sabato, maggio 21contatti +39 3534242011




Promozione: meno 5 al termine, tutto si riapre in testa e in coda

Questo articolo è stato letto 1021 volte

Un solo punto divide le prime due, mentre in zona playout ci sono 5 squadre in appena tre punti. Perde di interesse la zona playoff, sia per il vantaggio della seconda sulla quinta che per quanto sta accadendo in Serie D. Ma il terzo posto dell’Arrone, che scavalca l’Amerina, va comunque sottolineato.

4 vittorie interne, un solo pareggio e 3 vittorie esterne con 11 reti segnate dalle squadre di casa ed altrettante da quelle in trasferta. Questo il riassunto della 25^ giornata. Viene fermata in casa dal Bevagna la capolista e il Petrignano ne approfitta rosicchiando due punti grazie al successo di misura contro l’O. Thyrus. L’Arrone sbanca Marcellano, in un match che ha regalato 5 reti, e diventa così la terza forza del torneo: dopo il cambio di allenatore i ternani hanno decisamente cambiato marcia. Due risultati a sorpresa che ridisegnano la zona playout: l’Assisi batte l’Amerina e il Ducato va a vincere ad Orvieto. Classifica cortissima tra la sestultima e la penultima. Anche il GM10 vince, mentre l’unica che perde terreno in fondo è il Macchie.

A 5 giornate dalla fine, il record di vittorie spetta sempre alle prime due (16 su 25 partite), il minor numero di sconfitte è della capolista (4) così come il miglior attacco (46), la migliore difesa è invece quella dell’Amerina (22). La squadra che ha pareggiato di più è il Bevagna (11). I record negativi riguardano tutti, ovviamente, il San Venanzo: 2 sole vittorie, 18 sconfitte, 12 reti segnate e 42 subite.

Prossimo turno che manderà la capolista a giocare sul campo dell’O. Thyrus, mentre il Petrignano sarà impegnato, sempre in trasferta, contro il Ducato. Altri match interessanti saranno Arrone – Orvietana e Campitello – Nuova Gualdo Bastardo. L’Amerina proverà a riscattarsi ospitando il GM10, completano il programma O. Collepepe P. – Macchie, Bevagna – Assisi e S. Venanzo – Clitunno.

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *