martedì, Giugno 25contatti +39 3534242011
Shadow

Finale NBA. Gara uno ai Lakers

LOS ANGELES, 3 giugno 2010 – Dominio totale e assoluto. I Lakers stravincono la prima partita delle finali (102-89) e, se i numeri non mentono, compiono un passo fondamentale verso il titolo bis. Il bilancio di Phil Jackson nei playoff dopo aver vinto gara-1 è infatti un incredibile 47-0. In campo si è visto Gasol (23 punti e 14 rimbalzi) dominare Garnett 16 e 4 rimbalzi) in attacco e in difesa, Bryant (30 punti, 7 rimbalzi e 6 assist) mettere i punti (14) del break decisivo nel 3° periodo, i californiani distruggere Boston a rimbalzo (42-31 dopo aver toccato anche il 34-17) e i Celtics stranamente spenti e molli.

primo tempo — I Lakers partono subito con Kobe su Rondo, sapendo che Fisher non può marcarlo. Dopo 27” si entra già in clima finali, con Pierce e Artest che finiscono a terra strattonandosi e beccandosi un doppio tecnico. Il 2° fallo di Fisher dopo 2’ costringe Jackson al cambio, ma la scelta del sostituto è curiosa, visto che ricade su Vujacic e non Farmar o Brown. Anche Ray Allen va in panca con due penalità dopo 5’. La prima parte di gara è dominata, in attacco e in difesa, da Gasol, che maltratta Garnett. Pierce tiene sotto i Celtics, che pasticciano un po’ nel finale di quarto e chiudono sotto di 5 (26-21). Bynum regala il +7 ai Lakers, ma un 5-0 di Rasheed Wallace riporta Boston a -2 (28-26), con Odom che va in panchina con 3 falli a -10’ dalla pausa. Si vede anche Garnett, che segna il suo primo canestro a 4’45” (37-35). I 3’ finali del tempo sono letali per gli ospiti: un 5-0 di Artest e un contropiede di Fisher danno il +11 ai Lakers, con Ray Allen costretto a uscire con 3 falli. Alla pausa Lakers avanti di 9 (50-41) con i gialloviola che dominano a rimbalzo (23-15, con Gasol che batte KG 7-1) e tirano con il 51.6% (contro il 41.7% di Boston). Notevole il vantaggio degli esterni che battono regolarmente in palleggio i diretti avversari. Kobe con 12 punti (essenziale, senza strafare) e Rondo con 10 i migliori marcatori. Molto importante l’apporto di Bynum (7 punti e 5 rimbalzi in 14’) nonostante il ginocchio malconcio.

ripresa — I Celtics restano aggrappati alla partita con un paio di canestri di Rondo e Pierce, ma perdono Ray Allen che commette il 4° fallo dopo 3’. Una schiacciata di Kobe in contropiede dà il massimo vantaggio ai Lakers sul 65-52 a -6’10” dalla fine del 3° periodo. L.A. controlla il match, Allen rientra ma dopo 30” commette il 5° fallo (peraltro inesistente) e torna a sedersi, e i gialloviola ne approfittano per chiudere i conti sul +20 (84-64 con tripla di Artest). Boston ritrova un briciolo di grinta, prova a reagire e torna a -11 (85-74 a -8’30”) ma Gasol, sempre lui, sbatte definitivamente la porta in faccia agli odiati rivali (91-76 a -6’20”). Domenica gara-2, sempre a L.A., con i Celtics che dovranno vincere a tutti costi per non trovarsi sotto 0-2. Fosse facile…

fonte: Gazzetta.it – Massimo Orianilined writing paper pdf

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

Popups Powered By : XYZScripts.com