I primi quarant’anni della Lenza Orvietana

Questo articolo è stato letto 2371 volte

Qualche mese fa, ad una riunione del Direttivo della Lenza Orvietana Colmic Stonfo, ci si rese conto che il calendario stava per scandire un evento che raramente si celebra per una Società di pesca: il quarantesimo dalla sua fondazione.

Subito, istintivamente, i ricordi andarono a quel lontano 1973, quando alcuni dei fondatori, si incontrarono un giorno, proprio a pesca, e decisero di fondare una società nella quale alcuni amici, oltre a condividere la comune passione, si fossero potuti organizzare per praticare quell’agonismo che già all’epoca aveva la sua rilevanza ma che dalle nostre parti si metteva in atto solo a livello di gare sociali.

E l’avventura ebbe inizio.

Il sodalizio Orvietano disponeva già di persone molto valide che conoscevano i campi di gara “importanti” ed erano in contatto con molti dei personaggi che avrebbero poi fatto la storia dell’agonismo italiano. Sulla scorta di questo, con il passare degli anni i garisti si sono affinati ed hanno raggiunto traguardi ragguardevoli sia in patria che all’estero.

Ad un certo momento subentrò la consapevolezza di quanto fosse necessario creare ed alimentare un vivaio di giovani leve per continuare a percorrere le via intrapresa che era rivelata ben presto ricca di soddisfazioni. I nostri giovani via via negli anni hanno partecipato al primo mondialino sul Danubio, vincendolo, si sono aggiudicati Campionati italiani e si sono piazzati ai vertici di Campionati del mondo.

Parallelamente, la pesca incominciava a fare i conti anche con l’inquinamento che avanzava inesorabile ed occorreva quindi intervenire sui ragazzi per sensibilizzarli al rispetto dell’ambiente ed in particolare di quello acquatico, spazio vitale di ogni pescatore.

A questo proposito, dagli anni novanta in poi, dapprima con l’Istituto Comprensivo di Allerona, poi con la Scuola Media Scalza Signorelli e con il Liceo Scientifico Majorana di Orvieto, è iniziata una stretta collaborazione con interventi in classe tesi a sensibilizzare gli alunni sul tema ambientale e avviandoli al sano sport della pesca.

Nel tempo ci si è poi rivolti al mondo dei Diversamente Abili, favorendone l’ inserimento nel mondo dell’alieutica e seguendoli nelle manifestazioni più importanti, dall’Oasi di Vulci (VT) dove si tiene annualmente una gara nazionale a loro riservata, organizzata dalla Pescasportiva Fiora di Canino, al trofeo Aniep di Chiusi e ad altre importanti manifestazioni.

Per ritrovarsi insieme e per festeggiare degnamente la ricorrenza, domenica 13 marzo 2013 i vecchi soci fondatori, le leve che man mano hanno arricchito le fila della Lenza Orvietana, nel frattempo sponsorizzata Colmic -Stonfo, gli amici ed i simpatizzanti, si sono ritrovati per festeggiare in un allegro convivio i suoi primi quaranta anni . Durante la manifestazione, che è stata onorata dalla presenza del Vicesindaco nonché Assessore allo sport del Comune di Orvieto, Roberta Tardani, dal Presidente del Comitato Regionale FIPSAS di Perugia, Vanni Giorgioni, dal Presidente della Sezione Provinciale FIPSAS di Terni, Valter Chiari, dal rappresentante della ditta Colmic, Gianluca Zampa, sono state proiettate su di un maxi schermo, centinaia di fotografie che hanno scandito i quaranta anni trascorsi ed hanno instaurato, man mano che scorrevano, un clima di nostalgie, di emozioni, di ricordi commossi di quelli che per motivi di anagrafe non potevano esserci.

Il Presidente Giorgioni ha poi consegnato,a nome del Comitato che presiede, una beneaugurante targa ricordo.

L’occasione ha permesso di premiare alcuni atleti che si sono distinti in campo agonistico e di far dono ai bambini presenti di materiali offerti dalla ditta Colmic.

Particolarmente gradita è stata la lettera letta dal Presidente Valentino Maggi e che è stata inviata per la ricorrenza dal Presidente Nazionale FIPSAS Ugo Claudio Matteoli, lettera che riportiamo:

Caro Valentino,

In occasione del 40°anno di nascita della ASD Lenza Orvietana, esprimo a Te e all’intero Consiglio Direttivo oltre che a tutti i Vostri Soci, I’apprezzamento e il ringraziamento della Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee per il meritorio contributo che il Tuo Sodalizio ha apportato negli anni alla causa della pesca sportiva e delle altre attività federali e contraddistinto dai tanti successi e titoli agonistici conquistati con grande sportività sui campi gara di tutta Italia.

Ma, soprattutto, mi preme evidenziare I’ottimo lavoro, da parte della Tua Associazione, realizzato sul territorio e dedicato principalmente allo sviluppo e alla promozione delle discipline federali nell’ambito del settore giovanile.

La Tua Società ha puntato molto sull’attività giovanile e in quella promozionale scolastica, vantando, alla fine, uno dei migliori vivai italiani della pesca sportiva.

Questo Tuo e Vostro lavoro è una grande testimonianza per tutta la Federazione di quanto sia formativo e importante I’ inserimento e la conoscenza delle nostre attività federali nell’ambiente scolastico e di come sia possibile fare educazione e promozione delle discipline sportive della Federazione attraverso progetti formativi come quelli da sempre proposti ai giovani e giovanissimi dalla Società che rappresenti.

Queste le parole con le quali vorrei sintetizzare il contributo di esperienza e competenza dell’opera prestata dalla Tua Società in favore dell’intero movimento agonistico federale e del quale non possiamo che esserti eterni debitori.

Nel formulare I’augurio sentito per la festa che Vi apprestate a celebrare, Vi invio un cordiale e partecipe saluto federale, cui unisco volentieri il mio personale.

Molto caramente a Te e a tutti gli amici

Roma, 8 marzo 2013 Prof. Ugo Claudio Matteoli “

 

Renato Rosciarelli

 

 

 

 

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *