sabato, maggio 21contatti +39 3534242011




Bagnato esalta l’Orvietana, il San Venanzo lotta ma esce a mani vuote

Questo articolo è stato letto 2160 volte

Palo e rigore sbagliato dagli ospiti, mentre tutto ciò che tocca il numero dieci biancorosso si trasforma in oro.

 

ORVIETANA – SAN VENANZO 3-1

ORVIETANA: R. Perquoti (34’st Serrani), Casarelli (26’st Mollichella), Antichi, Pallottino, Ammendola, Bigi, Borrello, Bisti, Borrelli, Bagnato, Cochi (28’pt Tiberi). A disp.: Di Girolamo, Ciccone, Scaffidi, S. Perquoti. All.: Montenero.

SAN VENANZO: Taddei, An. Sargentini (34’st Roticiani), Bastiani (46’pt Volpi), Panizzi, Insalaco, Gennaro, Servoli, Lanterna (24’st Ruspolini), Graziani, Soyanov, Mencacci. A disp.: Pintori, Pambianco, M. Sargentini, Al. Sargentini. All.: Turchi.

ARBITRO: Nebiu di Foligno (Catrana di Perugia – Zingarini B. di Perugia).

MARCATORI: 6’pt e 15’st Bagnato (O), 14’st Soyanov (SV), 29’st Mollichella (O).

NOTE: Al 16’pt R. Perquoti (O) para un rigore a Panizzi. Ammoniti: Pallottino (O), Bastiani, Insalaco, Servoli (SV). Angoli: 6-5 per l’Orvietana. Recupero: pt: 2’; st: 5’.

 

Un avvio di girone di ritorno confortante per l’Orvietana che trova la quarta vittoria in 6 partite, il match contro l’ultima della classifica è stato superato però non senza qualche emozione di troppo e senza smentire quanto avevano detto le ultime gare: con un Bagnato così, gli altri giocatori in campo possono anche permettersi qualche distrazione. Forse anche troppo dipendente da questo giocatore, la squadra di Montenero deve però provare a chiudere prima le partite che almeno sulla carta non dovrebbero rappresentare un ostacolo. Invece il San Venanzo colpisce un palo, sbaglia un rigore, trova anche il gol del pareggio, ma Bagnato ha sempre il jolly da giocare e pure Borrelli riesce a sfoderare una buona prestazione.

Montenero conta gli assenti, Vergari ancora out per problemi e tre squalificati, su tutti Monesi, assenza che lascia il centrocampo più molle del solito. Ma ci pensa il fuori categoria Bagnato, presente in ogni zona del campo, a risolvere tutto e presto: dopo due minuti sfiora il vantaggio, dopo 5 su assist di Borrelli trova il gol sul primo palo. Partita in discesa? Niente affatto, l’ex Graziani colpisce il palo pieno con Perquoti che non sarebbe potuto intervenire: tutto avviene grazie al primo di tanti cross di Soyanov che crea disagi in area biancorossa. Continua a farsi vedere in avanti il San Venanzo prima con un colpo di testa di Gennaro che termina alto, poi col movimento di Graziani che inganna Pallottino e procura il rigore. Sul dischetto si presenta Panizzi, il tiro è angolato ma l’ancora minorenne portiere di casa si distende in tuffo intuendo la traiettoria e para. Palo e rigore non trasformato che tolgono speranze al San Venanzo, così che nel finale di tempo torna a farsi vedere l’Orvietana, malgrado l’infortunio di Cochi che porta in campo il baby Tiberi. Il San Venanzo riuscirà a farsi vedere solo con un tiro dalla lunga distanza con Insalaco e con un dribbling di Servoli chiuso da una conclusione centrale.

Nella ripresa Montenero inverte i protagonisti della fascia destra, arretrando Bisti e avanzando Casarelli. I ritmi sono bassi, l’Orvietana non riesce a chiudere la gara e al 14’ arriva il pareggio: mischia in area davanti a Perquoti che cade a terra, per l’arbitro non c’è fallo sul portiere e allora Soyanov non ha problemi, sulla ribattuta corta, ad insaccare. Ma la gioia ospite non dura neanche un giro di orologio, l’Orvietana colpita nell’orgoglio gioca la solita carta vincente: palla a Bagnato che da fuori area fa partire una traiettoria a girare imparabile per Taddei. Chi non aveva potuto vedere le magie di una settimana prima a Terni, ha potuto godere della replica al Muzi. Diversi fuorigioco contestati hanno evitato poi che Borrelli chiudesse i giochi in anticipo, mentre un rinvio corto di Perquoti ha dato l’occasione a Mencacci di provare il pallonetto, col portiere che poi ha faticato non poco per deviare in corner. Il risultato però resta ancora in bilico e tre cross del solito Soyanov hanno rimesso in evidenza contemporaneamente i problemi difensivi dell’Orvietana, ma anche la sterilità offensiva della squadra di Turchi. Nel finale c’è tempo per far gioire un altro giovane, Borrelli infatti riceve palla da Borrello entra in area tutto solo e invece di cercare il gol personale, preferisce appoggiare a Mollichella da poco entrato che non si fa mancare la ghiotta occasione di finire sul tabellino dei marcatori.

L’Orvietana si ritrova ora a meno sette dalla zona playoff, il girone di ritorno, dopo 6 partite, ha portato in cascina 5 punti in più rispetto a quello di andata, anche se il confronto con la scorsa stagione vede l’attuale squadra con 8 punti in meno rispetto all’annata precedente dopo 21 giornate.

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *