martedì, Giugno 18contatti +39 3534242011
Shadow

Quando esserci conta più che essere veloci. L’Umbria Nuoto vince la Skin Race

Domenica 1° maggio, mentre i lavoratori si godevano la festa, mentre a Terni si commentavano i carri del Cantamaggio, a Roma si ballava al Concertone, gli infaticabili atleti dell’ Umbria Nuoto Master hanno partecipato all’11° Trofeo “Città di Bastia”, inserito nel circuito supermaster della Federazione Italiana Nuoto.

A Bastia Umbra, infatti, si sono svolte le gare di nuoto master, in cui gli atleti Umbria Nuoto – UISP Agonistica di Orvieto, Terni e Spoleto hanno partecipato alle gare individuali in programma ed alcuni di loro alla competizione più spettacolare ed impegnativa del nuoto, in cui viene eliminato uno ad uno chi tocca per ultimo, solo chi resta ripete la gara, ad eliminazione progressiva fino a uno “scontro a due” l’Australiana denominata per l’occasione “Skin Race”.
Malgrado la partecipazione non particolarmente numerosa, la manifestazione si è presentata molto competitiva, considerando che sono stati battuti due record Italiani ed uno Europeo.

L’Umbria Nuoto ha conquistato la settima posizione della classifica generale su un totale di 59 squadre, vinta dalla società di casa Centro Nuoto Bastia alla quale vanno fatti i complimenti oltre che per il risultato anche per l’organizzazione.

Nelle gare individuali, l’Umbria Nuoto ha portato a casa ottimi risultati nelle rispettive categorie e un bel po’ di medaglie: 5 d’oro con Diamante D’Agnilli nei 200 RA 3’08″84 e 50 SL 30″62, Paola Bonaccini nei 200 DF 3’07″51, Emanuele Maggi nei 50 RA 41″79 e Luca Spiga nei 50 DF 30″33, 6 d’argento con Sofia Isidori 100 SL 1’11″45, Claudio Zappitelli 200 DF 3’12″89, Roberto Arcangeli 50 SL 28″75, Stefano Cinti 50 SL 30″09 e 50 RA 40″26, Paola Bonaccini 50 RA 47″68) e 5 di bronzo con Luca Spiga 100 DF 1’10″89,Elena Palmioli 50 SL 39″77, Sofia Isidori 50 DO 40″18, Roberto Arcangeli 50 DF 34″35, Claudio Zappitelli 50 DF 34″42.

Hanno inoltre partecipato Michele Turro che sfortunatamente per un errore in virata ha subito una squalifica nei 200 RA ed è giunto 8° nei 50 SL; da sottolineare che la categoria di Michele (M35) è una delle più competitive costituita da buoni nuotatori, e Maurizio Dainelli, compagno di squadra di Spoleto che per la prima volta quest’anno ha gareggiato nei 100 stile libero e qualificandosi sesto tra gli M45, purtroppo ci ha dovuto lasciare la mattina per motivi di lavoro.

Ma l’evento più esaltante è stata la “Skin Race” inserita nella manifestazione.
La gara è stata organizzata, dal Centro Nuoto Bastia e dalla Blu Water in memoria di Enrico Cioli atleta appartenente a quest’ultima scomparso nell’agosto 2014 al largo delle isole Formiche in una sfortunata immersione insieme ad altri due suoi amici.
L’introito è stato devoluto, per volontà della famiglia di Enrico, alle associazioni di volontariato: La Lumaca Onlus – Associazione pazienti umbri affetti da tumore tiroideo e Ass. Punto Rosa Onlus – Assistenza donne operate al seno.
Sulla lunghezza dei 25 metri si sono svolte le batterie di qualificazione, le due semifinali con i migliori 16 tempi maschili e i migliori 16 tempi femminili, infine le due finali con 8 atleti maschili e 8 femminili.
Ad aggiudicarsi la vittoria sono stati rispettivamente gli atleti Rico Rolli (Centro Nuoto Bastia) e Giulia Fucini (Chimera Nuoto)
Tra le batterie femminili l’Umbria Nuoto ha schierato Paola Bonaccini, Sofia Isidori ed Elena Palmioli: Elena è tornata in vasca da poche settimane, dopo una lunga pausa obbligata che non le ha tolto né l’entusiasmo né la grinta; Paola, che non é molto competitiva nelle gare corte, ma che è comunque rientrata in semifinale, e la velocissima Sofia che proprio in semifinale ha battuto la compagna di squadra e che ha ritrovato la consapevolezza nelle sue doti da velocista; Paola ha comunque conquistato il bronzo nella categoria M30.
Un forte spirito di squadra ha accompagnato queste tre ragazze, che si sono incoraggiate a vicenda, ma una sana competizione ha spronato Paola e Sofia a dare il massimo nella semifinale, in cui, appunto, Sofia, ha avuto la meglio.

I “ragazzi” della squadra che si sono battuti per la semifinale sono stati Roberto Arcangeli, Stefano Cinti e Claudio Zappitelli, solo il primo l’ha spuntata ed ha gareggiato nella semifinale. Stefano e Claudio, si sono “accontentati” del bel tempo della qualificazione e della sensazione di gareggiare con atleti di alto livello, anche di “qualche mese” più giovani, che li hanno spinti a volare nei 25 metri.
Comunque la gara è stata vinta da un vero fuoriclasse di casa Rico Rolli (M50) che ha messo in riga svariati giovinetti.
I sei atleti dell’Umbria Nuoto che hanno partecipato alle qualificazioni e alle semifinali si sono aggiudicati la coppa per miglior Squadra Skin Race, ovvero, la squadra che ha partecipato con il maggior numero di atleti e che a parità di iscritti ha ottenuto il miglior punteggio (ovviamente escludendo la società di casa),.
Partecipare alle qualificazioni per la staffetta Australiana è stata una bella emozione, ma a completare il divertimento e la felicità è stata la vittoria inaspettata della coppa, con la quale sono stati premiati la partecipazione, l’impegno e lo spirito di squadra.
Una menzione particolare va a Paola che ha affrontato con grande impegno e buon riscontro cronometrico l’impegnativa gara dei 200 delfino.
Si ricorda che Paola insieme a Claudio si apprestano, bracciate dopo bracciata a concludere l’”Iron Master”, competizione a circuito, a carattere individuale, riservata agli atleti Master che nuoteranno tutte le 18 distanze gara ammesse.
Le giornate di gare si concludono sempre in un’atmosfera piacevole e gioiosa; questa domenica é stata anche insaporita da panini con la salsiccia e birra fresca offerti dall’organizzazione.
Ma a prescindere da questo, dalle medaglie, dai tempi, ciò che veramente conta è lo straordinario impegno degli atleti dell’Umbria Nuoto, l’allegria di Capitan Emanuele, la grinta di Elena, la costanza di Michele e quanto ognuno di noi porta e condivide con il resto del gruppo, perché molto spesso nelle gare Master è più importante esserci che essere veloci.

nuoto master uisp

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

Popups Powered By : XYZScripts.com