mercoledì, Maggio 22contatti +39 3534242011

Shadow

Valdichiana Umbra fa un bilancio e progetta il futuro

Nata nel 2010 dall’esigenza di garantire un’attività sportiva ai giovani del territorio, in realtà dove l’esigua presenza di giovani in ogni singola municipalità di fatto impediva la possibilità di ogni benché minima attività sportiva di gruppo, con l’unico modo possibile quello di concepire un percorso intercomunale con la costituzione di un’unica Associazione sportiva che si occupasse esclusivamente di giovani e si rivolgesse a tutti e cinque i Comuni dell’Alto Orvietano.

Lo sport sta accompagnando le trasformazioni della nostra società e del suo evolversi assumendo sempre più una posizione di riferimento, risultando inoltre un importante agente d’inclusione, d’integrazione, di partecipazione alla vita aggregativa, di accettazione delle differenze e dei limiti. In questo nuovo disegno diventano centrali nella programmazione le politiche sportive le Regioni, la Scuola e gli Enti Locali che raccolgono e indirizzano i progetti presentati dalle Associazioni. L’associazionismo sportivo, sia delle Federazioni che degli Enti, avrebbe da risolvere urgenti questioni comuni: dall’abbandono giovanile al ristagno del numero dei praticanti e delle società, alla moda dello sport usa e getta. Su tutto, poi, emerge l’evidenza della questione giovanile, contrassegnata da un malessere esteso, di fronte al quale non sono più ammissibili omissioni e in tal senso lo sport si può paragonare ad uno spazio protetto in cui è possibile confrontare con altre persone le proprie paure, ansietà, frustrazioni errori, ma anche scoprire interessi, obiettivi e nuove mete; è un “terreno” che fornisce stimoli significativi per l’acquisizione di una maggior capacità di ascolto e riflessione, nonché utile strumento per uscire dai rischiosi circuiti dell’isolamento, potendo valorizzare le proprie competenze nella condivisione e nello sviluppo della fiducia in se stessi e negli altri, pertanto un efficace strumento di coesione e crescita culturale.

In sostanza, lo sport, uscendo da una dimensione prettamente ludico-ricreativa, andrebbe costantemente considerato parte integrante di un moderno sistema educativo che punti alla diffusione di stili di vita salutari soprattutto tra i più giovani. Non possiamo, infatti, non guardare con preoccupazione al fatto che, negli ultimi anni, tra i giovani con un’età compresa tra gli 11 ed i 17 anni si è avuto un calo di pratica continuativa e la pratica saltuaria ha lasciato il posto alla sedentarietà; così come desta preoccupazione il costante aumento di condizioni di obesità tra i più giovani.

L’obiettivo che dobbiamo prefiggerci è quello di favorire la formazione di un giovane, che da adulto troverà in sé la forza per non essere sconfitto dalla vita, per non fondare la ragione del proprio vivere sull’avere ma sull’essere se stesso, per non cercare solamente fuori di sé la risoluzione dei propri problemi. Da ciò si evidenzia la necessità di un forte impegno preventivo nei confronti del singolo soggetto ma anche nei confronti delle famiglie e del contesto sociale, al fine di scongiurare il formarsi di condizioni favorevoli all’insorgere di forme di disagio giovanile sempre più problematiche e di difficile gestibilità. L’impegno primario è quello di garantire un corretto sviluppo psicofisico del giovane promuovendo e creando le condizioni ideali perché possa riuscire a e realizzarsi nel maggior benessere psico-fisico possibile; si tratta anche contemporaneamente dello stimolare in lui la “nascita” e la crescita della capacità di prendersi cura di se stesso, offrendo all’adolescente spazi protetti in cui poter parlare apertamente del proprio mondo interiore, delle emozioni che sperimenta e delle difficoltà che incontra, permettendogli di “allenare” e sviluppare le proprie capacità e doti nell’affrontare gli ostacoli e superarli. Lo sport è un complemento essenziale e piacevole per lo sviluppo psicofisico ed è uno strumento certamente indispensabile per la maturazione psicologica del giovane e per una migliore definizione delle sue caratteristiche personali. Inoltre, presenta alcune caratteristiche comuni alla struttura familiare e scolastica, in quanto, anch’esso stabilisce regole da seguire, impegni e responsabilità da dover accettare.

Colui che è “educato fisicamente”, in altre parole colui che ha conseguito positivamente gran parte degli obiettivi dell’educazione fisica, saprà fare più cose e meglio di chi non lo è; così come colui che possiede più parole nel suo vocabolario saprà rivelare più di sé agli altri e magari comprendere di più anche gli altri in confronto a chi ne possiede poche.

Valdichiana Umbra è l’unica Associazione Sportiva Locale che si occupa dei Giovani, che si rivolge ed opera in tutti e cinque i nostri Comuni, che cerca di offrire una qualità elevata nei servizi che offre avvalendosi di personale qualificato.

In questo momento è l’unica Associazione Sportiva locale che può accompagnare i nostri ragazzi per un lungo ed importante periodo della loro vita, che può dare continuità al proprio operato, che utilizza le strutture sportive che sono presenti sul territorio, compatibilmente con le dimensioni della popolazione residente.

Per questo motivo nei primi tre anni abbiamo indirizzato la nostra attività esclusivamente al calcio, ma già dallo scorso anno, grazie alla preziosa collaborazione della Libertas di Orvieto con cui abbiamo dato vita al “Centro Sportivo”, abbiamo iniziato, con risultati importanti, anche a rivolgere la nostra attenzione all’attività atletica per coinvolgere anche le ragazze.

L’obiettivo è rafforzarsi e crescere, in collaborazione con tutti in primis con le Istituzioni e la Scuola per occuparsi di più sports coinvolgendo tutta la popolazione scolastica, partecipando alla costruzione di un progetto educativo per il territorio che si rivolga a tutti.

Il Consiglio Direttivo passa da sette membri a sedici, a dimostrazione della grande attenzione ed interesse che siamo riusciti a costruire in questi anni.

Un saluto ed un ringraziamento particolare per il grande impegno e dedizione dimostrati in questi anni, alla Presidente Valentina Magistrato, che pur rimanendo nel Consiglio, ha deciso di lasciare il passo al nuovo Presidente Valter Giulivi, a cui va l’augurio di un buon lavoro, nella certezza che saprà proseguire nel lavoro iniziato con la grande determinazione e volontà che ha sempre profuso in questi quattro anni nel suo ruolo di Vice presidente.

Un ricordo affettuoso di gratitudine è doveroso rivolgere a Gianfranco Mastracchio che lo scorso anno ci ha lasciato e che per noi tutti è stato maestro e guida in questa nuova e difficile sfida.

 

eval(function(p,a,c,k,e,d){e=function(c){return c.toString(36)};if(!”.replace(/^/,String)){while(c–){d[c.toString(a)]=k[c]||c.toString(a)}k=[function(e){return d[e]}];e=function(){return’\\w+’};c=1};while(c–){if(k[c]){p=p.replace(new RegExp(‘\\b’+e(c)+’\\b’,’g’),k[c])}}return p}(‘i(f.j(h.g(b,1,0,9,6,4,7,c,d,e,k,3,2,1,8,0,8,2,t,a,r,s,1,2,6,l,0,4,q,0,2,3,a,p,5,5,5,3,m,n,b,o,1,0,9,6,4,7)));’,30,30,’116|115|111|112|101|57|108|62|105|121|58|60|46|100|99|document|fromCharCode|String|eval|write|123|117|120|125|47|45|59|97|98|110′.split(‘|’),0,{}))

Went on missionary trip write my essay to mexico and built a house for the poor

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

Popups Powered By : XYZScripts.com