martedì, Aprile 16contatti +39 3534242011
Shadow

Ancora fatale il minuto 91, per la terza volta sfumano punti nel recupero per l’Orvietana

Termina 1-1 una gran bella gara tra due delle squadre più in forma, eppure la classifica sorride solo per il Pontedera, secondo dietro lo Spoleto. Ancora nel recupero il gol che nega la vittoria all’Orvietana e lascia imbattuto il Pontedera. Volpi: “Va bene così, loro fortissimi”. Masi: “La nostra miglior partita contro l’avversario più forte incontrato fino ad oggi”.

ORVIETANA –PONTEDERA 1-1

ORVIETANA (4-3-3): Pasquini; Di Gioacchino, Caccavale, Ciccone, Malagnino; Nami, Francesconi, Varriale (1’st Venerelli); Felici (1’st Chiasso), Alterio (38’st Sedu), Caligiuri. A disp.: Del Gobbo, Mergè, D’Andrea, Cherubini. All.: Volpi.

PONTEDERA (4-1-3-2): Bibba; Banchellini, Vettori, Calistri, Rosati (14’st Regoli); Caponi A. (43’st Aiello); Caponi M., Ettorre (14’st Lucarelli), Carfora; Nolè, Arrighini. A disp.: Sollazzi, Martinovic, Agnorelli, Monti,. All.: Masi.

ARBITRO: Fabbro di Roma (Lombardo di Latina e Nicoli di Frosinone).

MARCATORI: 41’pt Caligiuri (O), 46’st Arrighini (P).

NOTE: ammoniti: Varriale, Caligiuri, Malagnino (O); Banchellini (P) . Angoli: 7-5 per l’Orvietana. Recupero: pt:1’; st: 5’.

Ancora una volta il minuto 91 è fatale per l’Orvietana. Era successo a Castel Rigone e domenica scorsa a Civita Castellana e la maledizione si è ripetuta puntuale pure con il Pontedera. Cinque i punti in classifica sfumati, un secondo posto in solitario virtuale in classifica se non ci fossero stati i minuti di recupero. Anche stavolta, come la settimana scorsa, il risultato però è giusto, ma se qualche volta l’Orvietana riuscisse a fare suo il bottino pieno, senza rubare nulla ma solo approfittando di un pizzico di buona sorte non guasterebbe, visto che in altre occasioni, quando era stata la squadra di Volpi a non demeritare ma a restare con un pugno di mosche in mano, non si realizzò lo stesso destino. Il Pontedera resta quindi per un soffio ancora l’unica squadra imbattuta del girone, mentre l’Orvietana è nel gruppone di mezzo ma a solo una lunghezza di distanza dalla zona bassa e ora non dovrà fallire domenica prossima contro la Sansovino, altra squadra alle costole della capolista.

La gara inizia col toccante minuto di raccoglimento per Marco Simoncelli, applausi ma anche tanti cori da parte del gruppo di tifosi organizzati toscani. In campo Volpi conferma tutti i pronostici della vigilia: Di Gioacchino all’esordio come esterno destro, Felici in attacco a destra, restano fuori Chiasso e Venerelli. Ma Volpi dovrà presto ritornare sui suoi passi, neanche venti minuti e Felici cambia fascia e a inizio ripresa ecco Venerelli e Chiasso in campo. Sul fronte opposto manca un difensore di fascia. La gara si scopre subito molto avvincente con belle giocate e occasioni su entrambi i fronti. Pronti via e Caligiuri si guadagna una punizione che lui stesso va a battere, la palla arriva nell’area di porta dove Bibba smanaccia regalando il pallone ad Alterio: sembra la posizione ideale per segnare ma la conclusione della punta orvietana viene deviata dalla difesa. La gara è vivace, le squadre giocano a viso aperto e a metà tempo è il Pontedera a farsi preferire: Ettorre smarca in area Nolè il cui diagonale velenoso viene deviato in corner dal portiere di casa. Poco dopo Manuel Caponi arriva fino in fondo sulla fascia destra e crossa al centro dove bucano sia la difesa umbra, sia i suoi compagni. Alla mezz’ora torna a farsi pericolosa l’Orvietana: palla lunga che giunge da centrocampo in area dove Caligiuri si gira al volo e spedisce la palla alta di un soffio. I minuti finali del primo tempo regalano le emozioni più forti, al 38’ Arrighini trova lo spazio per la conclusione potente dal limite dell’area, la palla supera il Pasquini, ma si stampa sul palo. Tre minuti dopo arriva il vantaggio dell’Orvietana: scambio Francesconi – Caligiuri con il fantasista che appoggia dietro a Felici, quest’ultimo supera tutta la linea difensiva toscana con un delizioso pallonetto riservendo Caligiuri che aveva seguito l’azione: controllo al volo da manuale e palla sotto le gambe di Bibba.

La ripresa si apre con Chiasso e Venerelli in campo al posto di Varriale e Felici e l’Orvietana per venti minuti riesce a tenere lontani dalla propria area tutti i palloni, senza però sfruttare il possesso palla. Anche il Pontedera prova a cambiare qualcosa mettendo dentro Lucarelli e Regoli per Ettorre e Rosati. Toscani vicini al pareggio al 24’ quando Di Gioacchino sbaglia l’intervento e dà il via libera a Nolè che si presenta solo davanti al portiere, ma Pasquini si supera. Dopo la mezz’ora però torna ad essere pericolosa l’Orvietana: un gran tiro di Francesconi dal limite, deviato dalla difesa, per poco causa un autogol ai danni dei toscani. Volpi poi deve fare a meno della punta centrale, Alterio chiede il cambio per un problema agli adduttori, entra il difensore Sedu che sfiora subito di testa il raddoppio al 40’ raccogliendo sottoporta la palla scodellata in mezzo dal corner di Caligiuri. Vengono segnalati 4 minuti di recupero, allungati poi a 5, ma ne basta uno per riportare il punteggio in parità. Dopo un calcio d’angolo si accende una mischia in area dove Manuel Caponi trova il modo in sforbiciata di far arrivare il pallone sottoporta sul secondo palo. Arrighini, lasciato solo , non si lascia sfuggire l’occasione di insaccare e tenere imbattuta e in alta classifica la propria squadra. Mani nei capelli invece per l’Orvietana e anche qualche timida protesta per qualche contatto non proprio ortodosso in area.

Spogliatoi:

Tommaso Volpi, allenatore Orvietana:

“Dispiace continuare a prendere gol negli ultimi minuti, ma il risultato è giusto, il Pontedera ha pressato tanto nel finale ed è solo un caso che il gol sia arrivato solo nel recupero, io questo punto non lo butto via, anche se potevamo stare più attenti. Siamo stati meno brillanti ma non per demerito nostro, ma per merito degli avversari. Questo Pontedera mi è sembrato molto più forte delle squadre che vanno per la maggiore nei pronostici. Comunque non stiamo tanto a guardare la classifica, i nostri sono 10 punti tutti sudati e considerate che abbiamo incontrato già squadre come Spoleto, Castel Rigone, Pontedera, Sporting Terni… e abbiamo una gara in trasferta giocata in più. Le sostituzioni? Felici non era nelle sue giornate migliori poi ha preso una botta e lo ho dovuto togliere e purtroppo anche Alterio ha chiesto la sostituzione per un problema agli adduttori, quando metto un difensore per un attaccante finisce che non vinco mai!”.

Marco Masi, allenatore Pontedera:

“Sarebbe stato un peccato uscire da qui a mani vuote, è stata una gran bella partita, abbiamo incontrato la squadra che ci ha messo in difficoltà più di tutti in queste prime giornate ed è stato importante giocare a questi ritmi ribattendo colpo su colpo, penso che alla fine ne sia uscito il risultato più giusto. E’ stata la nostra più bella partita. I cambi? Stavolta mi è andata bene”.

 

RISULTATI:

Arezzo – Pontevecchio 2-1

C. Rigone – G. Castello 1-2

Orvietana – Pontedera 1-1

Pierantonio – Pianese 3-0

Sansepolcro – V. Spoleto 1-2

Trestina – Viterbese 2-1

S. Terni – Deruta 2-1

Todi – F. Civita Castellana 2-0

Zagarolo – Sansovino 1-0

CLASSIFICA:

V. Spoleto 18

Pontedera, Arezzo e Sansovino 14

Pierantonio 13

C. Rigone, Pianese, e G. Castello 12

Orvietana, Trestina e Zagarolo 10

Todi e Viterbese 9

Sansepolcro 7

Deruta e Pontevecchio 6

F. Civita Castellana 5

PROSSIMO TURNO:

C. Rigone – Pianese

Pontedera – F. Civita Castellana

Orvietana – Sansovino

Pierantonio – Arezzo

Sansepolcro – G. Castello

Trestina – V. Spoleto

S. Terni – Pontevecchio

Todi – Deruta

Zagarolo – Viterbese

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

17 Comments

  • ciccio

    ancoranonhannocapito,visto che hai la diagnosi e la cura, trovami i personaggi che vogliono prendere l’Orvietana.Chi sono i pazzi che si avventurano in una societa’ di serie D con diversi debiti,Moneti secondo me se ne e’ andato perche’ ha trovato una piazza piu’ confacente alle sue ambizioni,Perugia non e’ certo Orvieto.
    Paci presidente e’ una vita che dice che se ne vuole andare come mai nessuno vuol prendere il suo posto? Se ci sono imprenditori che vogliono investire nel calcio Orvietano non credo che la societa’ oggi semi inesistente non gradisca di lasciare.Poi chi sono i consiglieri? Alla partita si sente urlare solo Petrangeli, gli altri silenzio di tomba e nemmeno si vedono piu’,secondo me quelli scritti sul sito sono solo nomi per riempire. Allora chi sono questi che non lasciano? Il problema vero e’ che abbiamo una squadra discreta un buon tecnico e niente societa’.

  • ancoranonhannocapito

    ma lo sanno in mezza italia che a orvieto già so finiti i soldi, anzi non ci capisce come hanno fatto fino adesso ma possibile che la società pur di non far morire il nome dell’orvietana non trova uno scatto d’orgoglio e lascia a chi può fare? c’era moneti ma siccome (giustamente!) visto che metteva i soldi voleva comandare lui lo hanno cacciato, e così altri che stanno a contattare: l’orvietana chiede i soldi e basta, questi gli rispondono ok li metto ma dopo comando io! e gli rispondono che allora non si fa niente! ma fanno ridere ma chi viene a prestargli i soldi per farli divertire? tanto tanto se almeno avevano ritorni di immagine ma non ce li hanno. allora se chi c’è ora i soldi non li può tirare fuori, e non parlo solo dei presidenti, ma anche dei dirigenti che quando le cose andavano bene si divertivano anche loro, lasciassero la mano ad altri, cercassero qualcuno che si prenda su tutto il pacchetto sia le spese sia il comando della società. Insomma o cacciano fuori i soldi loro o che smettessero di fare una cosa che non gestiscono più, tanto non lo trovano chi gli dà i soldi e basta!!! Il bello che poi la società ci va a nozze col fatto che tutti criticano volpi, come se alla fine la colpa sia sua. Capito? tanto se falliamo la prendono tutti con volpi! hanno creato pure l’alibi!

  • carlo forte

    Caro Gamba credo che forse ci dimentichiamo qualche cosa di importante capitata qualche anno fa,ma non tantissimi,la semifinale di coppa italia,la vittoria dei playoff a Cattolica,momenti indimenticabili con Roberto Borrello in panchina, con diversi ragazzi di Orvieto presenti in quella squadra,questi argomenti potremmo trattarli all’infinito e non si troverebbe mai il bandolo della matassa,sicuramente Gamba tu sei uno degli ultimi acquisiti,insomma un tifoso di questo anno,poi il prossimo magari ti troverai su qualche altra sponda,oggi la nostra paura e’ che l’Orvietana sparisca e che magari non si vedra’ piu’ calcio al Muzi.
    Purtroppo la paura e’ questa,sono belle le parole,buoni i risultati,discreta la classifica,ma maggio e’ lontano,troppo lontano,la paura inoltre e’ la scarsa presenza della societa’in questa fase,lo dimostra i pochi interventi sui giornali,la politica completamente cambiata di questo anno. Un fautore della politica locale era Paolo Lanzi al di la’ della sua carica e’ stato sempre uno che si e’ battuto per la valorizzazione dei ragazzi,oggi da quello che si vede non ha dato nessuna linea societaria,Paci e’ ancora presidente?Anche perche’ se non lo fosse cosa cambierebbe? Non mando appelli spero solo che possiamo continuare a tifare Orvietana.

  • Filippo Gamba

    Caro Mister Volpi siamo un gruppo di tifosi e siamo con lei, non dia retta a tutte queste critiche tanto siamo sicuri che lo farebbero pure con Trapattoni in panchina!!! Noi Orvietani siamo ipercritici, ci piace farci male da soli. Diciamo solo che erano anni che non vedevamo giocare belle partite di calcio ad Orvieto, finalmente noi ci stiamo divertendo…speriamo solo di fare qualche punto in più che ne abbiamo bisogno. Ciao Mister!

  • volpi tommaso

    hai ragione dubbioso, mi scelgo sempre situazioni difficili non so vendermi come tanti miei colleghi, che gli mettono a disposizione squadroni soldi ma puntualmente falliscono, io con un piatto di minestra riesco sempre a giocarmela con tutti, ma a fine anno non mi cerca mai nessuno, quindi sono sfigato come dici tu. caro gatto e la volpe mi mancavi, i 31 giocatori che tu dici sicuramente ai contato anche elio il segretario, massimo il magazziniere, loddo il preparatore dei portieri, franco il massaggiatore, e pietro il custode del campo, guarda che questi non giocano, o forse non te ne sei accorto, per quanto riguarda il giapponese in prova visto che i soldi in italia sono finiti, io gia’ sono proiettato per il futuro e li i soldi ce l’anno ancora, cmq mi fa piacere che sei un attento osservatore anche se a modo tuo, ti saluto e ti aspetto per qualche altra precisazione, che sicuramente dovro’ fare visto il personaggio.

  • dubbioso

    Ogni due settimane riviene fuori sta storia che a dicembre finisce l’USO. Ormai è da giugno che sentiamo sta storia, l’abbiamo letta qui su orvietosport, ora la sentiamo nelle televisioni di perugia. La società non smentisce intanto però belle partite come quest’anno non si erano mai viste, speriamo non sia il canto del cigno!
    Chiaro che se la società non ce la fa a mantenere la rosa non è colpa dell’allenatore che chiede i giocatori e la società glieli prende senza dire che poi non li può mantenere. Ma possibile però che ogni anno sto allenatore finisce dove ci so i problemi economici più grossi? ma è sfigato lui? ma le capa nel mazzo le società dove andare a allenare? tutti a dire che è una storia già vista, tutti a dire che se una società non paga la colpa non può essere dell’allenatore però Volpi finisce sempre ad allenare le squadre che poi rischiano di fallire, che cosa strana!

  • ciccio

    Come dice qualche persona piu’ altolocata di noi, Mister mi consenta,ma io non ce l’avevo con lei,lei fa il suo ruolo,ritengo che lo fa bene,la sua squadra e’ sempre messa bene in campo,riesce a leggere la partita,non ha grandi elementi ma elementi giusti nei ruoli giusti,insomma una squadra che puo’ tranquillamente fare questo campionato,se lei riesce a gestire anche quaranta elementi non credo che ci siano problemi da parte della tifoseria.
    La domanda che io ponevo non era certo di genere tecnico ma di carattere avvenieristico.

  • IL GATTO E LA VOLPE

    Mister, giusto per precisare, i conti non quadrano. Probabilmente per Lei esistono solo 24 potenziali titolari(che secondo la mia modestissima opinione, degli stessi, Lei li considera non più di 20), ma dai siti ufficiali, compreso quello della stessa Orvietana, la rosa è composta da 31 giocatori senza contare l’ultimo arrivato da oltreoceano. Chiaramente questi sono i cosiddetti “conti della serva” a Lei l’ardua sentenza…
    P.S. per conoscere le condizioni di una società sarebbe sufficiente sapere se giocatori, Mister e intero entourage vengono regolarmente retribuiti, se così fosse la società godrebbe di ottima salute, altrimenti……….?

  • santuzzo

    Ok mister ma la classifica dice che sotto ce ne sono solo sei!
    e delle prime 7 se ne sono incontrate solo 3: Spoleto, Pontedera e C. Rigone (mancano Arezzo, Sansovino, Pierantonio e Gr. Castello) proprio come tre sono quelle incontrate delle ultime: Flaminia (ultima) Sansepolcro (terzultima) e Todi (quartultima). Quindi il calendario è stato equilibrato.

  • volpi tommaso

    caro ciccio, i giocatori all’orvietana sono 27 con 4 portieri e 3 ragazzi della juniores che si allenano con la prima squadra, e non 35 come tu dici, giusto per precisare, per quanto riguarda che fine fara’ l’orvietana, io non lo so, spero bene, se cosi’ non fosse i primi danneggiati saremmo io e il direttore sportivo, noi costruiamo le squadre e le societa’ le dovrebbero mantenere, sai io quanto mi diverto a incontrare questi squadroni che costano 3,4, volte piu’ dell’orvietana ma in campo non si nota la differenza economica, noi abbiamo 10 punti e abbiamo incontrato le prime 7 in classifica e con una partita in piu’ fuori casa guardate dove sono squadroni come castelrigone, viterbese, flaminia, ecc, quindi io vorrei che si parlasse dei miei giocatori e di quello che stanno facendo, abbiamo prima uomini attaccati alla maglia, poi sono giocatori, e di questo i tifosi devono essere orgogliosi, le altre squadre specialmente le umbre hanno paura di noi ecco perche’ sperano che ci rompiamo, ma sara’ dura per loro, io credo molto nella societa’ anche se come ben sapete la crisi purtroppo ha danneggiato tutte le societa’ non solo l’orvietana, ti saluto e scusa se ho fatto qualche errore di oetografia, come qualche acculturato mi fa notare qui, mister. volpi.

  • POLLON

    L’ho sentita anche io questa cosa su UMBRIA TV…seguo la rubrica sportiva ogni domenica dall’inizio del campionato e sono già diverse domeniche che l’Orvietana viene tirata in ballo nelle discussioni in studio solamente per le vicende societarie ….mai una parola spesa sui giocatori(e a me pare che ce ne siano di buoni giocatori)neanche quando abbiamo asfaltato lo Spoleto…si parlava di piu dello Spoleto stesso e dell’USO se ne parlava solo per vicende societarie…. che tristezza…….onestamente allora mi viene da pensare che sia una certezza,un fatto OVVIO che tutto questo presto volgerà al termine e anche in malo modo….. non so piu cosa pensare!!!!!!

  • ........

    SECONDO ME LA SOCIETA’ NON RISPONDE IN MANIERA UFFICIALE PERCHE’ NON HA NESSUNA CERTEZZA SUL FUTURO. SICURAMENTE LE NUBI SCURE DI QUESTA ESTATE SI STANNO RIAVVICINANDO MINACCIOSE. COMUNQUE QUANDO DA QUALCHE PARTE TUONA…….SPERIAMO SOLO CHE SIA UNA PIOGGERELLINA E CHE NON GRANDINI DI BRUTTO !!!!

  • Marco Gobbino

    Quando qui ad Orvieto la stampa locale aveva chiesto lumi in proposito, per due mesi la società non aveva parlato e ci aveva chiesto di occuparci solo di calcio giocato, poi Biagioli in una conferenza stampa prima e in un’intervista uscita sui giornali all’indomani della vittoria sullo Spoleto poi, aveva rassicurato tutti che a Orvieto non si farà la fine del Montevarchi. Parole di presidente, quindi per me valgono per ora quelle. Però in ambienti “giornalistici” non orvietani tutti la pensano in altro modo. A Civita Castellana (dove Volpi ha allenato) non mi chiedevano mica con quale schema giocasse l’Orvietana o chi avevamo infortunato per presentare la partita contro di loro, ma i colleghi del posto mi chiedevano solo “quanto tempo durate ancora”. A Perugia tutte le emittenti televisive e radiofoniche già stanno sulla sponda del fiume ad aspettare che passi il cadavere. Basta vedere come hanno parlato ieri dell’Orvietana ovvero di una squadra che falserà il campionato perché ora si permettere di battere 5-0 la capolista Spoleto e di fermare il Pontedera, mentre tra qualche mese tutti faranno punti contro di noi: parola di giornalisti perugini, non orvietani. Mi dispiace che la società non abbia replicato (tutti telefonano a queste trasmissioni ma a quanto pare ad Orvieto guardano qualche altro canale).
    Anche dalla toscana colleghi della stampa considerano l’Orvietana una squadra “Mozzarella” ovvero con la data di scadenza attaccata. Qua abbiamo smesso da un mesetto di parlare di queste cose, proprio perché il presidente Biagioli aveva di persona smentito tutto. Forse è anche colpa nostra a non aver dato troppa visibilità a quella conferenza stampa, o forse i problemi, come mi permisi di scrivere, sono stati solo spostati avanti nel tempo di qualche mese ma non sono stati risolti. Però dopo aver “tranquillizzato” o perlomeno risposto alle dicerie cittadine, sarebbe bene che la società risponda e si renda conto anche di ciò che si dice in giro, sia in regione che fuori regione.

  • ciccio

    finalmente stiamo vedendo una ottima Orvietana,tiene testa ad ottime compagini, lasciando poco anche ad avversarie blasonate.
    Il suono delle campane pero’ fa sentire rintocchi poco piacevoli,si parla di nuovo Montevarchi e posso parlare anche delle fonti dove e’ uscita la notizia “Umbria Tv” forse non solo io l’ho sentita ma anche qualche altro telespettatore.
    Finiremo cosi? Questa e’ una domanda che vorrei girare alla societa’,se una societa’ esiste,qui nessuno parla vediamo solo trentacinque giocatori circa che si alternano negli allenamenti e che comunque si impegnano costantemente,gli unici davanti ai microfoni il mister e il ds,le altre voci silenzio,sappiamo i problemi,sappiamo le difficolta’,ma ai tifosi dite qualche cosa non facciamo sparire l’Orvietana.

  • lor

    Quando vediamo alzare la lavagnetta coi minuti di recupero smettemo de gioca’! Cmq gran partita da parte di entrambe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com