giovedì, settembre 29contatti +39 3534242011




Il De Martino sempre più fortino. L’Orvietana Rugby in casa non si batte

Questo articolo è stato letto 1445 volte

Tirava aria di guerra al “De Martino” di Orvieto e cosi è stata. La partita tra Orvieto e Amatori Perugia è stata un vero spettacolo rugbistico sia per i spettatori che per i giocatori. Entrambe le compagini si sono confrontate a viso aperto facendo vedere lampi di bel gioco e momenti di grande agonismo e tenacia. Alla fine Orvieto riesce a spuntarla con una prova di carattere e con una ottima qualità soprattutto del pack di mischia.

Orvieto parte forte e riesce a mantenere il pallino del gioco per tutta la prima parte di tempo, ma non riesce a passare mai perché gli Amatori sono squadra tosta e determinata e non è mai facile vedersela con loro. Quando siamo quasi al ventesimo minuto la determinazione di Francesco Ricci viene premiata, riesce a rubare una palla al numero 9 avversario e in un attimo schiacciarla in meta, per la prima volta in carriera dopo anni di placcaggi e voli in touche .

Perugia reagisce ma non passa ed allora ecco che per Orvieto si crea una altra occasione ghiotta, Menghinelli spara un piede dietro la linea di difesa avversaria e Lorenzo “billy” Marchignani raccoglie e con uno splendido off-load serve il capitano Ermini che sposta ulteriormente il pallone verso Samuele Perugini il quale con uno sprint da velocista riesce a finalizzare la seconda meta orvietana.

Perugia è nel pallone e ricorre alla panchina facendo entrare a numero nove il fortissimo Puica che cambia perlomeno l’inerzia del gioco, riuscendo a portare pressione con i suoi calci potenti e precisi.

E quando siamo sul finire del primo tempo Perugia riesce a passare con capitan Trinchetti sempre tra i migliori in campo e Perugia accorcia il risultato.

La ripresa inizia con Orvieto sempre determinato la mischia comandata da Nuccioni non fa una piega e ogni azione offensiva perugina è vana, al 10’ minuto della ripresa Riccetti colpevole di un placcaggio in ritardo va fuori per 10 minuti e lascia i suoi compagni con l’uomo in meno.

Ma è proprio dalle difficoltà che Orvieto riesce a sollevarsi sopra agli altri, andando a segno con il rientrante PierPaolo Troili ben imbeccato da Nuccioni su continue ripartenze ravvicinate dalla mischia.

La partita si porta cosi a conclusione con Perugia che prova a recuperare e Orvieto che li ricaccia indietro a suon di placcaggi e controruck.

Unica nota infelice della giornata è l’infortunio accorso al numero 10 orvietano Dimitri Menghinelli, colonna portante del rugby orvietano dentro e fuori dal campo.

La gioia dei ragazzi di coach Mammoli è grande e anche il mister sarà ben soddisfatto dei suoi ragazzi che hanno dimostrato ancora una volta che in casa Orvieto non si passa.

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *