato all’unanimità l’autorizzazione per procedere all’esternalizzazione del servizio connesso all’impianto ubicato in località “La Svolta” dando mandato alla Giunta di predisporre tutti gli adempimenti necessari per l’affidamento del servizio dell’impianto natatorio a terzi, nel rispetto delle indicazioni date. In particolare, l’appalto che avrà una durata quinquennale, dovrà dare una risposta adeguata alle problematiche gestionali e contemporaneamente garantire la qualità del servizio verso l’utenza oltre ad assicurare un severo controllo del Comune sotto l’aspetto sociale e tecnico, con verifiche periodiche da parte dei competenti Uffici Comunali che saranno riportate in appositi verbali. Ciò allo scopo di monitorare continuamente il servizio reso ed il rispetto degli oneri di manutenzione degli impianti.

“La Piscina Comunale è un servizio complesso utilizzato da circa 50.000 unità all’anno, – ha spiegato l’assessore allo Sport, Tardani, – e, ad oggi, è gestito direttamente dal Comune di Orvieto. Per il suo funzionamento sono utilizzate 5 unità operative: 1 responsabile tecnico, 1 addetto ai servizi custodia e piccola pulizia e n. 3 assistenti bagnanti addetti al salvamento che sono obbligatori attualmente forniti da un’agenzia di lavoro interinale. Il costo annuo dell’impianto è di 250.000 euro. Negli anni, in base alle leggi vigenti, il Comune non ha potuto stabilizzare gli assistenti bagnanti, né ha potuto indire un bando per la copertura definitiva del servizio. Le forme di contratto finora hanno dato risposte parziali e con un continuo cambio di soggetti causando incertezza nella programmazione del servizio e con costi maggiori per l’Ente. Peraltro, la Legge Regionale prevede l’istituzione di alcune figure oggi non disponibili nella pianta organica né appare possibile istituirle poiché costituirebbero un ulteriore onere per il Comune che, invece, ha necessità di razionalizzare l’erogazione dei propri servizi creando economie di scala compatibili con le risorse di bilancio”.

“In questo senso – ha aggiunto – la scelta di razionalizzare i costi, mantenere il servizio e migliorarlo, ove possibile, ci ha portato ad ipotizzare una forma di gestione che da un lato esternalizzi i servizi e alleggerisca l’Ente proprietario del costo delle utenze ma, nel contempo, garantisca la qualità del servizio verso i fruitori; e soprattutto, un severo controllo dello stesso Comune, sia per l’aspetto sociale che tecnico, attraverso verifiche periodiche da parte dei uffici comunali competenti, riportate in appositi verbali. Questo al fine di monitorare continuamente il servizio reso ed il rispetto degli oneri di manutenzione degli impianti. L’affidamento della gestione terrà conto delle indicazioni delle legge regionale e rispetterò i criteri relativi al radicamento sul territorio. Chiediamo alle società sportive di farsi carico dei costi delle utenze e del personale. Il bando di gara e il relativo capitolato d’appalto saranno pubblicati nei prossimi giorni. Il criterio di selezione sarà quello dell’offerta più vantaggiosa sia per il profilo economico e tecnico della gestione dell’impianto, sia per la valutazione degli aspetti sociali riferiti alla disponibilità dell’impianto per anziani, scuole, portatori di handicap. E’ auspicabile l’impatto sull’occupazione dei residenti nel comune di Orvieto”.

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com