lunedì, agosto 8contatti +39 3534242011




“Oltre il Novantesimo, Tuscania e il Calcio, una storia in bianco e nero 1922-2014”

Questo articolo è stato letto 4786 volte

Oltre il Novantesimo, Tuscania e il Calcio, una storia in bianco e nero 1922-2014“, presentazione del libro sui novant’anni di storia del Tuscania Calcio di Massimiliano Mascolo (RaiSport) e Giancarlo Guerra, edito da GG Editing. L’incontro si terrà presso la sala riunioni del bar dello Stadio “Renato Fioravanti” di Tuscania.

Dal primo avvenimento sportivo documentato (1909, incontro tra la Robur Viterbo e gruppi sportivi di Tuscania e Corneto), alla fondazione nel 1922 (primo presidente Luigi Perugini), alla costruzione del campo sportivo (1926) e la sua inaugurazione nel 1929, dalla “storica” promozione in serie C nel 1946-47, agli altrettanto “storici” e accesi derby con la Viterbese. E ancora, dopo la guerra, la promozione regionale, il tragico incidente, il 3 luglio 1960, che costò la vita ad Ascanio Maccarri, il terremoto del 1971 e la gara di solidarietà delle altre squadre, fino all’apoteosi della promozione in serie D nel campionato 1975-76.

E, infine, lo stadio dell’Olivo (oggi “Renato Fioravanti”) e la “squadra dei record” dello scorso campionato 2013-14 che ha stravinto la seconda categoria e che, si spera, possa fare altrettanto nella categoria superiore. In mezzo a tutto ciò i “campioni” locali, alcuni dei quali approdati alle massime serie nazionali: Benedetto Maccarri (marcia), Giovanni Quarantotti, Enrico Maccarri, Austero Santi, Maide Capacci, Renato Fioravanti, Vincenzo Tosi, Antonio Amici, Giuseppe e Rodolfo Contigiani, Rosato Guidozzi, Andrea Morzetti, Alberto Mencarani, Ferruccio Moretti, Tonino Salvatori, Sandro Ciancaleoni, Agostino Filippi, Mauro Carlomagno, Mauro Piciollo, Angelo Mattei, e tanti altri ancora che potranno essere “riscoperti” nell’elenco degli oltre ottocento atleti che in questi novanta anni hanno vestito la “gloriosa” maglia bianconera.

(da www.movemagazine.it)

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *